Trama

Un soldato unionista mezzo morto viene aiutato e curato dalle ragazze di una scuola femminile della Confederazione. La presenza del maschio attiverà giochi pericolisi e rivalità interne al gruppo.

Approfondimento

L'INGANNO: MANTENERE L'INNOCENZA

Diretto e sceneggiato da Sofia Coppola, L'inganno si basa su un romanzo di Thomas Cullinan e racconta la storia, sullo sfondo della Guerra civile, di un gruppo di studentesse che, nel loro collegio del Sud, accolgono un soldato nemico ferito. Mentre le ragazze si prendono cura del soldato e ne curano le ferite, in casa iniziano a montare forti tensioni sessuali e pericolose rivalità che, rompendo ogni tabù, portano a svolte inaspettate.

Con la direzione della fotografia di Philippe Le Sourd, le scenografie di Anne Ross, i costumi di Stacey Battat e le musiche di Phoenix (basate sul Magnificat di Monteverdi), L'inganno porta la regista Sofia Coppola a raccontare una storia che si svolge nel XIX secolo, dopo aver esplorato con i suoi precedenti film vicende di personaggi vissuti nel XVIII, nel XX e nel XXI secolo. Infarcito da elementi di thriller psicologico, L'inganno si svolge nel 1864 (tre anni dopo lo scoppio della Guerra Civile) ed è principalmente ambientato all'interno di un collegio per sole ragazze in Virginia, costrette a confrontarsi con il mantenimento della loro innocenza in un contesto come quello della guerra in cui ogni valore viene rimesso in discussione. Esplora inoltre anche come gli aspetti più animali del comportamento umano possano essere provocati anche quando non si è al fronte.

Lo stesso romanzo di Cullinan è stato già trasposto su grande schermo da Don Siegel in La notte brava del soldato Jonathan. Il punto di vista adottato però dalla Coppola è alquanto femminista: sebbene si svolga nell'Ottocento, a detenere il potere sono infatti le donne, che vedono minacciati dalla presenza del soldato il loro cameratismo e il loro isolamento. Per risaltare le prove delle sue attrici, la regista ha scelto inoltre di girare con una aspect ratio di 1.66:1 dando grande importanza al linguaggio del corpo.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere L'inganno è la regista, sceneggiatrice e produttrice Sofia Coppola. Figlia d'arte, Sofia è cresciuta nella California del nord e, dopo avere disegnato costumi per due lungometraggi, ha deciso di studiare Belle Arti al California Institute of the Arts. Nello stesso periodo, ha mosso i primi passi dietro... Vedi tutto

Note

Remake del film La notte brava del soldato Jonathan del 1971 diretto da Don Siegel e che schierava Clint Eastwood nel ruolo del soldato unionista.

Commenti (7) vedi tutti

  • Cosa succede quando gli uomini sono tutti in guerra e le donne sono indifese e in competizione tra loro per un soldato nemico di cui non sanno niente?

    leggi la recensione completa di ValeB
  • Questo film ha diviso la critica, e, a quanto ne so, anche il pubblico, soprattutto perché è difficile darne una valutazione autonoma rispetto all’onnipresente e molto (giustamente) ingombrante La notte brava del soldato Jonathan, il capolavoro di Don Siegel, ispirato, come questo, al romanzo di Thomas Cullinan A painted Devil.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Il giardino delle vergini omicide. Un elegante e terribile minuetto di morte.

    leggi la recensione completa di ROTOTOM
  • La Coppola va avanti con il suo bravo compitino, portando a termine un film fin troppo patinato affidandosi del tutto nelle mani sapienti di Nicole Kidman, vera star del suo film, dove indubbiamente Elle Fanning si distingue bene ma Colin Farrell perde alla distanza senza ombra di dubbio il raffronto con il mitico fuorilegge chiamato Clint.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Attirato dal film Valerian di Besson sono andato a vedere i film in programmazione a Lucca . Allora ho visto la locandina di questo film, L'Inganno, con la Kidman, la Dunst e Colin Farrel, ovvero tre degli attori preferiti da mia moglie, la quale credo non sia mai andata al cinema nel 21° secolo !!

    leggi la recensione completa di blualberto1966
  • Coraggio è riconoscere cosa fare quando è necessario farlo.

    leggi la recensione completa di champagne1
  • THE BEGUILED: sedotto e raggirato lui, o prede indifese loro? Due grandi nomi del cinema – Coppola vs. Siegel – ci forniscono, a quasi 50 anni di distanza - due accezioni solo minimamente differenti, ma che nascondono due sensibilità, due visioni, due universi: quello maschile e quello femminile.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

pippus di pippus
6 stelle

Ad esser sincero, essendo da tempo impegnato in altra produzione più “pesante”, non avevo preso in considerazione  di scrivere qualcosa su quest’ultimo “parto” della giovane figlia d’arte e oltretutto le recensioni presenti, convinte o meno che siano, sono più che esaustive però… dopo la visione la tentazione è... leggi tutto

9 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

alan smithee di alan smithee
8 stelle

FESTIVAL DI CANNES 70 - CONCORSO - PALMA D'ORO PER LA REGIA - CINEMA OLTRECONFINE (La presente recensione riguarda, mettendoli a confronto, sia L'INGANNO (2017) sia LA NOTTE BRAVA DEL SOLDATO JONATHAN (1971), e si ripete su entrambi i film.) BEGUILED: sedotto, raggirato, ingannato. Sorvolando sul titolo pittoresco della versione italiana del film originario di Don(ald) Siegel... leggi tutto

12 recensioni positive

Recensione

hallorann di hallorann
7 stelle

Che Sofia Coppola sia un’autrice sopravvalutata non c’è dubbio. Con L’INGANNO del gran nome ha gettato fumo negli occhi nel corso di una filmografia, spesso premiata nei festival. L’insostenibile superficialità ha sostanziato opere dallo stile accattivante ma povere di contenuti. L’INGANNO in parte si salva da queste colpe, ha qualcosa nella regia...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

Zagarosh di Zagarosh
6 stelle

Nel romanzo omonimo di Thomas Cullinan, già adattato per il grande schermo con La notte brava del soldato Jonathan, non manca nessuna delle suggestioni necessarie per creare un grande lavoro di Sofia Coppola in grado di mischiare il gusto del dramma in costume con una storia di reclusione femminile. Una storia di donne costrette a vivere in un ambiente angosciante, ciascuna con qualche...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 37 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
6 stelle

Virginia, 1864. Manca un anno alla fine della guerra di secessione. Una ragazzina trova il moribondo caporale McBurney (Farrell), un soldato nordista, in mezzo al bosco. Avverte la direttrice (Kidman) del collegio femminile della confederazione alla quale appartiene, la quale decide di curare il soldato per poi lasciarlo al suo destino. Nel gineceo l'arrivo del nuovo oggetto del desiderio...

leggi tutto

Recensione

magnolia149 di magnolia149
8 stelle

Buon film che con il pretesto della guerra civile americana, analizza la vera anima della donna accogliente, generosa, (in questo caso cattolica). Chi sono queste donne con l'animo da crocerossine?  Quasi tutte vedono nel soldato nemico soccorso un uomo, per cui mettersi in tiro (a parte il capo e la più piccola), quindi con finalità più o meno esplicite,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
7 stelle

Ho sempre concordato quando leggo in giro che Sofia Coppola è sottovalutata, che il suo cinema non è stato mai capito a pieno. Da donna mi rifiuto di pensare che ciò accade per una parità di sessi, mai veramente raggiunta nella settima arte, augurandomi, seppur sempre amaramente, che sia solo il cognome che porta a rendere, il critico prima e lo spettatore poi, ad...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

pippus di pippus
6 stelle

Ad esser sincero, essendo da tempo impegnato in altra produzione più “pesante”, non avevo preso in considerazione  di scrivere qualcosa su quest’ultimo “parto” della giovane figlia d’arte e oltretutto le recensioni presenti, convinte o meno che siano, sono più che esaustive però… dopo la visione la tentazione è...

leggi tutto

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Ho visto anni fa il film di Don Siegel “The beguiled” e l’ho anche recensito, ma a dire il vero al momento non lo ricordo più benissimo. Non sono in grado di fare un confronto preciso con il remake di Sofia Coppola, che mi è sembrato ugualmente un film interessante e ben risolto: forse la differenza principale è che Siegel fece un film più...

leggi tutto

Recensione

penelope68 di penelope68
8 stelle

Siamo in piena guerra di secessione, una bambina cercando funghi nel bosco , si trova davanti un soldato ferito : fa parte del nemico ,ma lei decide di aiutarlo e lo porta nel collegio dove vive . Qui c è la direttrice ( la Kidman ormai plastificata e senza espressione ) una insegnate ( la Dunst  coinvolgente e  bravissima ) e sei ragazze in tutto . L' arrivo del soldato...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 40 voti
vedi tutti

Recensione

ValeB di ValeB
8 stelle

C'è una scena, nella prima mezz'ora del film, in cui John, steso nel letto con la gamba fasciata, ride da solo. Ride perché si è lasciato alle spalle l'orribile guerra civile in cui combatteva per soldi. Ride perché è stato molto fortunato a sopravvivere a quella brutta ferita. Ride perché non poteva andargli meglio, visto che siamo in Virginia e lui...

leggi tutto

Recensione

diomede917 di diomede917
5 stelle

L'inganno, oltre a essere il film con cui Sofia Coppola ha vinto il premio della regia a Cannes, è il remake di un film "minore" e sorprendente nella loro cinematografia dell'accoppiata Don Siegel e Clint Eastwood "La notte brava del Soldato Jonathan". Il vero paradosso è che si parla poco del confronto delle due opere e più del parallelismo tra l'Inganno e Il Giardino...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

ROTOTOM di ROTOTOM
9 stelle

Il giardino delle vergini omicide. Il titolo originaleThe Beguiled, come l’omonimo romanzo di Thomas P.Cullinan del 1966 (edito originariamente con il titolo The Painted Devil) da cui il film è tratto è un titolo strano, dalla traduzione ambigua in termini in contrasto fra loro: ingannato, ma anche sedotto, alludendo alla seduzione comunque come un inganno dei sensi. Un...

leggi tutto

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
6 stelle

      S'odono, in una lontananza angosciosamente vicina, gli esplosivi echi della guerra di secessione americana: un avvertimento costante e sinistro, inconfondibile e ineludibile, di quello che c'è là fuori. Dentro, il mondo ovattato, pittoricamente manierato, pennellato finemente da Sofia Coppola (e da una superba fotografia di luci e colori naturalistici)....

leggi tutto

Recensione

laulilla di laulilla
5 stelle

È bene precisare che questo film ha diviso la critica, e, a quanto ne so, anche il pubblico, soprattutto perché è difficile darne una valutazione autonoma rispetto all’onnipresente e molto (giustamente) ingombrante La notte brava del soldato Jonathan, il capolavoro di Don Siegel, ispirato, come questo, al romanzo di Thomas Cullinan A painted Devil. ...

leggi tutto

Recensione

michemar di michemar
6 stelle

IL PRIMA. Non ricordo bene l’originale di Don Siegel La notte brava del soldato Jonathan che non vedo da anni, ammesso che sia davvero un remake, quindi per adesso eviterò ogni raffronto, ma dall’ultimo film di Sofia Coppola in verità mi aspettavo di più. A mio parere si nota bene una maggiore e ovvia maturità nella regia, caratterizzata da...

leggi tutto

Guerra di secessione

CALVAL di CALVAL

La guerra di secessione americana, nota negli Stati Uniti come guerra civile americana, fu combattuta dal 12 aprile 1861 al 9 aprile 1865 fra gli Stati Uniti d'America e gli Stati Confederati...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito