Espandi menu
cerca
Fear the Walking Dead

6 stagioni - 77 episodi vedi scheda serie

Recensione

Stagione 2

  • 2016-2016
  • 15 episodi

L'autore

Immorale

Immorale

Iscritto dal 10 agosto 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 121
  • Post 39
  • Recensioni 389
  • Playlist 20
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su

di Immorale
7 stelle

La religione dei morti

L’odissea dei sopravvissuti all’apocalisse zombie si può dire che prenda l’abbrivio qui: dopo la breve introduzione della prima annata (di soli 6 episodi), ripercorrente comunque tematiche pre-catastrofe ben strutturate ma principalmente trite, la serie mostra finalmente una sua specificità progettuale autonoma.

 

 

Si sceglie il viaggio quale veicolo narrante delle vicissitudini del peculiare gruppo familiare Clarck/Curtis, inizialmente unito nell’apparente impossibilità di trovare un porto sicuro in un mondo al collasso. Successivamente le latenti crepe nei rapporti tra i vari membri porteranno ad una “separazione” generazionale, ove i figli decideranno dolorosamente di staccarsi dall’abbraccio protettivo dei padri (e delle madri) per affrontare autonomamente, in una sorta di diaspora post-apocalittica, il nuovo mondo. Chi conquistato da un malcelato delirio di onnipotenza e chi con approccio quasi parossistico-religioso.

 

 

Percorsi narrativi (finalmente) originali che permettono di rivisitare l’approccio al tema dei morti viventi e di diversificare la serie sia dalla madre TWD (sulla lunga distanza un po’ asfittica) che dagli altri ambiti scaturiti dal prolifico mondo a fumetti partorito dalla fantasia (d’ispirazione romeriana) di Kirkman: oltre a serie TV, che prolificano anche sul web con mini-capitoli apocrifi, anche videogames (“The Walking Dead stagioni 1 e 2” della Telltale Games) con le stesse tematiche di fondo: ogni scelta (del giocatore) influenza l’andamento della storia, cambiandone il finale secondo le varie ramificazioni previste da opzioni multiple di dialoghi e azioni. Acquisisce di conseguenza centralità la seconda generazione di attori coinvolti, con Frank Dillane, Alycia Debnam-Carey e Lorenzo James Henrie sugli scudi, mentre la solida schiera di co-protagonisti conferma il suo solito apporto attoriale.

 

 

Una “fagocitante” ispirazione che però, in questa seconda annata, conferma ancora intatta tutta la sua freschezza.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati