Espandi menu

    Star Trek - Il futuro ha inizio

    Regia di J.J. Abrams vedi scheda film

    Recensioni

    L'autore

    Stuntman Miglio

    Stuntman Miglio

    Iscritto dal 28 marzo 2010 Vai al suo profilo
    • Seguaci 81
    • Post -
    • Recensioni 1326
    • Playlist -
    Mandagli un messaggio
    Messaggio inviato!
    Messaggio inviato!
    chiudi

    La recensione

    di Stuntman Miglio
    8 stelle

    Spazio, ultima frontiera. Mai epilogo fu più appropriato. Sì perchè "Star Trek" di JJ Abrams è veramente l' ultima frontiera di una delle saghe fantascientifiche più famose e conosciute al mondo. Il creatore di Alias e Lost ha qui fatto ciò che Nolan aveva già fatto per Batman, Singer per Superman o Campbell per Bond. Ha ringiovanito la serie ricollocandola a livello temporale, creando una sorta di prequel, una puntata zero dalla quale ripartire con canoni più consoni ai beneamati tempi moderni. Ritmo incessante, visivamente potente e suggestivo, roboante, diretto in modo adrenalinico ma sempre attento ai propri personaggi qui soppiantati da un perfetto cast di belli, giovani, aitanti e talentuosi attori. Non una scelta fuori posto : Chris Pine è un impetuoso Kirk con la giusta faccia da schiaffi (e di botte ne prende veramente un sacco), Zachary Quinto (il Sylar di Heroes) somaticamente impeccabile e carismatico nel ruolo di Spock ; poi il simpatico Simon Pegg nel ruolo di Scotty, la splendida Zoe Saldana in quello di Uhura, Karl Urban per McCoy, John Cho per Sulu ed uno spassosissimo Anton Yelchin nei panni di Checov. Tutti ineccepibili e degni di un sequel dove si spera che a comandare l' equipaggio dietro le quinte sia sempre quel geniaccio di Abrams ; sì, lo stile sarà un pò troppo patinato ed irrequieto e magari lo spirito d' avventura s' è un pò perso a vantaggio della pura azione ma il regista ha idee valide ed un gusto cinephile non indifferente. Bella la sequenza in cui ci viene presentato Kirk bambino sulle note di Sabotage dei Beastie Boys, furbo e ruffiano l' inserimento di Leonard Nimoy nel cast (vederlo fare il saluto vulcaniano è quasi toccante), appropriatissima e non banale la scelta dell' antagonista (un cattivissimo e tatuatissimo Eric Bana) ed incredibilmente bastarda e sorprendente la mossa di piazzare Winona Ryder nei panni della mamma di Spock per poi toglierla di mezzo dopo una battuta e mezza. Con tutta probabilità, piacerà anche e forse soprattutto a chi non abbia mai preso in considerazione la serie originale.

    Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

    Commenta

    Per poter commentare occorre aver fatto login.
    Se non sei ancora iscritto Registrati