Espandi menu
cerca
Libri a(ni)mati / 17 : “Acceptance” di Jeff VanderMeer (2014) : un'anomalia t-i/o-pografica.
di mck ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 11 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 168
  • Post 118
  • Recensioni 522
  • Playlist 165
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Libri a(ni)mati / 17 : “Acceptance” di Jeff VanderMeer (2014) : un'anomalia t-i/o-pografica.

 

“Non è altro che la vita, che ti trova e cerca di ucciderti.”

Nel cuore di Darwinia, nel ventre del Chaga, in immersione e sorvolandola, penetrandola con una plongé, una messa in abisso, siamo di nuovo dentro l'Area X, da essa assimilati, mutati.
Brecce, crepe, ferite e disfunzioni nell'aria che solcano e imbastiscono il cielo. Pioggia nera, viscida e dimenantesi.

“Per me qui è un manicomio, ma non è così anche nel resto del mondo?”

Per questo terzo ed ultimo volume della trilogia di Jeff VanderMeer, dopo una prima parte convincente e stimolante ed un secondo capitolo ridondante e deludente (probabilmente doveva/poteva/voleva essere il più tecnico - nel senso di scientifico e non di burocratico -, essendo ambientato all'interno della Southern Reach, m'alla fine è stato il più vanamente poetico e “misterioso”: sfociava (si rifugiava) nel tecn(olog)ico senza riuscire ad esser tale, ma solo, per l'appunto, burocratico, e solo vagamente, di riporto, comportamental-psicologico), ho cambiato approccio: l'ho trattato come un libro da ombrellone e non da poltrona.

“Non sarebbe l'ultima lezione di umiltà per la condizione umana? Che gli alberi e gli uccelli, le volpi e i conigli, i lupi e i cervi...arrivassero al punto di non accorgersi di noi, mentre ci trasformiamo.”

L'ho portato in giro, l'ho fatto abbronzare, gli ho offerto qualche goccia d'alcool mista a condensa ghiacciata, l'ho maltrattato un po'. Insomma: l'ho leggiucchiato, approcciandomi ad esso come un ripiego al solleone. E per certi, alcuni, molti, frequenti tratti non sono riuscito a staccarmene.

– Com’è il confine? – Domanda infantile. Una domanda con una risposta che non significa niente. Non c’è altro che il confine. Non c’è nessun confine.
– Com’è il confine?
Te lo dico quando ci arrivo.
– Cosa succede in realtà quando lo attraversiamo?
Non quello che magari ti aspetti.
– Che cosa ci avete nascosto dell’Area X?
Niente che potesse aiutarvi. Proprio niente.

Il passo appena qui sopra riportato è indice della vaghezza che permea l'opera, a tratti e per certi versi respingente. Eppure dopo poche pagine, molto prima d'esser giunto a metà della lettura, ho dismesso l'approccio riservato al libro in questione (passi del tempo ad osservare un soggetto, lo vedi, lo guardi, lo analizzi, per poi alla fine scoprire che qualcos'altro nel frattempo stava osservando te) perché “Accettazione” meritava (nonostante un, qua e là, punteggiante ed esagerato profluvio di “come”) - ed esigeva - miglior trattamento, e il titolo della playlist [Libri A(ni)mati e non In-A(ni)mati] dice già cosa ne penso di questo capitolo conclusivo.

“Conosceva la storia della costa, sapeva che la distanza e il silenzio ingigantivano le piccole cose. In quegli spazi, tra la nebbia e le spiagge deserte, la mente poteva volgersi al mistero e tessere racconti dal nulla.”

Il solito difetto (la subordinata e collaterale “semiotica del soprannaturale” infetta la trama principale: “A volte l'ospite e il parassita confondono i ruoli, come avrebbe detto la Biologa”) non inficia il “risultato” - senza risultanza: l'Area X è aliena oppure arcaica/atavica: in questo caso, i due termini sono sinonimi, resi tali dalla distanza e dall'estinzione - “finale”.

“I suoi ultimi pensieri prima dei pensieri che non erano suoi...”.           



Le Zone. Alcune.
– “the Chaga Saga" di Ian McDonald, un dittico composto dai romanzi "Chaga/Evolution's Shore" e "Kirinya", e da altri racconti quali "Toward Kilimanjaro" (la versione breve di "Chaga"), "Recording Angel", "Tendeleo's Story".
– "Darwinia", di Robert Charles Wilson, autore anche di “Mysterium”, “Bios” e “Blind Lake”.
– "the Crystal World", di James G. Ballard (compreso nella Tetralogia degli Elementi).
– "Stalker / PicNic sul Ciglio della Strada" di Arkadij e Boris Strugackij (traslato al cinema da Andrej Tarkovskij).

Li ho incontrati al cadere del giorno […],
Tutti mutati, interamente mutati.
Una bellezza terribile è nata.
William Butler Yeats - Pasqua 1916

La Southern Reach Trilogy (la Trilogia dell'Area X) di Jeff VanderMeer, 2014 (ediz. ital. Einaudi, trad. di C.Mennella, 2015).
–  Annihilation  [***½]
–  Authority  [**¾ - ***]
–  “Acceptance”  ***¼  (286 pag., € 17.00)

PS. Nei ringraziamenti l'autore cita, tra le altre, opere di autori che amo molto: “Dove un Tempo era Londra” di Richard Jefferies, “il Mare, il Mare” di Iris Murdoch e “the Sea InSide” di Philip Hoare...       

Playlist film

Annientamento

  • Fantascienza
  • USA
  • durata 115'

Titolo originale Annihilation

Regia di Alex Garland

Con Natalie Portman, Gina Rodriguez, Tessa Thompson, Tuva Novotny, Jennifer Jason Leigh

Annientamento
altre VISIONI

In streaming su Netflix

“Non hai ancora capito che la causa di tutto questo è in grado di manipolare il genoma, di compiere miracoli di mimetismo, miracoli biologici? Che sa come usare molecole e membrane, riesce a vedere attraverso le cose, può sorvegliare e poi sparire. Che uno smartphone, mettiamo, le sembra rozzo come una punta di freccia in selce, che si avvale di sensi così raffinati e complessi che gli strumenti a cui siamo legati, con cui registriamo l'universo, probabilmente dimostrano la nostra natura primitiva. Forse pensa addirittura che non abbiamo coscienza o libero arbitrio - non rispetto a come interpreta certe cose.”

Questa macchina o creatura o combinazione di entrambe che può manipolare le molecole, che può immagazzinare energia dove vuole, che può nasconderci gran parte delle sue intenzioni e delle sue trame. Che vive con gli angeli al suo interno e con le vestigia del suo terroir, i resti del suo luogo d'origine, dove non può tornare perché quel luogo non esiste più.

Rilevanza: 2. Per te? No

Lost

  • Serie TV
  • USA
  • 6 stagioni 121 episodi

Titolo originale Lost

Con J.J. Abrams, Jeffrey Lieber, Damon Lindelof, Naveen Andrews, Matthew Fox

Tag Fantascienza, Storia corale, Viaggi nel tempo, Isole, Anni duemila

Lost

“Allora molliamo tutto. Restiamo a vivere sull'isola, ci fabbrichiamo dei cappelli di foglie, ci nutriamo con i frutti del mare”. Avrebbero costruito una casa con le costole dei leviatani che vedeva in sogno. Ascoltato musica fatta con strumenti artigianali bevendo liquori distillati da erbe tossiche. Voltato le spalle al mondo perché non esisteva più.

Rilevanza: 1. Per te? No

Blackfish

  • Documentario
  • USA
  • durata 80'

Titolo originale Blackfish

Regia di Gabriela Cowperthwaite

Blackfish
altre VISIONI

In streaming su PS Store

“Una balena può ferire un'altra balena con il suo sonar. Può parlare con un'altra a distanza di novanta chilometri nell'oceano. Sono animali intelligenti come noi, ma in un modo che non possiamo calcolare o comprendere. Perché siamo strumenti incredibilmente rozzi.”

Rilevanza: 1. Per te? No

La mosca

  • Horror
  • USA
  • durata 100'

Titolo originale The Fly

Regia di David Cronenberg

Con Jeff Goldblum, Geena Davis, John Getz, Leslie Carlson, Joy Boushel

La mosca
altre VISIONI

In streaming su Infinity

Io invece non fui in grado di intervenire, neanche davanti a quello strazio, a quell'eterna sofferenza. Non potevo mettere fine alle sue pene, anche perché disponevo di dati incompleti. Non sapevo bene che cosa rappresentasse né cosa stesse provando. Dietro il dolore poteva nascondersi l'estasi – reliquie di sogni umani, sogni che forse erano una consolazione.

Rilevanza: 2. Per te? No

Monsters

  • Drammatico
  • Gran Bretagna
  • durata 94'

Titolo originale Monsters

Regia di Gareth Edwards

Con Whitney Able, Scoot McNairy, Kevon Kane

Monsters
altre VISIONI

In streaming su Amazon Prime Video

...dalla consapevolezza imposta dall'Area X.

Recensione.

Rilevanza: 1. Per te? No

Stalker

  • Fantascienza
  • URSS
  • durata 177'

Titolo originale Stalker

Regia di Andrej Tarkovskij

Con Aleksandr Kajdanovskij, Anatoli Solonitsin, Nikolaj Grinko

Stalker

“L'Area X è stata creata da un organismo abbandonato da una civiltà così antica, così avanzata e così estranea a noi, ai nostri scopi e ai nostri ragionamenti, da averci lasciato indietro, da aver lasciato tutto indietro da molto tempo.”

Rilevanza: 3. Per te? No

Solaris

  • Fantascienza
  • URSS
  • durata 160'

Titolo originale Solaris

Regia di Andrej Tarkovskij

Con Donatas Banionis, Natalia Bondarciuk, Jüri Järvet, Anatolij Solonicyn

Solaris

Forse una copia poteva anche essere superiore all'originale, creare una nuova realtà evitando i vecchi errori.

Rilevanza: 2. Per te? No

I segreti di Twin Peaks

  • Serie TV
  • USA
  • 4 stagioni 49 episodi

Titolo originale Twin Peaks

Con Kyle MacLachlan, Michael Ontkean, Sheryl Lee, Catherine E. Coulson, Heather Graham

Tag Horror, Storia corale, Crimini, Intrighi, USA, Anni '90

I segreti di Twin Peaks
altre VISIONI

In streaming su Sky Go

Il fatto è che “le antenne ricevono luce e le antenne si possono piratare”, inoltre “un organismo può affacciarsi da un altro organismo senza vivere al suo interno”…

Rilevanza: 2. Per te? No

E venne il giorno

  • Drammatico
  • USA, India
  • durata 91'

Titolo originale The Happening

Regia di M. Night Shyamalan

Con Mark Wahlberg, Zooey Deschanel, John Leguizamo, Spencer Breslin, Betty Buckley

E venne il giorno
altre VISIONI

In streaming su Tim Vision

...e le piante “comunicano fra loro e questo scambio può svolgersi in forma chimica e tramite processi così invisibili agli esseri umani che la loro improvvisa visibilità potrebbe provocare uno shock irreparabile”.

Rilevanza: 2. Per te? No

Il Regno di Ga' Hoole. La leggenda dei guardiani

  • Animazione
  • USA, Australia
  • durata 97'

Titolo originale Legend of the Guardians: The Owls of Ga'Hoole

Regia di Zack Snyder

Il Regno di Ga' Hoole. La leggenda dei guardiani
altre VISIONI

In streaming su Tim Vision

I gufi non sono quello che sembrano.

[Cit.] Ehm...

Rilevanza: 1. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati