Espandi menu

Mouse Heaven

Regia di Kenneth Anger vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FABIO1971

FABIO1971

Iscritto dal 15 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 119
  • Post 11
  • Recensioni 526
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Mouse Heaven

di FABIO1971
8 stelle

A due anni di distanza dal documentario sui dipinti di Alesteir Crowley (The Man We Want to Hang, 2002), Kenneth Anger omaggia alla sua maniera una delle icone più popolari del ventesimo secolo, Mickey Mouse (o Topolino che dir si voglia), con un piccolo e curioso cortometraggio che ha il merito, oltre a quello di costituire un affascinante e travolgente divertissement, di proporsi in una duplice chiave di lettura, sulla base delle differenti reazioni capace di suscitare: in un tripudio gioioso di gadget, statuine, pupazzetti, giocattoli, fino all'oggettistica più delirante sul personaggio, frullati magistralmente in un suggestivo collage visivo, Mickey Mouse finisce per essere vivisezionato dall'occhio implacabile di Anger, che, tra primissimi piani e lente panoramiche, con la consueta ed impeccabile cura in fase di montaggio, ne destruttura l'aura mitica fino a svuotarla da ogni briciola di umanità. Ne emerge, nonostante le apparenze, un ritratto tutt'altro che festoso e rassicurante, ma poichè la narrazione procede per accumulo, anzichè per sottrazione, finisce per sortire l'effetto contrario: si coglie qualcosa di inquietante tra le righe, ma, nonostante tutto, non si riesce ad averne paura (mentre un bambino, di fronte al susseguirsi delle immagini, non può che coglierne, come sempre, il lato giocoso). La genialità di Anger sta proprio qui, nell'aver reso impercettibile questo "spostamento di senso", e lo spettatore non può che rimanerne spiazzato ugualmente, specie quando vengono mostrati pupazzetti di Topolino con bocca enorme e denti minacciosi o (il più disturbante di tutti) quello che indossa una maschera antigas, o, ancora, le inquadrature di alcuni tatuaggi (in cui Anger cita se stesso), sino al finale con i Mickey Mouse metallici, splendenti di una luce sinistra. Il tutto accompagnato da una strepitosa colonna sonora, che, tra marcette scatenate, melodie d'altri tempi (Teddy Bears' Picnic, del 1907!), foxtrot, two-step e rumbe, propone, oltre ad alcuni brani più recenti (Whispering e Merry Go Round by Moonlight di Ian Whitcomb & His Bungalow Boys e The Joyful Kilmarnock Blues, dei Proclaimers), la storica (1934) If I Had a Million Dollars composta da Johnny Mercer e Matty Malneck per le Boswell Sisters e la deliziosa I'm Your Puppet firmata dai re Mida del soul Dan Penn e Spooner Oldham e da loro affidata alle ugole di James & Bobby Purify, duo R&B che la portò al successo nel 1966 (un milione di copie vendute, 14 settimane di permanenza nelle classifiche americane).

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati