Espandi menu
cerca
Estate: cinema e buone intenzioni
di Lehava ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 5 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

Lehava

Lehava

Iscritto dal 9 aprile 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 61
  • Post 37
  • Recensioni 101
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Estate: cinema e buone intenzioni

 

“Ho trascorso tutte le estati della mia vita a fare propositi per settembre, ora non più. Adesso trascorro l'estate a ricordare i propositi che facevo e che sono svaniti, un po' per pigrizia, un po' per dimenticanza. Che cosa avete contro la nostalgia, eh? E 'l'unico svago che ci resta, per chi è diffidente verso il futuro. L'unico. Senza pioggia, agosto sta finendo, settembre non comincia e io sono così ordinario. Ma non c'è da preoccuparsi, va bene. Va bene così.” (Da "La grande Bellezza")

Ho sempre odiato il veglione di fine anno. Uscire con il freddo, stare seduti ore e mangiare come dei dannati per pagare cifre esorbitanti, sorbirsi il karaoke di turno e forse anche peggio! Essere ripetutamente invitate a ballare e dover ribadire: "No grazie, non prendertela, non è una cosa personale, ma io proprio non ballo". Guardare la sala svuotarsi: "Perchè no, i fuochi d'artificio non vengo a vederli. Si congela e poi non mi piacciono, anzi, mi fanno proprio paura". Quando, sfiniti, si ritorna a casa, il recupero può richiedere giorni. Capodanno è tristissimo: il bar in centro storico chiuso, gran mal di testa, qualche film in tv visto e rivisto. Se va bene, un libro o il computer. Il momento peggiore per mettersi a fare somme sul passato e/o progettare qualsiasi cosa per il futuro: il nervosismo serpeggia, la noia più che mai. Spesso, piove pure. Sonnecchio sul divano, il cervello sconnesso, pregando che arrivi presto il giorno dopo e si torni tutti al lavoro. Domanda di rito, in ufficio: "Come sono andate le feste?" Copia-incolla della risposta dell'anno precedente: "Bene! Cucinato e mangiato. Dormito e stirato cumuli di vestiti arretrati. Lavato le tende. Ricucinato e rimangiato. Discusso di politica al pranzo di Santo Stefano in casa della zia: ci stavamo prendendo per i capelli! Visto Mary Poppins per la duecentocinquantesima volta: litigato per ottenere il telecomando". La collega nuova dell'ufficio acquisti si arrischia: "Buoni propositi per questo anno che viene? Ne hai fatti?" Sorrido: "Mai a fine anno, cara! Troppo intenta ad abbuffarmi, sai? Tra lasagne e lumache, chi ha tempo per pensare? No. Io, da quando ho vent'anni, i conti li tiro in un momento preciso: il rientro in macchina dal mare. Sempre tra il 18 e il 22 agosto (a seconda di come cade la settimana sul calendario). Austostrada, rallentamenti, aria condizionata che non va: metto i piedi sul cruscotto e guardando fuori dal finestrino la pianura verde gialla e Padana, programmo i mesi a venire." "Funziona?" arrischia quasi timorosa. "Beh, quasi mai! Intendo dire: i propositi restano sempre solo tali. Ma io credo nel crederci: che almeno uno possa realizzarsi". Resta un po' perplessa: mi sa che non le ho fatto una buona impressione. Solo uno che si possa realizzare? Passo per smidollata ed inconsistente. Probabilmente pure lo sono. Solo che, guardandola, mi dico che forse è troppo giovane per capire. Quando si ha vent'anni la prospettiva è completamente diversa: a quaranta le estati di pigrizia e dimenticanza sono tante alle spalle. Più che la nostalgia, ti rimane addosso una sorta di malinconia dolce, nella calura emiliana. Sarà così anche quest'anno. Il 18 agosto, nel primo pomeriggio. Alcuni propositi non li confesserò neppure a me stessa: troppo dolorosi. Altri saranno lì ad attendermi ed io li accoglierò come vecchi amici. Forse ne porteranno di nuovi e sconosciuti. Cercheremo di far loro buona impressione, non commettendo l'errore di essere troppo espliciti come con la collega di cui sopra. Tra loro potrebbe annidarsi quell'unico, sparuto e meraviglioso, che si realizzerà.

Playlist film

Il diario di Bridget Jones

  • Commedia
  • Gran Bretagna
  • durata 115'

Titolo originale Bridget Jones's Diary

Regia di Sharon Maguire

Con Renée Zellweger, Colin Firth, Hugh Grant, Jim Broadbent, Embeth Davidtz, Gemma Jones

Il diario di Bridget Jones
altre VISIONI

In streaming su Amazon Prime Video

Dimagrire. Ahhhh. Il proposito principe da quando ho dieci anni. Riappare ogni anno e muore alla prima settimana di dieta seria di settembre. Pacioccone ed innocuo, rispunta fuori a cadenze regolari. Regolarmente disatteso. Potrebbe andare peggio: almeno non fumo!

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

La leggenda di un amore

  • Fantasy
  • USA
  • durata 100'

Titolo originale Ever After A Cinderella Story

Regia di Andy Tennant

Con Drew Barrymore, Anjelica Huston, Dougray Scott, Patrick Godfrey

La leggenda di un amore
altre VISIONI

In streaming su Disney+

Cenerentola porta le vivande in tavola. La matrigna la redarguisce per l'aspetto trasandato e lei toccandosi i capelli dice di trovarsi spesso accanto al caminetto pensando a cosa fare di più e di meglio per compiacerla. "Cosa posso fare di più e di meglio per compiacere voi tutti?". Il proposito più eticamente corretto: essere una "brava persona", nelle parole e nei fatti. Volere e lavorare alacremente per il bene di chi si ama e persino di chi non si ama! Troppa filosofia? Sì, ma ho sempre cercato di applicarla: perché l'unica via che io conosca verso la serenità. L' "affermazione di sé" - must del ventunesimo secolo, è qualcosa che mi pare assai al di là delle mie forze

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Espiazione

  • Drammatico
  • Gran Bretagna, USA
  • durata 123'

Titolo originale Atonement

Regia di Joe Wright

Con Keira Knightley, James McAvoy, Saoirse Ronan, Romola Garai, Vanessa Redgrave

Espiazione
altre VISIONI

In streaming su Amazon Prime Video

Trovare il tempo per scrivere, regolarmente e con senso di concretezza. In pratica: chiedere all'acqua di un fiume di scorrere verso la propria sorgente. Non del tutto impossibile, ma altamente improbabile. Perchè vi chiederete? Potrei scriverci un'enciclopedia, sul perché. Afferrate l'ironia dell'assunto: tempo per scrivere che non c'è e scrivere un'enciclopedia...La parola ha il potere di plasmare il mondo e tutti noi. Perchè siamo Verbo e Logos, prima e dopo. O forse no. "Per me scrivere è tirare fuori la morte dal taschino, scagliarla contro il muro e riprenderla al volo." Charles Bukowski dixit.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Sognare è vivere

  • Drammatico
  • USA, Israele
  • durata 95'

Titolo originale Sipur al ahava ve choshech

Regia di Natalie Portman

Con Natalie Portman, Amir Tessler, Gilad Kahana, Makram Khoury, Shira Haas, Neta Riskin

Sognare è vivere
altre VISIONI

In streaming su RaiPlay

Fare un viaggio in Israele. Succederà, prima o poi. Già sto' pianificando.

Rilevanza: 1. Per te? No

La grande bellezza

  • Drammatico
  • Italia, Francia
  • durata 150'

Regia di Paolo Sorrentino

Con Toni Servillo, Sabrina Ferilli, Carlo Verdone, Carlo Buccirosso, Iaia Forte

La grande bellezza
altre VISIONI

In streaming su Netflix

Aver il coraggio di dire basta. Almeno concretamente. Un rapporto, amoroso o amicale, ha senso se c'è condivisione: può essere una condivisione pratica (la stessa casa, la stessa tavola, lo stesso letto), può essere una condivisione emotiva, o una condivisione intellettuale. Può essere tutto insieme o a pezzi. Ma se non ce n'è neanche una di condivisione che senso ha? Fa rabbia soprattutto chi potrebbe avere il dono della profondità. Ed invece si accontenta della superficialità: per pigrizia ed egocentrismo. Rincorrendo la vita invece di governarla ed impregnandola di scuse. Sono spesso stata accusata di essere troppo esigente: dietro una parvenza di accondiscendenza si annida una sorta di puntigliosa implacabilità personale che annulla qualsiasi compromesso. Probabilmente è vero: il proposito "brava persona" non è facilemente attuabile. E mi ritrovo troppo vecchia e presuntuosa per accontentarmi. Anche di me stessa. Mi manca la pazienza, restringo le vedute. L'estate passerà e ci sarà un luminoso autunno. Forse

 

 

Spero G. B. Shaw abbia torto, Che l'inferno sia lastricato di buone intenzioni, non di cattive. Ci penserò il 18 agosto, nei rallentamenti della A14. Allora deciderò se accettare il rischio. Che l'inferno magari è persino un luogo divertente dove discutere di logica.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati