Espandi menu

The Killing of a Sacred Deer

Regia di Giorgos Lanthimos vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Mulligan71

Mulligan71

Iscritto dal 6 aprile 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 30
  • Post -
  • Recensioni 873
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Killing of a Sacred Deer

di Mulligan71
8 stelle

Opera numero sei per l'eccezionale regista greco, e il suo lavoro, probabilmente, meno enigmatico, meno grottesco, più "tradizionale", per così dire. Ma parlando di Lanthimos è tutto arbitrario, visto che il suo Cinema è quanto di più sorprendente, visionario e turbante si possa vedere oggi, quantomeno per il Cinema occidentale. In "Sacred Deer" parte, come gli è successo spesso, da un nucleo familiare felice, alto borghese, lui cardiochirurgo di fama, lei dottoressa, (Colin Farrell e la Kidman, eccellenti), che viene lentamente, inesorabilmente, scardinato dall'apparizione di un ragazzo, figlio di un paziente deceduto sotto operazione cardiaca, che piaga, letteralmente, i figli della coppia, in una sorta di vendetta ancestrale. Una figura inquietante che porta su una china angosciante tutto il film, creando una stratificazione di inquietudine a tratti insostenibile. Tutto questo scolpito in riprese geometriche e perfette, fredde come le pareti di una sala operatoria, una luce da "morgue" che infetta tutta la visione, che si declina poco a poco in un circo freak da mozzare il fiato. E' un thriller, senz'altro, a tratti anche con qualche buco narrativo, ma è un'opera carica di magia nera, di una inquietudine mistica che Lanthimos gestisce al meglio. E' una gioia per il cuore e per gli occhi, vedere che anche avendo fra le mani attori di spicco, il regista greco non cede nulla agli spettatori, non abbandona mai quel suo Cinema "malato" che così bene penetra nel nostro subconscio. Un grande film, uno dei migliori del 2017, e un'ulteriore conferma della bravura e dell'originalità di uno dei pochi grandi registi degli anni zero. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati