Trama

Nel 1969, in piena rivoluzione culturale, Chen Zhen, un giovane studente di Pechino viene inviato nelle zone interne della Mongolia per insegnare a una tribù nomade di pastori. A contatto con una realtà diversa da quella che aveva sin qui conosciuto, in un deserto sconfinato e dalla bellezza mozzafiato, Chen scopre di esser lui quello che ha molto da imparare: sull'esistenza, sulla comunità, sulla libertà, sul senso di responsabilità e sul lupo, la creatura più riverita delle steppe. Sedotto dal complesso e quasi mistico legame che i pastori hanno con il lupo e affascinato dall'astuzia e dalla forza dell'animale, Chen ne cattura un cucciolo e decide di addomesticarlo. Il forte rapporto che si crea tra i due sarà però minacciato dalla decisione di un ufficiale del governo di eliminare a qualunque costo tutti i lupi della regione.

Approfondimento

L'ULTIMO LUPO: IL VIAGGIO INIZIATICO DI UN GIOVANE DI CITTÀ

Diretto da Jean-Jacques Annaud e scritto dal regista con John Collee, Alain Godard e Lu Wei, L'ultimo lupo è l'adattamento del romanzo Il totem del lupo di Jiang Rong e racconta la storia di Chen Zhen, un giovane studente di Pechino che nel 1969 viene mandato nelle regioni interne della Mongolia a educare una tribù di pastori nomadi. Da quella zona del mondo, vasta, ostile e selvaggia, Chen ha però molto da imparare sui concetti di comunità, libertà e responsabilità, e sulla creatura più temuta e venerata di tutta la steppa: il lupo. Sedotto dal legame complesso e quasi mistico tra l'animale e i pastori, Chen cattura un cucciolo di lupo per addomesticarlo prima che nella zona arrivi un rappresentante delle autorità centrali deciso a eliminare tutti i lupi a scopo preventivo.

Con la direzione della fotografia di Jean Marie Dreujou, le scenografie di Quan Rongzhe, i costumi di Andrew Simpson e le musiche di James Horner, L'ultimo lupo è una produzione sino-francese girata interamente in 3D (usato per magnificare i paesaggi ancora incontaminati) e realizzata nel corso di sette anni. Pubblicato nel 2004 in Cina in forma anonima, il romanzo Il totem del lupo è sfuggito alla vigilanza della censura divenendo in breve tempo un fenomeno letterario stupefacente, raccontando in maniera fantasiosa l'esperienza che lo stesso Rong (pseudonimo sotto cui si nasconde un docente universitario) ha vissuto sul finire degli anni Sessanta, all'inizio della Rivoluzione Culturale, quando venne mandato in "rieducazione" in Mongolia salvando così di sua volontà alcuni libri che le guardie rosse avevano cominciato a bruciare. La storia del romanzo è quella di un giovane di città che grazie a un viaggio che si rivela iniziatico e a una particolare amicizia con i lupi scopre i valori della campagna e della comunità nomade, per cui l'inquinamento e i disastri ambientali, piaghe della Cina contemporanea, non esistono nemmeno.

Nel rispetto delle 56 minoranze etniche presenti in Cina, L'ultimo lupo per i figuranti è ricorso a un cast di attori non professionisti, scelti tra i veri allevatori e pastori della Mongolia, mentre per i personaggi principali ha potuto contare su tre attori professionisti di etnia Han, l'etnia dominante in Cina. Alle riprese del film hanno preso parte oltre 480 tecnici, 200 cavalli, un migliaio di pecore, 25 lupi e cinquanta tra formatori e allenatori, rispettando la volontà dei produttori cinesi di realizzare un'opera spettacolare e in grado di meravigliare.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Annaud ritrova i suoi temi preferiti: l’incontro/scontro tra uomo e natura, l’osservazione e la resa cinematografica del comportamento animale. E li impacchetta in un blockbuster ecologista che si vorrebbe per famiglie (ma qualche crudeltà sulle bestiole, più suggerita che mostrata, potrebbe traumatizzare i piccini) e sulla strada abbandona ogni sottigliezza: didattico e didascalico, L’ultimo lupo soffre personaggi abbozzati, per nulla approfonditi e incastrati dentro archetipi banali e manichei, appiattisce gli spunti problematici e le asprezze politiche del libro, dimentica sullo sfondo il potente conflitto storico-culturale tra modernizzazione e usi antichi. Di contro, il film è affollato di sequenze naturalistiche mozzafiato, tra paesaggi di bellezza acerba e dolorosa e scene di caccia ansiogene e vivide. Può bastare?

Commenti (3) vedi tutti

  • Bellissimi scenari ma la vicenda si sviluppa in maniera poco appassionante. Voto 6

    commento di sticazzi
  • Bellissimo film di avventura diretto da Jean-Jacques Annaud. Visione fortemente consigliata!

    leggi la recensione completa di boychick
  • Deludente: non ha la forza e profondità de "L' orso", forse anche per la banalità del libro da cui é tratto. Piattezza nello scavo dei personaggi a dispetto delle stupende immagini

    commento di almodovariana
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

boychick di boychick
8 stelle

Ieri sera, mentre stavo cercando che film guardare, ho visto che in tv stava per iniziare “L'ultimo lupo”. Senza pensarci su più di tanto, ho deciso di guardarlo, e ora posso dire che non potevo fare scelta migliore. Avevo sentito parlare di questa nuova pellicola del regista francese Jean–Jacques Annaud, noto per aver diretto film quali “L'orso” (1988),... leggi tutto

6 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

emil di emil
6 stelle

Cina, 1967. La Rivoluzione culturale operata del governo prevede che nella provincia più sperduta del paese , la Mongolia, giovani studenti universitari siano mandati ad erudire i contadini, ad insegnare loro a leggere e scrivere. Uno dei due ragazzi, Chen Zen, contravvenendo ad una legge governativa ribadita in loco da un odioso funzionario governativo, adotta e cresce in segreto un... leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 12 voti
vedi tutti

Recensione

galaverna di galaverna
7 stelle

Non spicca certo per originalità questo film, che però è difficile valutare negativamente vuoi per l'ottima fotografia ("favorita" da paesaggi mozzafiato) vuoi per un messaggio comunque positivo e positivista sul rapporto uomo/animale, anche nei confronti di quelli più pericolosi (almeno secondo i canoni umani). D'altro canto "homo homini lupus", e chi meglio dei...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

Enrique di Enrique
7 stelle

https://www.youtube.com/watch?v=B5paW52EfgM&list=PLH9C08qrQ7S4Lz33WlPwYUKCRGaNoKJlF&index=1   Per certi versi Wolf Totem non è nient’altro che l’ennesima opera che descrive il difficile rapporto fra l’uomo e la natura ferina. L’equilibrio spezzato fra la civiltà, ai suoi prodromi (da un lato) e le forze, visibili e non, che governano il...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

emil di emil
6 stelle

Cina, 1967. La Rivoluzione culturale operata del governo prevede che nella provincia più sperduta del paese , la Mongolia, giovani studenti universitari siano mandati ad erudire i contadini, ad insegnare loro a leggere e scrivere. Uno dei due ragazzi, Chen Zen, contravvenendo ad una legge governativa ribadita in loco da un odioso funzionario governativo, adotta e cresce in segreto un...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016

Recensione

boychick di boychick
8 stelle

Ieri sera, mentre stavo cercando che film guardare, ho visto che in tv stava per iniziare “L'ultimo lupo”. Senza pensarci su più di tanto, ho deciso di guardarlo, e ora posso dire che non potevo fare scelta migliore. Avevo sentito parlare di questa nuova pellicola del regista francese Jean–Jacques Annaud, noto per aver diretto film quali “L'orso” (1988),...

leggi tutto
Disponibile dal 1 marzo 2016 in Dvd a 7,53€
Acquista
Il meglio del 2015
2015

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

    L'ultimo lupo (2015): Teaser poster   Jean Jacques Annaud è un uomo che ama le sfide ed ogni suo ritorno in regia corrisponde ad una missione titanica solo al pensarla. Con LE DERNIER LOUP il regista de Il nome della rosa torna a rappresentarci il regno animale già al centro de L'Ours e de Due fratelli. In Cina ai tempi della Rivoluzione...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Uscito nelle sale italiane il 23 marzo 2015
Il meglio del 2014
2014
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito