Espandi menu
cerca
Carlos

1 stagioni - 3 episodi vedi scheda serie

Serie TV Recensione

L'autore

Corinzio

Corinzio

Iscritto dal 13 gennaio 2015 Vai al suo profilo
  • Seguaci 20
  • Post -
  • Recensioni 314
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su

di Corinzio
8 stelle

Attraverso la figura di Carlos viene mostrato lo spaccato di un'epoca dominata dalla guerra fredda e la forte impronta ideologica del terrorismo internazionale.

Il protagonista è praticamente onnipresente in quasi tutte le scene ed Assayas ne fa vedere tutte le sfumature possibili, mantenendo comunque quella dose di zona d'ombra che ha sempre caratterizzato tale figura. Carlos ha una formazione fortemente ideologica, caratteristica presente in tutta la prima parte del film, ma una volta giunti al nodo focale del film (l'assalto alla sede dell'Opec a Vienna del 1975), l'ideologia vacilla (soldato, ma non martire), la tentazione del denaro, la convinzione di essere una parte in causa in grado di manovrare le pedine, ma scopre al contempo di essere egli stesso di una pedina di una strategia più grande di lui e a cui non avrà mai accesso o di influenzare profondamente.

Dall'ideologia si passa al ruolo di superstar del terrorismo internazionale, utile senza dubbio al lato megalomane del personaggio, ma fonte di guai a causa della sua riconoscibilità, per finire al ruolo di mercenario in cui l'ideologia è quasi una facciata per offrirsi in una logica di mercato libero del terrorismo.

E' un gioco continuo di alleanze in cui i nemici di ieri diventano gli amici di oggi e viceversa. Il crollo del Muro di Berlino farà di Carlos un residuato storico di un'epoca finita.

Assayas dirige un film immenso per lunghezza (cinque ore e mezza), però molto lineare e compatto di quanto si possa immaginare. Descrive gli scenari geopolitici dell'epoca con il giusto schematismo senza essere eccessivamente superficiale, offrendo ottimi momenti di cinema come l'assalto all'Opec ed anche qualche venale caduta di tono.

Da rimarcare la prestazione magnifica di Ramirez nel ruolo di Carlos, ma viene dato il giusto spazio alle figure comprimarie del film ed al contesto in cui operavano. Qui in Italia non è stato distribuito al cinema, all'estero è stata distribuita una versione di meno di tre ore, ma dubito della sua efficacia. Il film è stato prodotto per la televisione, quindi meglio vederlo nella versione lunga divisa in tre parti.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati