Espandi menu
cerca
Addio a Farley Granger
di steno79 ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 7 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 213
  • Post 21
  • Recensioni 1446
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Addio a Farley Granger

Ho appreso da poco la notizia della scomparsa di questo attore che conoscevo bene, avendo visto le sue pellicole più significative. Farley Granger era indubbiamente un attore affascinante, un "bello" che aveva trovato la strada del cinema grazie al produttore Samuel Goldwyn. Il suo primo ruolo cinematografico fu nel film “The north star”(1943) di Lewis Milestone, un film di propaganda a favore dei Russi girato durante la Seconda guerra mondiale. In seguito, si era distinto in alcune opere pregevoli come La donna del bandito (They live by night, 1949), esordio al cinema di Nicholas Ray in cui interpreta un piccolo gangster nell’America rurale degli anni Trenta, e Nodo alla gola (Rope) di Alfred Hitchcock, famoso film girato unicamente con la tecnica del piano-sequenza in cui interpretava uno studente assassino che aveva nascosto insieme al suo compare il cadavere della loro vittima in una cassapanca. Granger era divenuto famoso soprattutto per la sua prestanza fisica, perchè dal punto di vista recitativo non disponeva di particolari risorse drammatiche. Delitto per delitto (Strangers on a train 1951) di Hitchcock, tratto da un romanzo di Patricia Highsmith, fu un altro dei suoi titoli più memorabili, ma anche in quel caso il confronto con il collega Robert Walker (morto poco dopo la fine delle riprese) si rivelò sfavorevole, poichè quest'ultimo gli rubava continuamente la scena nei panni del folle assassino Bruno Anthony, mentre Granger interpretava il tennista Guy Haines, innocente ma che subiva la seduzione del Male. Dopo qualche altro titolo non proprio eccelso (ad esempio l'episodio "Il dono dei magi", diretto da Henry King nel film collettivo La giostra umana, tratto da storie di O. Henry, dove recita in coppia con Jeanne Crain nei panni di una coppia di sposini poveri in cui lei decide di farsi tagliare la sua splendida chioma per fare un regalo di Natale al marito) arriva la partecipazione a Senso di Visconti, uno dei grandi capolavori della storia del cinema, nei panni del tenente Franz Mahler. Il genio registico di Visconti riesce a trarre il meglio anche da un interprete non eccezionale come Granger, che qui offre la sua migliore interpretazione; particolarmente memorabile la scena in cui il tenente austriaco insulta e umilia la contessa Serpieri, in un lungo monologo in cui riconosce il proprio fallimento umano e la propria vigliaccheria; qui Granger, doppiato nella versione italiana da Enrico Maria Salerno, è davvero convincente nel ruolo del “bello e dannato” e non sfigura davanti ad Alida Valli, ugualmente eccezionale nella parte della contessa. Ma in seguito la sua carriera cinematografica andò rapidamente declinando: uno degli ultimi film degni di nota fu L'altalena di velluto rosso, accanto a Joan Collins e Ray Milland, poi l’attore si dedicò soprattutto alla televisione e al teatro. Negli anni’70 Granger apparve in alcuni film italiani fra cui il più famoso resta Lo chiamarono Trinità accanto a Terence Hill; molte altre produzioni di serie B fra cui La polizia chiede aiuto di Massimo Dallamano, e si trasferì per alcuni anni a Roma; continuò ad interpretare serial televisivi americani e soap-opera. Negli ultimi anni era apparso in alcuni documentari su Hollywood e aveva pubblicato la sua autobiografia, “Include me out” (il titolo deriva da una frase pronunciata spesso dal produttore Goldwyn), scritta assieme al suo compagno di vita Robert Calhoun. Nella vita privata, Granger non si sposò mai ed ebbe relazioni sia con uomini che con donne: fra le più significative, oltre a quella con Robert Calhoun, anche quelle con Shelley Winters, Ava Gardner e lo scrittore Artur Laurents. Infine, faccio i miei complimenti all’utente Spaggy per essere stato il primo a ricordare l’attore sul nostro sito: certo Farley Granger non aveva la popolarità di Liz Taylor, ma non merita di finire nel dimenticatoio così presto.
 

Playlist film

Delitto per delitto - L'altro uomo

  • Thriller
  • USA
  • durata 96'

Titolo originale Strangers on a Train

Regia di Alfred Hitchcock

Con Farley Granger, Robert Walker, Ruth Roman, Leo G. Carroll, Patricia Hitchcock

Delitto per delitto - L'altro uomo
altre VISIONI

In streaming su Chili

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati