Espandi menu
cerca
C’ERA UNA VOLTA UNA CITTA’: VENEZIA
di yume ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 30 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

yume

yume

Iscritto dal 19 settembre 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 97
  • Post 127
  • Recensioni 416
  • Playlist 47
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
C’ERA UNA VOLTA UNA CITTA’: VENEZIA

(doveroso avviso ai naviganti: questa play è il clone di un'altra postata ieri e ingoiata dalle fiamme di non so quale Inferno. Non è escluso che quella prima o poi riappaia come Leviathan, o che sparisca anche questa. Nel caso la posterò ancora e diventeranno tre, come le gole di Cerbero che caninamente latra. E tutto sommato l’argomento trattato ben si addice a tali infauste evenienze. Buona lettura e, altro avviso, non è tutta farina del mio sacco, benchè io condivida finanche le virgole del capitolo unico proposto.

______________________________________

 

INCIPIT

 

Difficile che io mantenga una promessa, dunque la serie continua, tristemente reale, no fiction, e senza lieto fine (come altro, v. Praga).

Ancora una città ombelico del mondo, Venezia.

Ancora una storia tradita, quella di una grande Signora che si ostina ad esibire gioielli inestimabili a mangiatori di hamburger e patatine.

Ultimo gioiello, in ordine di tempo, il magnifico ricordo curato presso le Gallerie dell’Accademia da Guido Beltramini, Davide Gasparotto, Giulio Manieri Elia di Aldo Manuzio, l’inventore del libro moderno e del concetto stesso di editoria, colui che fece di Venezia la capitale internazionale della stampa.

Altri tempi, secoli fa.

Fra le calli circolava Erasmo, e del suo amico Aldo diceva “Aldo ha intenzione di costruire una biblioteca la quale non abbia altro confine che il mondo stesso”.

Giorgione e Carpaccio, Giovanni Bellini e Cima da Conegliano, Tiziano e Lorenzo Lotto erano della compagnia e capitava di sfogliare con Pietro Bembo i grandi classici della cultura greca, da Omero ad Aristotele, da Sofocle a Euripide a Tucidide, e ancora testi latini da Virgilio a Cicerone, da Orazio a Ovidio, a Catullo, a Properzio, Lucrezio, Giovenale, Marziale, e poi testi ebraici e italiani della nuova letteratura in volgare.

 

E il cinema, cosa dire del cinema che ha fatto di Venezia il suo set?

Tanto cinema, dal 1909, Marin Faliero, doge di Venezia di De Liguoro a Sole a catinelle di Nunziante, campione d’incassi 1913 in gloria di Checco Zalone, la storia è esemplare e Visconti ha smesso perfino di agitarsi nella tomba.

 

Ma il cinema è solo una delle tante voci di un cahier de doléance che lascerà il tempo che trova (come si dice al mio paese).

Ancora una volta il Lido celebrerà quest’anno il suo stanco Festival che ogni anno perde più colpi, ancora una volta sarà campione d’incassi (quello delle case in affitto, degli alberghi e bed&breackfast pagati a peso d’oro, dei servizi pessimi, dei trasporti lentissimi, dei ridicoli red carpet ecc. ecc. ecc.).

 

Venezia è “…CON L’ACQUA ALLA GOLA, e non parliamo di Mose, Galan e quant’altro.

Parliamo di un povero cristo che, dopo anni ,decide di tornare a rivederla, scende a S. Lucia, arriva al Ponte degli Scalzi, e comincia a salire i 40 scalini per poi scendere gli altri 40… e cosa vede? Un imbroglio.

 

CAPITOLO UNICO

 

“Venezia è un imbroglio”cantava Guccini, e cominciavano gli anni Ottanta.

Ma “l’acqua alla gola e un dolore al livello del mare” li senti oggi molto più di allora: malapolitica, affari, incultura, inciviltà, spietato turismo stritolatutto passano su questa antica signora di stupefacente, incredibile bellezza, lasciandola ogni giorno più lacera, spogliata, dileggiata, punita, offesa, rassegnata.

Il merletto dei suoi palazzi oscurato dai bidoni rigurgitanti rifiuti, gli avanzi di cibo e di merci lasciati a cielo aperto in barricate, le piazze e le strade ingolfate da pulcinelleschi chioschi da festa di Piedigrotta, l’infilata di brutti negozi con la puzza al naso e di vetrine farcite di ciarpame acchiappaturisti, l’obbrobrio dei muri sconciati dagli sgorbi e corrosi dall’incuria, i cartelli degradati e inutili che uccidono dignità e decoro, i rari servizi e le tariffe da rapina, il rumore. Poi le grandi navi SOPRA Palazzo Ducale!

      Ti chiedi come possa accadere che le grasse entrate di un turismo automatico, di certo tra i più fiorenti al mondo, degli eventi irripetibili, dei palazzi venduti perfino all’industria dei matrimoni, delle tariffe da emirati arabi, non generino – almeno! – politiche amministrative attente ad ogni pietra, ad ogni goccia di laguna, ad ogni prezioso respiro di questa città, e risorse che facciano di Venezia una cattedrale di bellezza dove entrare rispettosi, in punta di piedi e in silenzio.

Fiumi di denaro, in quale mare finiscono? Purtroppo conosci ogni singola risposta.

Ti stupiscono di più il qualunquismo complice e diffuso, l’inciampare nell’anestetico mantra del sì-ma-Venezia-ha-sempre-il-suo-fascino, l’inconsapevolezza del disastro, la sovrana indifferenza di un turismo-cartavetro che tutto raspa e ingoia, gli affacciati dagli infiniti balconi e appartamenti della ciclopica “Costa Deliziosa” (sic) a fotografare San Marco e i turisti-che-fotografano…

      Venezia e la meraviglia delle architetture, dell’arte, dei tesori, dei musei, degli eventi, della storia che custodisce: unici al mondo in una città unica al mondo. Ti dicono che deve bastare, ci vai per quello; il resto, pazienza. Come se l’arte e la memoria, la bellezza e la dignità, immerse nel degrado non ne uscissero contaminate e distrutte, come se tutto questo fosse inevitabile. Come se le gallerie, i musei, le architetture, i tesori, l’unicità di Venezia, fossero l’attenuante che mitiga la colpa, e non invece  l’aggravante che condanna senza appello il nostro deficit di civiltà e chi questa città l’ha allegramente amministrata e devastata, i responsabili politici di una cultura lottizzata, spettacolarizzata, sfruttata, degradata.

Ma, contenti e gabbati, si continua.

      Venezia masticata e sputata, Venezia imbrogliata, Venezia con l’acqua alla gola e un dolore al  livello del mare.Venezia non respira già più.”

 

30 aprile 2016                                    

S. D. G.

 

 

 

 

 

Playlist film (aperta ai contributi)

Morte a Venezia

  • Drammatico
  • Italia
  • durata 130'

Regia di Luchino Visconti

Con Dirk Bogarde, Silvana Mangano, Björn Andresen, Romolo Valli, Marisa Berenson

Morte a Venezia
altre VISIONI

In streaming su Tim Vision

Se Thomas Mann avesse pensato quanto era profetico quel titolo!

Rilevanza: 2. Per te? No

Il mercante di Venezia

  • Drammatico
  • USA
  • durata 124'

Titolo originale The Merchant of Venice

Regia di Michael Radford

Con Al Pacino, Joseph Fiennes, Jeremy Irons, Lynn Collins, Charlie Cox

Il mercante di Venezia
altre VISIONI

In streaming su Chili

Vedi commento al film di Visconti, i grandi sono sempre un po' profeti

Rilevanza: 1. Per te? No

Giordano Bruno

  • Biografico
  • Italia, Francia
  • durata 123'

Regia di Giuliano Montaldo

Con Gian Maria Volonté, Hans Christian Blech, Charlotte Rampling, Mathieu Carrière

Giordano Bruno
altre VISIONI

In streaming su CG Entertainment

L'unico a cui sarebbe convenuto rimanere a Venezia

Rilevanza: 1. Per te? No

Eva

  • Drammatico
  • Italia, Francia
  • durata 100'

Titolo originale Eva

Regia di Joseph Losey

Con Jeanne Moreau, Stanley Baker, Virna Lisi, Giorgio Albertazzi, James Villiers

Eva

"La cornice di Eva è biblica e circolare. Venezia, con la scultura angolare di Adamo ed Eva a Palazzo Ducale, apre il film, mentre una voce fuori campo legge dal secondo capitolo della Genesi: “L’uomo e la donna vivevano nudi. Essi ignoravano la vergogna”. La sequenza finale si salda a quella iniziale, dilata lo spazio in una panoramica grandangolare da San Marco all’isola di San Giorgio, le gondole ondeggiano ritmiche in primo piano, un vaporetto suona la sirena, tutto è immobile nel silenzio metafisico della piazza vuota, ripresa dall’alto. Nella cornice si inscrive la storia di un’ossessione amorosa e di uno svuotamento progressivo delle ragioni per vivere, un disastro esistenziale che si consuma lento in coordinate spazio-temporali meticolosamente studiate e straordinariamente sfuggenti...

Leggi l'articolo completo: testo copiato da http://www.indie-eye.it/cinema/strana-illusione/30-torino-film-festival-retrospettiva-joseph-losey-36-dagli-anni-sessanta-a-caccia-sadica.html

Rilevanza: 1. Per te? No

Heimat

  • Drammatico
  • Germania
  • durata 924'

Titolo originale Heimat - Eine Chronik in elf Teilen

Regia di Edgar Reitz

Con Marita Breuer, Gertrud Bredel, Michael Lesch, Dieter Schaad

Heimat

//www.filmtv.it/post/1543/heimat-2-10-la-fine-del-futuro-das-ende-der-zukunft-1966-rei/#rfr:none Heimat 2 cap.10 Reihnard "...Venezia é l’ultima carta di Reinhard, una lunga sequenza che Reitz gira in bianco e nero, qualche sprazzo di colore notturno, fra callette solitarie e sotoportheghi dove scappa un topo, canali maleodoranti e interni di decadente splendore patrizio..."

Rilevanza: 1. Per te? No

Contributi di altri utenti

Aggiungi film +

Scrivi lentamente il titolo dei film che vuoi includere nella playlist. Il sistema riconoscerà automaticamente il titolo e te lo proporrà

Commento (opzionale)

Youth - La giovinezza

  • Drammatico
  • Italia, Francia, Svizzera
  • durata 118'

Regia di Paolo Sorrentino

Con Michael Caine, Rachel Weisz, Paul Dano, Harvey Keitel, Jane Fonda, Madalina Ghenea

Youth - La giovinezza
altre VISIONI

In streaming su Infinity

Film aggiunto da spopola

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Casino Royale

  • Spionaggio
  • USA, Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca
  • durata 144'

Titolo originale Casino Royale

Regia di Martin Campbell

Con Daniel Craig, Eva Green, Mads Mikkelsen, Judi Dench, Jeffrey Wright, Giancarlo Giannini

Casino Royale
altre VISIONI

In streaming su Sky Go

Film aggiunto da spopola

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

La leggenda degli uomini straordinari

  • Fantasy
  • USA, Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca
  • durata 110'

Titolo originale The League of Extraordinary Gentlemen

Regia di Stephen Norrington

Con Sean Connery, Naseeruddin Shah, Peta Wilson, Tony Curran, Stuart Townsend, Shane West

La leggenda degli uomini straordinari
altre VISIONI

In streaming su Infinity

Film aggiunto da spopola

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Il terrorista

  • Drammatico
  • Italia
  • durata 89'

Regia di Gianfranco De Bosio

Con Gian Maria Volonté, Philippe Leroy, Giulio Bosetti

Il terrorista
Film aggiunto da GIANNISV66

Calli e canali ritratti a pennellate di bianco e nero per fare da sfondo a una storia ricca di sfumature di grigio. Gian Maria Volonté cane sciolto della lotta partigiana compie attentati contro gli occupanti tedeschi e i fascisti, mentre il CLN discute e litiga sulla opportunità di azioni che portano a feroci rappresaglie su innocenti. Film anti-reetorico sulla Resistenza, asciutto e lineare. Nelle discussioni tra i rappresentanti delle forze politiche del futuro arco costituzionale si intravedono già le debolezze della democrazia che verrà

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Anonimo veneziano

  • Drammatico
  • Italia
  • durata 84'

Regia di Enrico Maria Salerno

Con Florinda Bolkan, Tony Musante, Toti Dal Monte, Alessandro Grinfan

Anonimo veneziano
altre VISIONI

In streaming su Chili

Film aggiunto da bufera

Filn, crepuscolaresulla vita l'amore e la morte

Rilevanza: 1. Per te? No

A Venezia... un dicembre rosso shocking

  • Drammatico
  • Gran Bretagna
  • durata 110'

Titolo originale Don't Look Now

Regia di Nicolas Roeg

Con Julie Christie, Donald Sutherland, Hilary Manson, Clelia Matania

A Venezia... un dicembre rosso shocking
Film aggiunto da Marcello del Campo

Abigail lo ha inserito due volte in commento ma è passato inosservato. Probabilmente non è noto il titolo originale "Don't Look Now"; eppure la Venezia notturna, spettrale che Roeg rappresenta nel finale è indimenticabile. Altro che la costante oleografica di molti pessimi film!

Rilevanza: 2. Per te? No

Cortesie per gli ospiti

  • Drammatico
  • USA
  • durata 101'

Titolo originale The Comfort of Strangers

Regia di Paul Schrader

Con Natasha Richardson, Rupert Everett, Christopher Walken, Helen Mirren

Cortesie per gli ospiti
Film aggiunto da Marcello del Campo

Come Roeg in "Venezia... un dicembre rosso shocking" (Don't Look Now), Paul Schrader smarca la città lagunare da facili sentimentalismi, inserendola in un brutale scenario di 'delitto come una delle belle arti'.

Rilevanza: 1. Per te? No

Heimat 2 - La fine del futuro

  • Drammatico
  • Germania
  • durata 132'

Titolo originale Die Zweite Heimat - Chronik einer Jugend - Das Ende der Zukunft

Regia di Edgar Reitz

Con László I. Kish, Peter Weiss, Susanne Lothar, Henry Arnold, Salome Kammer

Heimat 2 - La fine del futuro
Film aggiunto da mck

//www.filmtv.it/post/1543/heimat-2-10-la-fine-del-futuro-das-ende-der-zukunft-1966-rei/

Rilevanza: 2. Per te? No

Pane e tulipani

  • Commedia
  • Italia, Svizzera
  • durata 118'

Regia di Silvio Soldini

Con Licia Maglietta, Bruno Ganz, Marina Massironi, Giuseppe Battiston

Pane e tulipani
altre VISIONI

In streaming su Chili

Film aggiunto da mck

Rilevanza: 1. Per te? No

The Tourist

  • Thriller
  • USA, Francia
  • durata 105'

Titolo originale The Tourist

Regia di Florian Henckel von Donnersmarck

Con Johnny Depp, Angelina Jolie, Paul Bettany, Timothy Dalton, Rufus Sewell, Raoul Bova

The Tourist
altre VISIONI

In streaming su RaiPlay

Film aggiunto da marcopolo30

Il film che forse rappresenta meglio, nella sua patinata superficialità, la situazione attuale che hai brillantemente descritto nel testo.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Esporta lista
Aggiungi film +

Scrivi lentamente il titolo dei film che vuoi includere nella playlist. Il sistema riconoscerà automaticamente il titolo e te lo proporrà

Commento (opzionale)

Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati