Espandi menu
cerca
Da lunedì, si tornerà alla normalità? Il Cinema e la vita, finalmente, respireranno senza più quarantene ingiuste, senza più reprimende ignobili?
di 79DetectiveNoir ultimo aggiornamento
post
creato il

L'autore

79DetectiveNoir

79DetectiveNoir

Iscritto dall'11 febbraio 2020 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post 82
  • Recensioni 229
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

Carrie-Anne Moss

Matrix (1999): Carrie-Anne Moss

scena

Alice nel Paese delle Meraviglie (1951): scena

scena

Alice nel Paese delle Meraviglie (1951): scena

 

Ringrazio la mia bella e anche il mio amico che presto uscirà con un libro su Carpenter, come il mio.

 

- Sei tu, Falco?

- Certo, chiamami anche Falò!

 

Ce la vogliamo dire e ripetere? Tornare a vincere è un grande film.

Stardust, ovviamente, non si discute! 

 

Scavalchiamo il muro di cinta. Superiamo le castità e ogni cintura! Non siamo in Matrix ma non vogliamo più vivere nel mondo delle meraviglie. Alice vuole rimanere nella tana del Bianconiglio? Benissimo. Basta che poi non si lamenti. Il suo cucciolino potrebbe essere Buffalo Bill de Il silenzio degli innocenti. Ah ah.

Parimenti, non desideriamo mai più essere castigati in una realtà da The Truman Show al fine di divenire gli idoli delle folle della follia di qualcheduno che, prendendoci di mira, ambisce a distruggerci, reprimendoci in etichette imbarazzanti e del tutto stonate.

Mi pare ora che alla nostra età non dobbiamo più umiliarci allo schiavismo di chi disegna i destini altrui, circoscrivendoli nelle sue pazze da diagnosi da quattro soldi.
Siamo giovani, forti, battaglieri.

Vogliamo vivere, amare e divertirci.

Comunque, sì, si era capito. Sono follemente innamorato di una donna ma non posso dirvi il suo nome. Potrebbe chiamarsi davvero Alice, oppure no.

Aiutino, vediamo se ci arrivate.

 


Detto ciò, Carrie Anne-Moss è una gran figa sia nel film succitato con Keanu Reeves che in Memento.

Ecco, in tale film di Christpher Nolan, Guy Pearce è affetto da smemoratezza, anche da Insomnia.
Ma come? Dinanzi a Carrie, io mi sarei ricordato tutto. Ah ah.

Sì, è come andare in bicicletta. Se lo fai una volta, non puoi disimparare.

Basta pedalare e spingere. Ah ah.

Basta un tocco delicato sulle cicatrici e si asciuga il dolore in un nanosecondo o forse in trenta centimetri rialzati. Ah ah.

Una donna che ama piluccare il tatuaggio dei dolori, sciogliendoli in qualcosa che profuma di vivo colore. Ah ah.

Dammi una lametta che mi taglio le vene, cantò Donatella Rettore.
Ma basta con questi pensieri suicidari. Basta con le lagne vergate su patetici diari.
Basta con Giorgia e Gocce di memoria.

Siamo o non siamo uomini di cuore e sempre in calore in mezzo a questo disumano fetore, in mezzo a tale caravanserraglio di dolciastro, melenso, buonista folclore?

Sì, lo siamo. In alto le nostre spade di fuori, no, di fuoco. Ah ah!

Presto, uscirò con un nuovo libro, intitolato Speculare ipnosi.
Dedicato a una donna che mi rese più bello di quel che già fui, sebbene mi fossi imbruttito e di molti psicofarmaci imbottito.

Ma che ingiustizia atroce! 
Personalmente, non ho alcun rimpianto. I miei capelli, peraltro, sono ricresciuti senza bisogno di artificiali impianti.

Non rinnego di essere stato fuori di testa molte volte in vita mia ma non piango.

Non tutto il male viene per nuocere e forse, come si suol dire, è tutta salute!

Evviva Nietzsche. Tutto ciò che non uccide, rende ogni uomo più tosto. E so io cosa più duro. Ah ah.

Super sparata in puro stile Falotico!

Mi tengo pure tutto il mio delirio su De Niro.

Non sono Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde e non vincerò, probabilmente, mai nessun Academy Award. Non sono mica una bella statuina, cazzo.

Sì, sono sballato, gasato, completamente fuso.

Appartengo alla sezione gasati similmente al grande Marion Cobretti.

Non fatemi arrabbiare. Ah ah. Altrimenti, spaccherò la testa a Billy Russo di The Punisher. Ah ah.

Basta pure con le maestrine.

Qui parliamo di uno che ha distrutto tutte le regole. E ha vinto, regolarmente!

Basta pure con le patenti di persone epicuree. Ma quali russi!

Prestissimo, uscirà inoltre uno dei libri più romantici della storia.
Non so, comunque, chi sia il suo autore. Mah.
Secondo voi?

 

Sylvester Stallone

Cobra (1986): Sylvester Stallone

 

Ora, se volete spararvi questi due miei scritti piuttosto incazzati, fate pure. Devo sfogarmi. Ah ah.

http://www.geniuspop.com/blog/index.php/2020/05/la-quarantena-cha-provato-stremato-forse-pure-scremato-tremaste-tutti-cosi-come-io-tremai-ma-si-deve-remare-e-lamore-e-il-cuore-non-andranno-giammai-piu-fermati/

http://www.geniuspop.com/blog/index.php/2020/05/vi-siete-fottuti-il-cervello-col-trono-di-spade-dobbiamo-ritornare-al-grande-john-boorman-di-excalibur-e-non-solo-ed-evviva-stardust-rocky-the-warriors-e-captain-shakespeare/

 

Devo esservi sincero. Mi piacerebbe non essere belloccio ed essere invece davvero uno sfigato.
Non soffrirei e sarei un tonto come il 90% della gente.
La dovremmo finire anche col moralismo cattolico. Buono per bigotti e rincoglioniti.

Sì, sono spesso nichilista e, apparentemente, posso sembrare stronzo.

Non sono comunque io che devo togliermi la maschera, bensì i mostri.
Attenzione, quando arriva Rust, può fare molto, molto male a tutti i cattivoni.

Soprattutto se, adesso, non è più solo.

 

 

 

 

 

di Stefano Falotico

 

 

Ti è stato utile questo post? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati