Trama

In Israele il tribunale rabbinico è la sola autorità giudiziaria competente in tema di divorzio ma non può costringere un uomo a divorziare dalla moglie che ne fa richiesta. Affinché il divorzio possa definirsi completo, occorre infatti il consenso totale e assoluto del marito, a cui il destino della moglie è indissolubilmente legato. Viviane chiede il divorzio da tre anni ma il marito Elihayu ha sempre rifiutato di andare alle convocazioni del tribunale. Quando poi decide di andare, rifiuta la richiesta di Viviane e le impedisce di iniziare una nuova vita. Secondo la legge ebraica, il tribunale e l'avvocato di Viviene devono presentare un motivo valido affinché il marito accetti il divorzio. Il processo, estenuante e assurdo, crea uno spettacolo quasi kafkiano, in cui l'imputato è il solo ad avere il verdetto nelle sue mani.

Note

Shlomi e Ronit Elkabetz, quest’ultima anche attrice nei panni della protagonista, giocano con l’assurdità della situazione, tra il diritto alla felicità della donna e l’ottusità del marito che nega il divorzio. Insistono quindi sull’esasperazione dei personaggi, sulla rigidità dell’ortodossia, sulla ripetizione delle sedute, ed elaborano uno stile che trasmette l’idea di trappola e di immobilità, tra il Kammerspiel e il cinema muto, Brecht e Dreyer, primi piani, totali e particolari su mani e piedi.

Commenti (2) vedi tutti

  • Rappresentazione di un processo della durata di anni, in cui una donna israeliana tenta di ottenere un regolare divorzio dal marito unico arbitro per legge religiosa.Si viene a conoscenza di tradizioni che oscurano la modernità, presentate con una scrittura raffinata e intelligente,che si avvale di grandi attori e di una regia magistrale.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Film gradevole sulla libertà e sul sacrosanto diritto di ottenerla.

    leggi la recensione completa di Tex61
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
9 stelle

  VIVIANE ( 2014) è un film israeliano scritto e diretto da Ronit Elkabetz e Shlomi Elkabetz, sorella e fratello, che concludono con questo una trilogia (Take a wife, 2004 e Seven Days, 2008), incentrato sulle difficoltà che la donna in Israele deve incontrare per ottenere il divorzio ancora al giorno d'oggi. Il matrimonio è solo religioso e per il diritto che lo... leggi tutto

12 recensioni positive

Il meglio del 2016
2016

Calpestare nuove aiuole.

mck di mck

Calpestare nuove aiuole, ovvero: galantuomo sarà lei.      Grazie, Marco.      Grazie al cazzo, avrebbe probabilmente (ed ipoteticamente) risposto lui, il...

leggi tutto

Recensione

ethan di ethan
8 stelle

'Viviane' Amsalem (Ronit Elkabetz) è una donna israeliana sulla cinquantina che vorrebbe divorziare dal marito, Elijah (Simon Abkarian), ma in Israele il divorzio, 'Gett', da cui il titolo originale dellopera, è concesso solo da un tribunale composto da tre rabbini e necessita del consenso del marito che, nel caso in questione, data la sua palese ottusità, proprio non ne...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2015
2015
Disponibile dal 25 novembre 2015 in Dvd a 12,99€
Acquista

Atti mancati

MarioC di MarioC

Al di là di tutte le derivazioni di tipo sessuale/sentimentale, quello dell'atto mancato è il topos freudiano più rappresentato al cinema. Quell'energia inconscia che fa compiere un gesto in...

leggi tutto

Recensione

amandagriss di amandagriss
9 stelle

  Una causa di divorzio è l’indovinato pretesto o lo spunto ideale per ingaggiare una tesa, coinvolgente, esaustiva, lacerante, perfino divertente per i paradossi che crea, indagine sull’uomo, sulle dinamiche relazionali tra gli individui, tra maschio e femmina. Calati in un contesto socio-culturale-religioso (il mediorente) che percepiamo a grandi linee ...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Recensione

bufera di bufera
9 stelle

  VIVIANE ( 2014) è un film israeliano scritto e diretto da Ronit Elkabetz e Shlomi Elkabetz, sorella e fratello, che concludono con questo una trilogia (Take a wife, 2004 e Seven Days, 2008), incentrato sulle difficoltà che la donna in Israele deve incontrare per ottenere il divorzio ancora al giorno d'oggi. Il matrimonio è solo religioso e per il diritto che lo...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 24 novembre 2014
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito