Trama

A Londra per affari Richard Hanney viene coinvolto, suo malgrado, in una vicenda di spionaggio. In punto di morte una donna gli ha affidato notizie riservate che riguardano un professore. La polizia ritenendolo responsabile della morte della donna lo insegue. Per due volte arrestato riesce a fuggire, ma è braccato dai membri dell'organizzazione segreta "I trentanove scalini" che lo vuole morto.

Note

Tratto dal romanzo di John Buchan "I trentanove scalini", il film è raccontato con i toni della commedia e un ritmo perfetto. Uno dei migliori Hitchcock del periodo inglese (nonché uno dei film preferiti del regista). Rifatto nel 1959 da Ralph Thomas e nel 1978 da Don Sharp.

Commenti (7) vedi tutti

  • Pur se considerato dalla critica come un'opera fondamentale all'interno del cinema di spionaggio, “I 39 scalini” si assesta su livelli medi, pur restando uno dei titoli più importanti del periodo inglese di Hitchcock.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Voto 7. [12.02.2012]

    commento di PP
  • Hitch e'stato un grande maestro del cinema e anche se ho amato di piu' i capolavori che ha fatto dopo,anche nel periodo inglese ha sfornato spy-thriller come questo,venato di humor e grandi trovate registiche.

    commento di ezio
  • Visto qualche anno fa…spy-story che a distanza di oltre settant'anni regge ancora il passo dei tempi. Hitchcock sa quando calcare la mano sulla suspanse e quando sulla sottile ironia…ma questo non lo scopro certo io…

    commento di carlos brigante
  • Un vero capolavoro del maestro del brivido. Il film corre veloce come un treno e le invenzioni registiche si susseguono una dietro l'altra (come capita spesso nei film di Spielberg). Geniale Robert Donat.

    commento di IGLI
  • buon thriller, con un ritmo incalzante e belle atmosfere. hitchcock, come ne "il sipario strappato", usa il tema della "formula" da scoprire.

    commento di carpa
  • Veramente bisognerebbe chiamarlo "i 39 scalini", evitando di menzionare il club. Bel film, simile a "giovane e innocente" per alcuni aspetti. Buono il ritmo e le scene nei teatri danno una immagine della Gran Bretagna di quegli anni-.

    commento di giovannino
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

munnyedwards di munnyedwards
7 stelle

“Un critico che mi parla di verosimiglianza è una persona senza immaginazione”, firmato Alfred Hitchcock (da Il cinema secondo Hitchcock). A parte la frecciata diretta ai critici questa affermazione mette chiaramente in evidenza uno degli aspetti fondamentali del cinema del Maestro inglese, la sua visione artistica non solo non prevedeva il ricorso ad una rappresentazione... leggi tutto

11 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

La formula è quella più classica per il regista: un innocente colpevolizzato ed un criminale in libertà; formula che veniva consolidandosi ormai da qualche film, a partire da The lodger (1927). Tratto da un romanzo di John Buchan con una sceneggiatura firmata da Alma Reville (moglie del regista e di tanto in tanto autrice dei copioni) e Charles Bennett (collaboratore... leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

reg2010 di reg2010
4 stelle

a me non e' piaciuto. Se dovessi dare un voto tenendo conto che il regista e' un mostro di bravura e che e' girato nel 1935 allora potrei anche essere piu' generoso...ma il film non e' un granche'. I personaggi sono inverosimili (macchiette  poco reali) e spesso le situazioni si rivelano farse e poco credibili. La maggior parte degli attori recita senza espressione e non sempre i primi piani... leggi tutto

1 recensioni negative

Il meglio del 2016
2016
Disponibile dal 12 ottobre 2016 in Dvd a 8,67€
Acquista

Recensione

munnyedwards di munnyedwards
7 stelle

“Un critico che mi parla di verosimiglianza è una persona senza immaginazione”, firmato Alfred Hitchcock (da Il cinema secondo Hitchcock). A parte la frecciata diretta ai critici questa affermazione mette chiaramente in evidenza uno degli aspetti fondamentali del cinema del Maestro inglese, la sua visione artistica non solo non prevedeva il ricorso ad una rappresentazione...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

ethan di ethan
8 stelle

A Londra un canadese, Richard Hannay (Robert Donat), si trova in un teatro ad assistere alla stramba performance di Mr. Memory (Wylie Watson), un uomo che ricorda qualunque cosa, ma a un certo punto scoppia una sparatoria; dal trambusto Hannay esce in compagnia di una donna, Annabella Smith (Lucie Mannheim), che gli chiede di portarla con sé, poiché lei è un agente segreto...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014
Il meglio del 2013
2013

Recensione

TheWarOfEcho di TheWarOfEcho
8 stelle

Trovandosi a Londra per affari, un canadese si trova in mezzo ad una complessa storia di spie. Viaggiando in Scozia per porre fine alla questione (braccato dalla polizia, che lo ritiene anche colpevole di omicidio) conosce Pamel, che lo aiuterà nella risoluzione dell'intrigata faccenda. Uno dei film più famosi di Hitchcock (conosciuto anche col titolo "Il club dei 39") e sicuramente uno dei...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2012
2012

Recensione

alfatocoferolo di alfatocoferolo
6 stelle

Francamente non mi pare uno dei migliori di Sir Alfred. La tensione è costruita bene, come sempre, ma la sceneggiatura soffre di parecchi punti deboli e forzature evitabili. Già nell'incipit la giovane sconosciuta si trova con un coltello nella schiena, evidentemente conficcato dentro casa ma non si sentono estranei dentro e nessuno cerca il padrone di casa che invece successivamente si...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2011
2011

Hitchcock e le "trappole umane"

Scotty di Scotty

Rileggendo per l'ennesima volta la lunga intervista che, a più riprese, Alfred Hitchcock rilasciò a François Truffaut, mi sono imbattuto nel passaggio in cui, parlando del film Sabotatori, il regista inglese...

leggi tutto

Recensione

angelina di angelina
8 stelle

"Una bella e misteriosa donna,inseguita da due banditi.Sembra una storia di spie." " E' esattamente così.Solo che io trovo la parola agente più adatta." "Agente.Di quale stato?" "Qualunque sia disposto a pagarmi." "Qual'è la sua patria?" "Io non ho patria..." (Richard Hannay e Miss Smith) Richard Hannay (Robert Donat),un canadese che si trova da poco a Londra per...

leggi tutto
Recensione
Utile per 14 utenti
Il meglio del 2010
2010

Recensione

jonas di jonas
8 stelle

Un canadese a Londra diventa il depositario di un segreto pericoloso e viene accusato di aver ucciso la donna che glie lo ha rivelato. Thriller a sfondo spionistico, come il precedente L’uomo che sapeva troppo. Forse il miglior Hitchcock del periodo inglese, pieno di invenzioni che movimentano la vicenda (la più beffarda: il cappotto sottratto al fanatico religioso contiene nella...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Mani.

montelaura di montelaura

"Se vuoi conoscere la vita di qualcuno, basta guardargli le mani" (Cathy Bates in "L'ultima eclissi"). Mani. Mani che parlano, mani protagoniste, mani particolari, mani inquietanti. Ci sono, ci parlano, ma spesso...

leggi tutto
Disponibile dal 26 febbraio 2010 in Dvd a 16,29€
Acquista
Il meglio del 2009
2009
Il meglio del 2007
2007

Recensione

scandoniano di scandoniano
8 stelle

Ottima spy story britannica firmata dal maestro del brivido, questo “Il club dei 39”, altresì detto “I 39 scalini” è una intricata vicenda che si svelerà solo nel finale e che vede protagonista un certo Hannay, canadese dal passato e dal presente poco chiaro che, incontrando l’avventuriera Annabella Smith, si mette nei pasticci fino al collo. Quando lei viene uccisa durante la...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2006
2006

Recensione

Darjus di Darjus
8 stelle

La più celebre spy-story del periodo inglese di Hitchcock è un elegante mix di sorprese, tensione ed humor e la costruzione a sezioni, seppur poco fluida, dà al film un ritmo continuo e spiazzante. Poco si comprende sino alla fine, così che chi guarda è disorientato e incuriosito. La scena della fuga in treno, splendida, sarà ripresa in numerosi film di De Palma (e non solo). ***1/2

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2002
2002

Cinema d'Oltremanica

woody di woody

In ordine cronologico, sette grandi film, rispettivamente sette (otto a dire il vero) grandi registi, a rappresentare il cinema inglese. Scelta tribolatissima e riduttiva, come sempre.

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito