Espandi menu

Una giornata particolare

Regia di Ettore Scola vedi scheda film

Recensioni

L'autore

GIMON 82

GIMON 82

Iscritto dal 7 marzo 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 103
  • Post -
  • Recensioni 408
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Una giornata particolare

di GIMON 82
10 stelle

Un apologia totalitaria  impregna le vite di liberi cittadini o di esseri umani ,condizionandone ogni aspetto sociale e relazionale. E' il tema di questo gran capolavoro, il piu' amaro e malinconico del regista Scola, autore impegnato a tematiche  politico/ sociali, traendone gli aspetti  piu' sarcastici riletti in  chiave grottesca.Qui Scola  lascia la politica sullo sfondo,occupandosi in maniera delicata e non invadente delle psicologie di due personaggi, apparentemente antitetici ma  uguali nell' essere vittime di dogmi e moralismi grotteschi nella loro inettidudine, con  uomini che "devono" essere padri,mariti e guerrieri virili,e le donne ridotte quasi a  schiave del focolare ad accudire marito e figli.

 

 

Antonietta e Gabriele, i due personaggi del film sono la metafora di queste teorie abbiette.  Scola affida con sapienza  l'intera vicenda all'interpretazione magistrale dei divi per eccellenza del nostro cinema:  Mastroianni e la Loren, donanti  in maniera carnale e simbiotica  un intreccio emozionale, all'inizio contrastato, ma via via sempre piu' partecipe ed intenso, che sfocera' in una forte passione.Antonietta è una casalinga,madre di famiglia in un casermone popolare, di chiara architettura da ventennio.

La sua vita è tutta circoscritta dalle faccende domestiche, e nella sua famiglia, composta dal marito fervente fascista e da sei figli.Gabriele è il suo dirimpettaio ed è un annunciatore radiofonico dell'EIAR ,cacciato dal suo impiego per  idee libertarie, ma sopratutto è il contrario dell'uomo propagato dal fascismo.Gabriele è un omosessuale tormentato dalla marginalita' della sua "condizione".Siamo nel 1938,  il fatidico giorno della visita di Hitler a Roma,e il caseggiato dove vivono i due è vuoto per la visita del Furher,una casualita' fa incontrare queste due solitudini ,addirittura l'arrivo di Antonietta salva la vita a Gabriele in procinto di spararsi.

Sophia Loren, Marcello Mastroianni

Una giornata particolare (1977): Sophia Loren, Marcello Mastroianni

La gentilezza e i modi colti e delicati di Gabriele affascinano l'ignorante Antonietta che  incarna la tipica donna di stampo fascista,indottrinata di dogmi e stereotipi nazionalisti.La donna  viene pero' rifiutata da Gabriele,questo  compromette le cose, con l'amaro sfogo dell'uomo che urla  il suo dolore e la rabbia per le ingiustizie  subite da un orrendo meccanismo social-politico.Antonietta si accorge  di quell'animo sensibile uguale al suo,nei dolori e nelle amare solitudini subite pur di sottostare all' ordine imposto.Bellissima la frase di Gabriele quando dice: "E' strano guardare se stessi dalla finestra" delle parole che spiegano  la simbiosi di  anime apparentemente diverse.Antonietta è  vittima del sistema dittatoriale nero,l' apparente fede nell' apologia "Mussoliniana" è una maschera tesa a salvare le apparenze.

Locandina

Una giornata particolare (1977): Locandina

Lo snodo del film  è quindi nell'incontro-scontro tra i due,con  Gabriele  nemesi del rude  marito che  considera Antonietta alla stregua d' un oggetto.La sensibilita' di Gabriele  scardinera'  facciate retoriche di donna-modello, lasciando spazio ad una femminilita' profonda,che cerca un amore ricambiato. Un suggello passionale vissuto intensamente, un "estasi" che annienta la gran solitudine,durevole quanto un soffio di vento.A   fine serata tutto si "riannullera'", almeno per Gabriele che si affida ad un destino segnato.Per Antonietta quell'incontro  cambia indelebilmente la visione della vita,ampliandole orrizonti fino ad allora ristretti.,la lettura del  libro regalatole da Gabriele  sottindende l'apertura alla profondita' della vita.....perche' come dice Gabriele al telefono con il suo compagno: "La vita in fondo vale la pena di essere vissuta,qualunque essa sia".......

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati