Espandi menu
cerca
I segreti di Twin Peaks

4 stagioni - 49 episodi vedi scheda serie

Serie TV Recensione

L'autore

AuroraZwart

AuroraZwart

Iscritto dal 24 settembre 2015 Vai al suo profilo
  • Seguaci 4
  • Post -
  • Recensioni 33
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su

di AuroraZwart
10 stelle

Anno di grazia 1990, assalto alla nuova frontiera. Il dominio traballante delle sit-com non ha ancora fatto in tempo ad imporsi che già una nuova era si affaccia, ma nessuno lo sa, nessuno è preparato.

"Chi ha ucciso Laura Palmer?"..e tutto cambia per sempre. Trascinati nel cuore provinciale del grande Nord, nel backyard statunitense dove i segreti stanno lì da prima che gli uomini posassero la prima pietra, spettatori di entrambi gli emisferi sperimentano per primi un nuovo canale di comunicazione globale, fatto e finito, è LA serie televisiva. Non un prototipo, non un siparietto. E' la materia dei sogni, a puntate.

Impossibile ricordare ogni chiave di volta, ogni trovata epocale: vale la pena citare lo humour gastronomico dell'agente Cooper, il rude Albert e la signora del ceppo, la presenza immanente della Loggia Nera e dei suoi abitanti, l'ambientazione stregata su due piani paralleli e sovrapposti, che duetta con la nostalgia musicale di Badalamenti, il simbolismo industriale. C'è tutto: l'orrore che sale in superficie e la sciarada indecifrabile, il nonsense e la favola anni 50.

 

Qui nasce il fenomeno virale, il social club televisivo radunato con religioso zelo in prima serata, il fandom, e un po' tutto quello che volete, sul tema (se non consideriamo Star Trek et similia).

Come se non bastasse, E' bene ricordare che prima di Twin Peaks non esisteva neanche una mitologia, o meglio, demonologia Lynchiana. Nani ballerini, dimensioni astrali "dietro il boschetto", burattinai invisibili che reggono i fili di un destino sempre avverso; soprattutto, il seme è stato piantato per lo sviluppo di quella che si ergerà come vetta nella storia del cinema, un certo Mulholland Drive.

Un monolite: dove prima aleggiavano soap dalle larghe intese e scanzonate avventure seriali, Lynch inocula la sua visione, il magma primordiale e incubatrice di tutte le serie a venire.

 

 

Anno 2016: quella gomma che vi piace sta per tornare di moda.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati