Trama

Inghilterra rurale, 1865. Katherine si sente soffocare da un matrimonio senza amore con un uomo del doppio della sua età e dalla sua fredda famiglia. Quando comincia una relazione passionale con un giovane operaio che lavora nella tenuta del marito, una forza inedita e potente si scatena dentro di lei, non facendola fermare di fronte a nulla pur di ottenere ciò che vuole.

Approfondimento

LADY MACBETH: DA UN RACCONTO DI NIKOLAI LESKOV

Diretto da William Oldroyd e sceneggiato da Alice Birch, Lady Macbeth si basa sul racconto Lady Macbeth del distretto di Mcensk di Nikolai Leskov (già trasposto dal maestro polacco Andrzej Wajda in Lady Macbeth siberiana) e ripercorre la storia della diciassettenne Katherine, che nell'Inghilterra rurale del 1865, sposa in una chiesa quasi deserta il quarantenne Alexander. Le nozze sono frutto dell'accordo stipulato da Boris, il settantenne padre di Alexander, che ha comprato la ragazza insieme a un piccolo appezzamento di terreno. La prima notte di matrimonio rivela presto quanto il rapporto di Alexander e Katherine sia destinato a essere infelice: in una nuova casa, tanto grande quanto austera, Katherine trascorre le sue giornate tra le soffocanti camere e a contatto solo con la poca servitù. La cameriera Anna tutti i giorni assiste inerme alla noia e alla frustrazione della giovane padrona di casa fino al giorno in cui, a causa di un'esplosione in una delle miniere di Boris, Alexander è costretto ad allontanarsi per qualche tempo e il suocero a partire per Londra. Infrangendo gli ordini dati da Boris, Katherine inizia a uscire dall'abitazione e si imbatte nel ventiduenne Sebastian, un bracciante bello, forte, rude e non incline a obbedire alle imposizioni. L'attrazione tra i due è immediata e la loro relazione diventa sempre più intima e sfrenata, nonostante su Katherine vigili scrupolosamente padre Peter, un prete locale. Quando Boris torna da Londra e di Alexander non si hanno più notizie, il tradimento di Katherine viene alla luce e la giovane si vendica del suocero avvelenandolo con dei funghi velenosi. Approfittando dell'assenza del marito che non rientra nemmeno per il funerale del padre, Katherine porta in casa Sebastian ma l'idillio è destinato a rompersi presto. Arrivando di notte, Alexander affronta la moglie ma la situazione degenera fino al punto in cui Katherine colpisce a morte il consorte. Da quel momento, Katherine si propone di trasformare Sebastian, ossessionato dall'omicidio, in un signore e tutto sembra filare liscio quando un bel giorno si presenta una donna di nome Agnes, una sessantacinquenne che nutre dei sospetti sulla scomparsa di Alexander. Agnes, inoltre, rivela di essere la donna di Teddy, un bambino di sette anni, che sua figlia ha avuto illegittimamente da Alexander e che, come la legge vuole, ha il diritto di vivere nella casa del padre. La presenza di Teddy influisce però negativamente sulla relazione di Katherine con Sebastian e un nuovo delitto si profila all'orizzonte, un omicidio che gli esami del dottor Burdon e le investigazioni del detective Logan non faranno passare impunito. Ad avere la meglio saranno ancora una volta le bugie di Katharine, che incinta del suo primo bambino farà ricadere le colpe su qualcun altro.

Con la direzione della fotografia di Ari Wegner, le scenografie di Jacqueline Abrahams, i costumi di Holly Waddington e le musiche di Dan Jones, Lady Macbeth nasce dal desiderio della sceneggiatrice Alice Birch di confrontarsi con i temi del racconto di Leskov del 1865: la subordinazione delle donne nella società di fine Ottocento, la vita nelle zone rurali e un'appassionata storia d'amore proibito. Come rivela la sceneggiatrice: "Le donne come Katherine soffrono tradizionalmente in silenzio, scompaiono o si suicidano. In Lady Macbeth del distretto di Mcensk, la protagonista invece lotta per la sua indipendenza e decide il proprio destino in maniera sanguinaria. Rispetto al romanzo, ho fatto dei grandi cambiamenti: ho introdotto per esempio la figura della cameriera Anna e ho cambiato il finale. Da scrittrice mi interessano le storie, i personaggi e le traiettorie che essi prendono. Ecco perché Lady Macbeth è imprevedibile: quando ci si aspetta che si vada in una direzione, il film prende un'altra piega sorprendendo lo spettatore. Un po' come Katherine, la sua protagonista, che non si ferma di fronte a nulla".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Lady Macbeth è William Oldroyd al suo debutto come regista di un lungometraggio. Dopo aver studiato regia al RADA, Oldroyd è divenuto un affermato regista teatrale portando in scena opere come Spettri di Ibsen (in una nuova versione scritta da Frank McGuinness), Kean di Sartre, Aspettando Godot di... Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • "immaginate Cime Tempestose diretto da Hitchcock"(IndieWire). chissà cosa si fumano alcuni sedicenti critici solo per buttar lì delle parole in libertà (sempre che le abbiano scritte veramente). Hitchcock? ma dai...;-) il film di Oldroyd è al contempo classico e inclassificabile, curiosamente un po' statico e a tratti sbrigativo. Essential Killing

    commento di giovenosta
  • Dramma gotico, gelido e crudele sulla metamorfosi di una fanciulla da ingenua a spietata vendicatrice, sullo sfondo di una Inghilterra rurale ottocentesca

    leggi la recensione completa di bufera
  • Non c’è l’ipocrita convinzione che il delitto susciti pentimento in questo bel film di Oldroyd. Non c’è colpa, c’è solo affermazione del proprio diritto a vivere.

    leggi la recensione completa di yume
  • Modellando bene un background culturale tipicamente inglese (da Shakespeare al pittoresco, dalla tragedia nera al paesaggio rurale), il film riflette sullo sviluppo e le conseguenze del male, luciferinamente umano, come efferato tentativo di ribellione da parte dell'individo ad eventi che ne assoggettano la volontà e ne opprimono la libertà.

    commento di gwudsz
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

  William Oldroyd, eminentemente dedicato al teatro, dirige il suo primo lungometraggio LADY MACBETH  (2016) , basato su un racconto di Nicolai Leskov (Lady Macbeth del distretto di Mcensk), già trasposto in cinema nel 1962 dal polacco Andrzej Wajda con il titolo Lady Macbeth siberiana. In ambedue i casi il riferimento alla tragedia di Shakespeare è indiretto, e... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

yume di yume
8 stelle

Il nome del “beccaio morto e della sua demoniaca regina”, Macbeth, da secoli risuona torvo sulle scene dei teatri del mondo. Il cinema si è impadronito di lui con i suoi migliori registi (Kurosawa, Polansky, Welles), il tetro Glamis Castle nella brughiera scozzese è oggetto di pellegrinaggi devoti, non c’è sasso che ignori quel nome. Shakespeare ne... leggi tutto

5 recensioni positive

Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 13 voti
vedi tutti

Recensione

champagne1 di champagne1
7 stelle

Nell'Inghilterra di  quasi due secoli fa, Katherine sposa un uomo per contratto fra le famiglie, come si è fatto in realtà molto spesso fino a 3-4 generazioni fa in tutta Europa. Peccato che la vita coniugale le riservi solo doveri e impegni, a cui sembra far fatica a sfuggire. Ma la stessa devozione che utilizza per assolvere le richieste del marito e del suocero, la...

leggi tutto

Recensione

FabioGiusti di FabioGiusti
7 stelle

Strano film Lady Macbeth. Strano e affascinante. Immaginate per un attimo che La fiamma del peccato – capolavoro di Billy Wilder e archetipo di tutto il noir che ruoti attorno alla figura di una femme fatale – anziché nella Los Angeles degli anni Quaranta, sia ambientato nella campagna inglese di metà Ottocento. Immaginate pure, al posto della glaciale...

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

 Una Lady Macbeth del distretto di Mcensk è il racconto russo (1865) di Nikolaj Semënovi? Leskov che ha ispirato questo film, il primo di William Oldroyd, apprezzatissimo regista teatrale londinese. Se però consideriamo complessivamente quest’opera, che il regista ambienta negli anni vittoriani, possiamo trovarvi temi o suggestioni da altri famosi...

leggi tutto

Recensione

yume di yume
8 stelle

Il nome del “beccaio morto e della sua demoniaca regina”, Macbeth, da secoli risuona torvo sulle scene dei teatri del mondo. Il cinema si è impadronito di lui con i suoi migliori registi (Kurosawa, Polansky, Welles), il tetro Glamis Castle nella brughiera scozzese è oggetto di pellegrinaggi devoti, non c’è sasso che ignori quel nome. Shakespeare ne...

leggi tutto

Recensione

bufera di bufera
6 stelle

  William Oldroyd, eminentemente dedicato al teatro, dirige il suo primo lungometraggio LADY MACBETH  (2016) , basato su un racconto di Nicolai Leskov (Lady Macbeth del distretto di Mcensk), già trasposto in cinema nel 1962 dal polacco Andrzej Wajda con il titolo Lady Macbeth siberiana. In ambedue i casi il riferimento alla tragedia di Shakespeare è indiretto, e...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 12 giugno 2017
locandina
Foto
locandina
Foto
Il meglio del 2016
2016

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

34 TFF - CONCORSO  Nascita di una dark Lady.  Katherine viene comprata per essere data in sposa ad un nobile proprietario terriero in cambio di un terreno adiacente alla proprietà di famiglia. Un matrimonio di convenienza non consumato in cui tutte le colpe ricadono ovviamente sulla sposa. L'arrivo in villa del nuovo aitante stalliere accende fuochi pericolosi che...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito