Espandi menu

Quell'oscuro oggetto del desiderio

Regia di Luis Buñuel vedi scheda film

Recensioni

L'autore

hallorann

hallorann

Iscritto dal 7 ottobre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 88
  • Post 12
  • Recensioni 504
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Quell'oscuro oggetto del desiderio

di hallorann
10 stelle

Siviglia. Un uomo scende da una macchina con chauffeur e in un’agenzia chiede un biglietto di prima classe per andare a Parigi via Madrid in treno. Poco dopo rientra a casa, il maggiordomo lo informa che lei è andata via da cinque minuti: la stanza è in disordine, c’è un cuscino macchiato di sangue (di naso), un paio di scarpe e di mutandine. “Brucia tutto che partiamo…”, ordina Mathieu Faber - distinto uomo dell’alta borghesia – vedovo apprenderemo. Un banchiere viene fatto saltare in aria. Mathieu sbotta: “Ah che noia…anche qui…un altro attentato”. L’inizio è una conseguenza di una scena che vedremo più avanti. Sul treno prende posto con un magistrato, un professore di psicologia e una signora con figlia. Faber, mentre attende la partenza, fuma una sigaretta e intravede la figura di una ragazza che sta per prendere il treno (è lei), da un facchino si fa dare un secchio d’acqua che riversa sulla donna che ugualmente riesce a salire a sua insaputa. L’uomo interrogato del gesto dai suoi compagni di cabina comincia a raccontare…Innamoratosi in Francia di una cameriera spagnola di nome Conchita di umili origini che vive con la madre è disposto a tutto per averla. La riempie di attenzioni e di soldi pur di possederla e portarsela a letto, soprattutto dopo che lei le ha confidato la sua illibatezza. Conchita, però, non si concede facilmente mettendo a dura prova la pazienza dell’attempato Mathieu. Conchita ha due personalità (e dunque due distinte interpreti): una caliente da ballerina di flamenco, passionale; l’altra più raffinata, scostante e un po’ fredda. “Entrambe” determinate. Litigi, riappacificamenti, abbandoni e provocazioni si susseguiranno fino alla fine.



Mathieu è un uomo facoltoso con ampia disponibilità di soldi, case e servitù. Ha la solidarietà e l’ascolto dei suoi simili (l’amico banchiere, le persone dello scompartimento). Egli rappresenta l’alta borghesia intesa non solo come status ma come modo di pensare, agire e giudicare gli altri. Pensa di poter comprare l’amore di una ragazza del popolo (non del suo rango) e di conseguenza la sua verginità con i beni materiali. Lei lo provoca, lo umilia, gli sbatte in faccia la sua indipendenza. “La chitarra è mia e la suono per chi mi pare”. Tra tira e molla l’amore trionferà ma don Luis Bunuel riserverà a entrambi un finale beffardo.



Grande, incommensurabile Luis Bunuel con QUELL’OSCURO OGGETTO DEL DESIDERIO, ultima opera del maestro spagnolo. Può essere letta in chiave politica: la borghesia non fagociterà il proletariato (lettura troppo riduttiva). L’uomo non potrà mai comprare la libertà della donna (meglio). Il desiderio, il sesso, il possesso come chiavi d’interpretazione della coppia e si potrebbe proseguire. Ciò che più colpisce a distanza di trentacinque anni sono i vari simbolismi di cui è disseminato. Non solo, la satira sferzante e beffarda (un aggettivo bunueliano a tutti gli effetti) dei gruppi terroristici che sullo sfondo della vicenda compiono attentati, estorsioni e sabotaggi sfiorando e disinteressando i protagonisti per poi…Nella scena conclusiva da un altoparlante apprendiamo che varie sigle del terrorismo di estrema sinistra si sono alleate con i Gruppi Rivoluzionari del Bambin Gesù e pure quelli di destra sono pronti a scatenare confusione totale e attentati senza logica. Grandi attori tra cui il trio principale: Fernando Rey, Carole Bouquet e Angela Molina. Film seminale per Almodovar e De La Iglesia.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati