Espandi menu

Divorzio all'italiana

Regia di Pietro Germi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 260
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Divorzio all'italiana

di bradipo68
10 stelle

Germi esordisce nella commedia dai risvolti satirici e dirige uno dei suoi migliori film(a detta di molti il migliore e mi ci metto anche io tra questi).Eppure non racconta una storia così comica,non doveva essere una commedia il raccontare alcune storture del nostrano codice penale,in particolar modo quella riguardante l'articolo 587 che stabiliva pene detentive esigue per i colpevoli del cosiddetto delitto d'onore(da tre a sette anni di galera) e  la mancanza della possibilità del divorzio.E qui entra in scena il barone Ferdinando Cefalù,non più giovanissimo, invaghito di una propria cugina sedicenne,Angela e letteralmente imprigionato nel matrimonio senza amore che si protrae da più di dieci anni con la non precisamente atttraente Rosalia.Sfruttando i vuoti legislativi il barone cercherà la propria felicità a qualsiasi prezzo,a costo di macchiarsi(per modo di dire) del famigerato delitto d'onore.Germi come di consueto racconta una storia limite per descrivere con toni satirici molto accentuati la Sicilia di quel tempo,ancora schiava di retaggi antichi e incapace di aprirsi alle pulsioni moderne.Cefalù(un superbo Mastroianni) sente di non appartenere a questo mondo stracolmo di ignoranza,vuole fuggire dal ruolo assegnatogli nella scala gerarchica .Ed ecco che cerca di uscirne in tutti i modi.Anche a costo di buttare la moglie nelle braccia di un suo vecchio spasimante,primo passo di un piano diabolico.La Sicilia vista da Germi è terra di bellezze artistiche non apprezzate abbastanza,di donne chiuse in casa che hanno importanza solo come vigilatrici del focolaio domestico,di uomini perennemente in piazza per apparire,galli sempre con la cresta in bella mostra.Qui il prete dal pulpito consiglia di votare un partito democratico e cristiano,qui esistono i comunisti ma quando devono giudicare la moralità di una ragazza si dimostrano più bacchettoni dei democristiani che combattono(una delle scene più esilaranti del film),qui la famiglia dall'esterno pare unità indissolubile e inviolabile in realtà è squassata da fermenti di ogni tipo.La solita storia della provincia in cui non sembra mai accadere nulla e invece sotto la brace cova un fuoco impetuoso.Si ride tanto ma subito dopo ci si rende conto che in realtà c'è ben poco da divertirsi.E la scena finale con la cittadinanza tutta alla stazione ad accogliere come un trionfatore il barone Cefalù appena uscito da galera genera quasi malessere nel suo deformare il concetto di bene e di male,di onore e di disonore.Germi ci regala un ritratto acre ed impietoso di una società organizzata secondo una rigida gerarchia che il protagonista vuole apparentemente sovvertire.Dico apparentemente perchè in realtà a Cefalù interessa solo cambiare il suo ruolo in questa scala gerarchica.Divorzio all'italiana è uno dei maggori esponenti del genere della commedia all'italiana,un film celebratissimo all'estero dove raccolse un Oscar per la brillante sceneggiatura scritta  da De Concini,Giannetti e dallo stesso Germi tratta da un romanzo(a dir la verità drammatico) di Giovanni Arpino,Un delitto d'onore.Vinse inoltre la Palma d'Oo a Cannes com miglior commedia e anche Mastroianni vinse diversi premi(Golden Globe,BAFTA,Nastro d'Argento) per la sua magistrale caaratterizzazione del barone,tutta tic e mossette sia quando è tirato a lucido con i capelli e i baffetti impomatati,sia quando in pieno stress ha l'aspetto trascurato con barba lunga e capelli sparati verso l'alto.E pensare che Germi neanche lo voleva,fu Mastroianni dopo una dieta ingrassante e varie insistenze che riuscì a convincerlo.Il film fu il trampolino di lancio per una giovanissima(e bellissima) Stefania Sandrelli.Una curiosità nel doppiaggio:la Sandrelli e Daniela Rocca che interpreta la parte di Rosalia Cefalù ,moglie del barone Ferdinando, sono doppiate entrambe da Rita Savagnone.

Su Pietro Germi

probabilmente la sua migliore regia

Su Marcello Mastroianni

entusiasmante

Su Stefania Sandrelli

giovanissima e bellissima

Su Daniela Rocca

brava nel ruolo di Rosalia

Su Leopoldo Trieste

ottimo

Su Lando Buzzanca

parte secondaria

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati