Espandi menu
cerca
Carlos

1 stagioni - 3 episodi vedi scheda serie

Serie TV Recensione

L'autore

marinablu

marinablu

Iscritto dal 20 gennaio 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 5
  • Post -
  • Recensioni 19
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su

di marinablu
10 stelle

Un solo aggettivo è sufficiente per descrivere questo film: SUPERLATIVO.
In questo film viene narrata la vita di uno degli uomini più ricercati al mondo, prima ancora dell’entrata in scena di Bin Laden, Ilich Ramirez Sanchez rientrava nell’elenco dei terroristi più pericolosi.
Siamo nel pieno degli anni ‘70 e il venezuelano Carlos lo Sciacallo, alias Ilich Ramirez Sanchez, si avvicina e abbraccia la lotta armata e si unisce al Fronte popolare per la liberazione della Palestina. Il primo incarico sarà quello di ammazzare un uomo, proprietario di una grande catena di negozi e vicepresidente della Federazione Sionista in Gran Bretagna, così Carlos dimostra all’FPLP il suo impegno per la causa filo-palestinese. Londra, Parigi, Beirut, l’addestramento nello Yemen, in brevissimo tempo cresce la sua popolarità, ormai tutto il mondo gli punta gli occhi addosso quando, alla sede dell’OPEC di Vienna, è a capo di un commando di uomini e donne che  prende in ostaggio i ministri del Petrolio…
Questo film non giudica, non idealizza e non demonizza, racconta e basta e lo fa in modo diretto, asciutto, senza tanti particolari inutili, qui l’uomo è un terrorista che insegue un’ideologia ben precisa, “dedito alla causa”, e a tratti è un mercenario che non esita ad accaparrarsi la  migliore offerta del ministro di turno, è anche un uomo “divo”, che sa come divertirsi tra donne e alcol. Questo film documenta egregiamente la situazione politica ed economica di un determinato periodo storico durato ben vent’anni; Vietnam, Spagna, Russia, Giappone, Medio-Oriente, le principali organizzazioni terroristiche nel mondo sono tutte collegate e in contatto tra loro.
Dura 2h e 40 minuti, ma volano che è una meraviglia perché sono densi e avvincenti, accompagnati da una musica che scandisce i momenti clou e da una fotografia spettacolare che riprende gli effetti tipici degli anni ’70 ed è al passo per i periodi successivi. Gli attori poi sono impeccabili, straordinario Edgar Ramirez che primeggia entrando completamente nella parte.
Sebbene all’inizio del film si prendono le distanze dichiarando che, se pur a fronte di una vasta ricerca giornalistica, questo film rappresenta un’opera di finzione e che i rapporti del protagonista con i personaggi sono romanzati, bisogna dare atto che sotto tutti gli aspetti questo film è superlativo.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati