Espandi menu

Legend

Regia di Brian Helgeland vedi scheda film

Recensioni

L'autore

giorgiobarbarotta

giorgiobarbarotta

Iscritto dal 26 gennaio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 16
  • Post -
  • Recensioni 560
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Legend

di giorgiobarbarotta
6 stelle

Tom Hardy ce l'ha fatta. Ci sono pellicole che non brillano per originalità, spessore, particolare significato, slancio artistico o velleità. Mirano prosaicamente a far cassetta andando sul sicuro per stilemi e genere. Legend è una di queste. Come giustamente sottolineato da più parti, un film derivativo, una sorta di figlio illegittimo di Scorsese e Guy Ritchie. Diciamolo: non brutto; ma non più che discreto. L'attore inglese protagonista classe '77, già nel cult Bronson, villain in uno dei Batman più interessanti, one man show in Locke, nuovo recente Mad Max, presenza di rilievo ne La Talpa e in un'altra manciata di episodi cinematografici di livello, entra a buon diritto nell'olimpo degli attori che contano, e piazza solide basi per assurgere al ruolo di divo. Sì, perché cosa c'è di meglio di una candidatura all'Oscar a fianco del Di Caprio migliore (e quindi di conseguenza brillare di luce riflessa in una performance comunque notevole di suo nell'ultimo Inarritu), vedere il succitato Mad Max accaparrarsi premi (seppur tecnici) e in contemporanea uscire sugli schermi di mezzo mondo con Legend? Quest'ultimo è Tom Hardy al quadrato, carta bianca per l'interprete di talento che gli appassionati della settima arte hanno imparato ad apprezzare negli ultimi anni. Due gemelli, un classico della finzione narrativa. Due gangster, uno elegante e scaltro, l'altro dissennato e incontrollabile. C'è tutto il campionario di atteggiamenti, espressioni, trucco (poco) e parrucco, mossette e impostazione di voce possibile e immaginabile a sottolineare e diversificare l'uno e l'altro personaggio. Tanta roba, troppa roba. Il fratello pazzo e iperviolento è un eccesso continuo. Il doppiaggio italiano peraltro (ci si immagina fedele al lavoro in originale per professionalità e mestiere) è al limite del grottesco. Ma alla resa dei conti, tornando al concetto di partenza, tutto ciò poco importa di fronte alla puntualità d'uscita e all'efficacia che film come questo producono nella costruzione di un'immagine al top a livello globale dei loro protagonisti. A caratteri cubitali in trailer, manifesti promozionali, locandine web, eccetera, Tom Hardy troneggia e gongola. Si è fatto finalmente un nome anche per il grande pubblico. Ce l'ha fatta.

locandina

Legend (2015): locandina

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati