Espandi menu
cerca
L'Arte di Hayao Miyazaki: un rifugio nella fantasia di un genio
di Genga009 ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 11 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

Genga009

Genga009

Iscritto dal 1 giugno 2014 Vai al suo profilo
  • Seguaci 58
  • Post 18
  • Recensioni 74
  • Playlist 18
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
L'Arte di Hayao Miyazaki: un rifugio nella fantasia di un genio

Questa prima breve filmografia prende in esame un regista che sicuramente non ha bisogno di presentazioni.

Buona lettura.

Playlist film

Lupin III: il castello di Cagliostro

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 100'

Titolo originale Rupan sansei: Kariosutoro no shiro

Regia di Hayao Miyazaki

Lupin III: il castello di Cagliostro

Un'opera eterna, che dagli anni Sessanta ad oggi non ha mai smesso di divertire. Da personaggio a moda e da moda a leggenda della cultura pop giapponese nel mondo: questo è Lupin!

Nel 1978 Miyazaki dirige il suo primo film, che da Spielberg verrà successivamente descritto come “il più bel film di avventura di tutti i tempi”

Lupin III: il castello di Cagliostro, anche dopo più di trent'anni, rimane uno dei migliori lungometraggi della storia del cinema spin-off di un manga (altri come Lamù 2: Beautiful Dreamer e Cowboy Bebop: Il Film li ritengo tuttavia superiori).

La trama, anche se geniale, non presenta tematiche particolari ma, comunque, la sua struttura avvincente e l’ottima regia delineano una storia meravigliosa con molti colpi di scena. La sequenza dell’inseguimento a bordo della 500 resta un classico della storia del cinema insieme alla frase finale del miglior Zenigata di sempre.

Miyazaki, che comunque aveva già una vasta esperienza nel campo dell'animazione televisiva, si rivela essere già da subito molto più di un professionista dietro la “macchina da presa”, gestendo i tempi comici e d’azione in maniera impeccabile. I personaggi sono la perfezione: Arsenio Lupin III, Jigen, Ghemon, Fujiko, il detective Zenigata, la prinipessa Clarissa e il perfido conte Cagliostro. La colonna sonora è un piacevole misto di canzoni leggere anni Settanta e melodie jazz che, come tema centrale, prendono quello della serie animata composto dal grande Yuji Ono.

 

Voto : ***

Rilevanza: 8. Per te? No

Nausicaä della valle del vento

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 116'

Titolo originale Kaze no tani no Naushika

Regia di Hayao Miyazaki

Nausicaä della valle del vento

In streaming su Netflix

Capolavoro assoluto del Maestro. La summa della sua poetica, espressa nel primo periodo del regista, quando ancora non reiterava ma approfondiva le proprie tematiche rifacendosi, soprattutto dal punto di vista grafico, ai grandi fumettisti francesi degli anni Settanta come Moebius.

Nausicaä della Valle del vento è l'adattamento cinematografico del manga omonimo, scritto e disegnato da Miyazaki nei primi anni Ottanta. In quest'opera magnifica si respirano ancora l’armonia e le atmosfere di Conan il ragazzo del futuro, sua opera omnia, in cui è racchiuso tutto il pensiero miyazakiano. È un film profondamente pacifista, che critica senza mezzi termini la mostruosa potenza distruttiva dell'energia nucleare. La storia post-apocalittica (come in Conan il ragazzo del futuro) è diretta in modo che momenti epici e drammatici si alternino con un’ottima fluidità.

E’ il lungometraggio più maestoso di Miyazaki, guarnito con personaggi strepitosi (Nausicaä è in assoluto la miglior protagonista femminile della storia del cinema d’animazione) e scenografie spettacolari. Quelle che rendono Nausicaa della Valle del vento uno dei massimi capolavori dell’animazione mondiale sono però le musiche di Hisaishi, qui splendide più che in ogni film dello Studio Ghibli.

 

Voto : *****

Rilevanza: 10. Per te? No

Il castello nel cielo

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 124'

Titolo originale Tenkû no shiro Rapyuta

Regia di Hayao Miyazaki

Il castello nel cielo

In streaming su Netflix

Questa straordinaria fiaba, ispirata a Laputa (l’isola fluttuante de I Viaggi di Gulliver di Jonathan Swift), è stato il primo film prodotto dallo Studio Ghibli a metà degli anni Ottanta.

La storia è una strepitosa fusione di avventura, romanticismo e fantasia. Le tematiche principali sono: la sete di potere, l’avidità e la bramosìa dell'essere umano. 

I personaggi primari sono molto simili ai protagonisti di Conan il ragazzo del futuro, mentre quelli secondari presentano sfaccettature molto interessanti: una su tutti la leader dei pirati volanti, che è stata disegnata enorme, piena di rughe e con volto e naso giganteschi. Questa sua rappresentazione è diretta a marcarne i tratti somatici della vecchiaia, a delinearne un profilo importante ed inquietante e a evidenziare il fatto che spesso il pregiudizio porta la gente ad inquadrare negativamente le persone per diversità o deformità nell’aspetto fisico. Tutte le idealizzazioni sono riscontrate in modo particolare anche ne “la strega delle lande” de Il Castello errante di Howl e sulle gemelle Yubaba e Zeniba de La Città incantata. Altro personaggio interessante, che fa quasi tenerezza, è il robot guardiano dell’isola nel cielo, gentile e apparentemente solitario.

Dal punto di vista tecnico, l'opera presenta sfondi e fondali curati nei minimi dettagli e ottime musiche, che si sposano a meraviglia con le sue atmosfere epiche e suggestive. Nota un minimo dolente per il montaggio durante il finale, che non esalta in pieno ne la musica ne la spettacolarità delle scene, cosa che, invece, avviene pienamente nelle sequenze dove il robot caduto da Laputa distrugge la fortezza militare. 

Se questo film non è da considerare un capolavoro del Maestro è perché non esamina ai livelli di altre sue opere gli argomenti che tratta, limitandosi spesso alla sola narrazione meccanica degli eventi.

 

Voto : ****

Rilevanza: 7. Per te? No

Il mio vicino Totoro

  • Animazione
  • Giappone, USA
  • durata 86'

Titolo originale Tonari no Totoro

Regia di Hayao Miyazaki

Il mio vicino Totoro

In streaming su Netflix

La storia, ispirata al romanzo Alice nel Paese delle meraviglie di Lewis Carroll, è una commedia fantasy che vede come protagoniste due bambine che, col padre, dalla città si trasferiscono in campagna per essere più vicine all’ospedale dove è ricoverata la loro mamma. Questa particolare motivazione Miyazaki l’ha voluta inserire perché, da piccolo, sua madre era stata ricoverata in ospedale per un certo periodo. Appena arrivate nella nuova casa, le bambine vengono a contatto con spiriti che, come dice l’anziana del villaggio, si possono vedere solamente con gli occhi di chi è ancora piccolo.

Questo film, più leggero di altri come trama e argomenti, è l’opera del Maestro che più di tutte rappresenta l'equilibrio tra filosofia e visione politico-sociale miyazaniake: i rapporti positivi e di rispetto con la natura (senza guerre, armi o maledizioni) descrivono un paesaggio e un’utopia che Miyazaki ha sempre sostenuto, ovvero una società rurale in perfetta armonia con l’ambiente, esattamente come l’isola di High Harbor in Conan il ragazzo del futuro.

Le tematiche non mancano: il rapporto tra sorella minore e maggiore, la critica verso il lavoro che spesso in Giappone prevale sull’unità familiare e, più rilevante di tutte, l’importanza della fantasia, del gioco e dello svago per i bambini. I paesaggi agricoli sono meticolosamente precisi e realizzati con cura e realismo. 

Personaggi statici ma perfettamente caratterizzati, musiche più che buone, molto allegre e coinvolgenti e una delle più suggestive regie del Maestro costituiscono l'opera di Miyazaki che presenta il migliore e più famoso fotogramma della sua intera carriera: l'incontro tra Satsuki e Totoro alla fermata dell'autobus del "Grande santuario di Inari".

 

Voto : ***

Rilevanza: 10. Per te? No

Kiki consegne a domicilio

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 103'

Titolo originale Majo no takkyûbin

Regia di Hayao Miyazaki

Kiki consegne a domicilio

In streaming su Netflix

Uno dei migliori film che sia mai stato realizzato adatto ad un pubblico infantile. Quando scrivo così, voglio dire che queste opere sono quelle che i bambini potrebbero apprezzare di più anche senza capirne e coglierne tutti i significati.

E’ un lungometraggio favoloso per le atmosfere di leggerezza che trasmette: in questo senso è il film più cortese e delicato della carriera del Maestro. Le musiche sono ottime ma, come ne Il Castello nel cielo, a tratti il montaggio sonoro non ne esalta le potenziali emozioni.

I punti di forza di questo amabile film sono due: i personaggi, magistralmente caratterizzati e con ognuno un'aspirazione futura esemplare e i fondali eccezionali, appositamente ricercati andando a studiare località danesi e scandinave. Le ambientazioni sono talmente ben realizzate che, quando si riprendono i confini della città portuale dove si svolge la storia, sembra di vedere una cartolina in secondo piano. La regia è stilisticamente egregia e curata in modo da catturare lo spettatore per tutta la durata della visione.

La mancanza di argomenti significativi non eleva l’opera a capolavoro anche se il film presenta temi istruttivi riccorrenti nelle opere di Miyazaki e Takahata, ovvero la crescita e la maturità durante l'arduo percorso dell’adolescenza.

 

Voto : ***

Rilevanza: 9. Per te? No

Porco rosso

  • Animazione
  • Giappone, Francia
  • durata 94'

Titolo originale Kurenai no buta

Regia di Hayao Miyazaki

Porco rosso

In streaming su Netflix

Una storia di amori: un amore per il volo, gli idrovolanti e uno per Gina, amica d'infanzia, donna raffinata e affascinante. Porco Rosso è il film più empatico, poetico e politico di Miyazaki, capace di trasportare chiunque sulle ali del velivolo del protagonista e nelle paradisiache ambientazioni del Mare Adriatico.

È il lungomentraggio del Maestro con i migliori personaggi in assoluto, da quelli primari Marco, Fio e Gina a quelli secondari come gli spericolati pirati del cielo (simili ai pirati volanti de Il castello nel cielo) e il donnaiolo Donald Curtis.

Gran lavoro sia di sceneggiatura sia di regia, un inno alla libertà, un rifuto all'ideologia fascista circondato da una sincera ammirazione per l’Italia da parte del Maestro nelle scenografie.

 

Voto : ****

Rilevanza: 10. Per te? No

Principessa Mononoke

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 137'

Titolo originale Mononoke Hime

Regia di Hayao Miyazaki

Principessa Mononoke

In streaming su Netflix

Uno dei suoi lungometraggi più complessi, maturi e oggettivamente il più esplicito per quanto riguarda l’arrivo allo spettatore degli argomenti che tratta: la distruzione della natura, l’egoismo dell’uomo, le potenze belliche che non solo uccidono ma infettano e deteriorano carne e anima delle loro vittime.

Una storia epica, colma di rabbia, vendetta e speranza. Un'opera visivamente impeccabile, con ottimi personaggi (umani e non) e musiche straordinarie, a volte però molto romantiche per delle atmosfere e delle ambientazioni così realisticamente medioevali e, quindi, non sempre perfettamente adeguate al contesto epico/storico del film.

 

Voto : *****

Rilevanza: 11. Per te? No

La città incantata

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 122'

Titolo originale Sen to Chihiro no kamikakushi

Regia di Hayao Miyazaki

La città incantata

In streaming su Netflix

La crescita spirituale e il cammino di maturità dei bambini sono due degli argomenti che a Miyazaki da sempre stanno più a cuore, e questo film ne è la loro materializzazione più chimerica

La storia si articola da un incontro improvviso, brusco con una realtà onirica e assurda per poi sfociare, come un letto di un fiume, in un racconto di amore, coraggio, intraprendenza e responsabilità.

Personaggi dinamici e caratterizzati in modo eccellente e musiche più che buone, in cui Hisaishi compone malinconiche e suggestive melodie per pianoforte, vanno a completare il film più surreale del Maestro che, dal punto di vista tecnico delle scenografie e delle animazioni, rappresenta, dopo Il Castello Errante di Howl, il capolavoro assoluto dello Studio Ghibli.

 

Voto : *****

Rilevanza: 11. Per te? No

Il castello errante di Howl

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 119'

Titolo originale Hauru no ugoku shiro

Regia di Hayao Miyazaki

Il castello errante di Howl

In streaming su Netflix

Un’armoniosa fusione di magia e romanticismo. Un lungometraggio sublime che affronta più temi (la vecchiaia, l’obesità, la depressione e il narcisismo) e che ancora, come Conan il ragazzo del futuroNausicaa della Valle del vento e Principessa Mononoke, descrive gli orrori della guerra e delle armi, puntando però più su atmosfere fantastiche legate alla metamorfosi, qui presenti più che in ogni altra opera del Maestro. Insieme a La Città incantata, questo film è l’apice della fantasia di Miyazaki, sebbene entrambe le opere siano liberamente tratte da romanzi.

I punti di forza sono tre: i personaggi, tutti dinamici e con personalità originali ben delineate (Howl, sia per aspetto che per carattere, ricorda molto Dorian Grey di Oscar Wilde), gli sfondi accesi, variopinti e perfettamente definiti, caratterizzati da un magistrale equilibrio tra grafica tradizionale e tecniche digitali (basti pensare ai movimenti del castello) e la dolce e trascinante colonna sonora di Hisaishi, un valzer che, accompagnando dall’inizio alla conclusione questa fiaba, accentua il forte e puro sentimento che ne delinea le forme: l'amore, quello stato d'animo capace di spezzare non solo le maledizioni di carattere magico, ma anche quelle concrete di natura prettamente umana.

 

Voto : ****

Rilevanza: 9. Per te? No

Ponyo sulla scogliera

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 100'

Titolo originale Gake no ue no Ponyo

Regia di Hayao Miyazaki

Ponyo sulla scogliera

In streaming su Netflix

Ponyo sulla scogliera denota elementi particolarmente indirizzati all’età dell’infanzia, ancora più de Il mio vicino Totoro e di Kiki consegne a domicilio.

Le tematiche affrontate in maniera definita sono: l'evoluzione, l’inquinamento e l’instabilità familiare dovuta alla quasi totale assenza della figura paterna e coniugale causata dai suoi lunghi turni di lavoro. A quest’ultimo argomento si associa la figura della “super mamma”, ovvero la madre del protagonista, che da sola deve badare alla casa, lavorare e seguire il figlio.

Interessante è il personaggio di Ponyo: una pesciolina che, spinta dalla curiosità e dal desiderio di diventare umana, scatena un nubifragio di dimensioni catastrofiche e, allo stesso tempo, uno straordinario fenomeno di proliferazione della fauna ittica contemporanea e primitiva.

Anche qui, come ne La Città incantata e in Kiki consegne a domicilio, è presente il tema dell’intraprendenza e della crescita, in questo caso non solo psicologica ma anche fisica. Per gli stessi motivi delle due posizioni precedenti, quest’opera non può essere elevata a capolavoro anche se presenta lati tecnici spaventosi.

Questo lungometraggio, infatti, è interamente composto con tecniche tradizionali e presenta fondali marini straordinari, per non parlare dei paesaggi preistorici "post tempesta". Le ambientazioni sono realizzate con stili pittorici che variano a seconda delle scenografie: ad esempio, il colle dove è posizionata la casa della famiglia di Sosuke è completamente dipinto ad acquerelli.

Lato tecnico a parte, Ponyo sulla scogliera resta un ottimo film d’animazione, con più chiavi di lettura di molti dei lungometraggi del Maestro (non tutte lampanti) e non per questo inferiore ad essi come qualità artistiche, assolutamente.

 

Voto : ****

Rilevanza: 9. Per te? No

Si alza il vento

  • Animazione
  • Giappone
  • durata 126'

Titolo originale Kaze tachinu

Regia di Hayao Miyazaki

Si alza il vento

In streaming su Netflix

Se Isao Takahata ha da sempre descritto la realtà con una fedeltà storico-geografica impressionante, Hayao Miyazaki, invece, ha sempre usato più la fantasia come specchio per raccontarla. Eppure, con Si alza il vento, il Maestro plasma una trama che percorre, quasi come il romanzo da cui è tratta l'opera, la vita di Jiro Horikoshi, un progettista di aerei da guerra famoso per avere ideato i velivoli protagonisti dell’attacco di Pearl Harbor.

Miyazaki costruisce una storia che si equilibra perfettamente tra l’onirico e il realismo, seguendo passo per passo le vicende vissute dal protagonista e alternando sequenze dinamiche e quasi di tensione a scene commoventi, poetiche e romantiche.

I personaggi sono sensazionali, umani e senza caratterizzazioni sopra le righe. La regia favolosa, soprattutto nei sogni di Jiro, nelle scene del terremoto e in quella dei “bambini che aspettano i genitori”, gli sfondi perfettamente definiti e le delicate e nostalgiche musiche di Hisaishi vanno a formare un’atmosfera dei primi Novecento concreta, a momenti percepibile.

Le tematiche che il film affronta sono molte e complesse: la situazione economico-sociale giapponese dagli anni Dieci agli anni Quaranta, la contrapposizione dell'amore del protagonista verso gli aerei e quello verso Naoko (una delle storie d’amore più belle del cinema d’animazione), l’idea della natura come ispirazione e la morale di un sogno che si sfalda come aeroplani in guerra: “opere d’arte maledette”, come li definisce Caproni, la guida spirituale e professionale di Jiro nei suoi sogni.

Questa è l’opera di Miyazaki con più sfaccettature e meno lineare della sua carriera, neorealista, biografica e a tratti autobiografica. E’ il testamento artistico perfetto del suo lavoro come regista e animatore nel mondo del cinema e della televisione ed è la sua ultima e più grande dichiarazione alla sua più grande passione, ovvero il volo, l’aeronautica, ancora più di Porco Rosso.

 

Voto : *****

 

- - - - -

 

So di non essere stato esaustivo ma dei film ho puntato a scrivere solo brevi analisi, non recensioni complete, questo per rendere la lettura della playlist più fluida possibile. 

Si conclude la breve filmografia Hayao Miyazaki.

Grazie per l'attenzione.

Rilevanza: 9. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati