Espandi menu
cerca
L'importanza degli oggetti nei film di Hitchcock
di Scotty ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 7 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

Scotty

Scotty

Iscritto dal 13 febbraio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 26
  • Post 2
  • Recensioni 11
  • Playlist 66
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
L'importanza degli oggetti nei film di Hitchcock

Questa playlist trae parziale ispirazione da un articolo, "Il gioco degli sguardi, costante hitchcockiana" di Giancarlo Beltrame, pubblicato sul sito hitchcockmania.it dedicato appunto al regista inglese. Leggendolo, infatti, mi sono tornati alla mente altri articoli e saggi dedicati ad Hitchcock nei quali veniva messo in risalto il ruolo centrale rivestito da alcuni oggetti in molte delle scene clou dei suoi film. Oggetti apparentemente comuni che, calati nel contesto del racconto, assumono un'importanza cruciale. L'idea di farne una playlist è venuta subito dopo. Richiami ad altri film, anche di altri registi, sono ovviamente benvenuti!

Playlist film

Ricatto

  • Thriller
  • Gran Bretagna
  • durata 90'

Titolo originale Blackmail

Regia di Alfred Hitchcock

Con Anny Ondra, Sara Allgood, John Londgen

Ricatto

Coltello. La protagonista del film, Alice, usa un coltello per uccidere l'uomo che stava tentando di violentarla. Il giorno successivo, com'è ovvio, si sente stranita, confusa. A colazione, l'unica parola che risuona chiaramente alle sue orecchie è "Coltello". Finché il padre, al culmine del climax, le chiede di passargli il coltello per affettare il pane.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Io ti salverò

  • Thriller
  • USA
  • durata 97'

Titolo originale Spellbound

Regia di Alfred Hitchcock

Con Ingrid Bergman, Gregory Peck, Michael Chekhov, Leo G. Carroll

Io ti salverò

Pistola. In questo caso, l'importanza dell'oggetto sta tutta nell'impatto visivo. La mano gigante del dottor Murchison che impugna un'enorme pistola dimostra ancora una volta che nei film di Hitchcock niente è mai casuale o gratuito. Ogni movimento di macchina o, per così dire, "effetto speciale" è giustificato dalla reazione che il regista vuole suscitare nel pubblico, anche attraverso un oggetto inanimato.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Notorious - L'amante perduta

  • Spionaggio
  • USA
  • durata 101'

Titolo originale Notorious

Regia di Alfred Hitchcock

Con Ingrid Bergman, Cary Grant, Claude Rains, Louis Calhern

Notorious - L'amante perduta

Chiave. La scena è probabilmente la più famosa del film: con un dolly, Hitchcock ci mostra dapprima la sala da ballo nella quale è in pieno svolgimento un ricevimento. Poi, lentamente, si sposta sulla figura intera di Ingrid Bergman. Si avvicina sempre più, fino a mostrare la sua mano e ciò che stringe: la chiave che consentirà a lei e a Cary Grant di entrare nella misteriosa cantina del marito dov'è custodito l'uranio. A mano a mano che la macchina da presa si avvicina alla chiave si avverte una crescente tensione che culmina proprio con la vista della chiave. Per questo film, si potrebbe citare anche la tazzina con il caffè avvelenato che non fa altro che confermare i dubbi che Ingrid Bergman già nutriva circa il complotto ordito alle sue spalle.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Delitto per delitto - L'altro uomo

  • Thriller
  • USA
  • durata 96'

Titolo originale Strangers on a Train

Regia di Alfred Hitchcock

Con Farley Granger, Robert Walker, Ruth Roman, Leo G. Carroll

Delitto per delitto - L'altro uomo

Occhiali. Come rimarcato dall'autore dell'articolo citato in premessa, spesso in Hitchcock vi è una sorta di equivalenza fra la distorsione della visione e la distorsione morale o sessuale di uno dei protagonisti dei film. Non a caso, in questo film l'omicidio della moglie di Guy viene mostrato attraverso un riflesso sugli occhiali della donna caduti a terra. Altro oggetto importante nel film è l'accendino, che se ritrovato nel luogo del delitto smaschererebbe il colpevole.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Il delitto perfetto

  • Giallo
  • USA
  • durata 105'

Titolo originale Dial M for Murder

Regia di Alfred Hitchcock

Con Ray Milland, Grace Kelly, Robert Cummings, Anthony Dawson

Il delitto perfetto

Forbici. È l'arma del delitto, quella con cui Grace Kelly uccide il suo aggressore, complice del marito. Ma è anche l'oggetto attorno al quale ruota una delle scene più forti del film: la mano della donna protesa verso il pubblico, una richiesta d'aiuto amplificata dall'effetto 3D (che evidentemente non è invenzione dell'uomo moderno!). Parlando di questo film, Hitchcock era solito dire: "Le forbici sono il modo migliore". Il riferimento non era solo all'atto di compiere un omicidio, ma anche al modo di renderlo sullo schermo: un buon montaggio, spesso, vale più di qualunque altra soluzione...

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

La finestra sul cortile

  • Thriller
  • USA
  • durata 112'

Titolo originale Rear Window

Regia di Alfred Hitchcock

Con James Stewart, Grace Kelly, Thelma Ritter, Raymond Burr

La finestra sul cortile

Macchina fotografica. La macchina fotografica e i relativi accessori rappresentano il vero motore dell'azione. Essi, infatti, consentono alla storia di nascere - se James Stewart non avesse spiato i vicini non avrebbe mai sospettato l'omicidio - e di concludersi, con i flash ripetuti che, abbagliando l'assassino, permettono a James Stewart di salvare la pelle.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Psyco

  • Thriller
  • USA
  • durata 108'

Titolo originale Psycho

Regia di Alfred Hitchcock

Con Anthony Perkins, Janet Leigh, Vera Miles, John Gavin, Martin Balsam

Psyco

Doccia. Riconosco che, rispetto agli altri film che ho citato, la doccia non sia propriamente un oggetto. Quello che però mi ha colpito è l'importanza che ogni elemento della doccia ha nella scena dell'omicidio di Marion Crane. Innanzitutto l'acqua che esce dalla doccia e scorre placidamente, ridando forza a Marion dopo la fuga dalla città. Poi, la tendina della doccia, attraverso la quale vediamo una sagoma, dapprima sfumata, poi dai contorni sempre più definiti, avvicinarsi alla donna brandendo quello che in seguito scopriremo essere un coltello. Poi lo scarico della doccia, con il vorticare frenetico dell'acqua che via via si scurisce per la presenza del sangue. Ed infine i tre elementi insieme: l'acqua che continua ad uscire indifferente dalla doccia, la tendina strappata dalla mano di Marion alla ricerca di un ultimo appiglio che possa salvarla, e poi ancora lo scarico con i piedi inermi della morta poco distanti.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati