Espandi menu
cerca
CHABROL CINEASTA DI CONFINE
di Utente rimosso (Marcello Del Cam ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 7 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

Utente rimosso (Marcello Del Cam

Utente rimosso (Marcello Del Cam

Iscritto dal 30 novembre -0001 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post 7
  • Recensioni 7
  • Playlist 57
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
CHABROL CINEASTA DI CONFINE

Con Chabrol scompare l'ultimo dei grandi artigiani del cinema, non solo francese. Non catturato dalle avanguardie degli anni Sessanta (ma non per questo ostile, vedi la collaborazione con Jean Luc Godard in un episodio dei Sette peccati capitali, 1961), - nouveau roman alla Resnais o alla  Robbe-Grillet, ma anche al cinema-veritè, Chabrol, fin dagli inizi si mostra interessato (come un moderno Balzac) all'indagine dei vizi privati e pubbliche virtù della piccola e media borghesia (Le Beau Serge, 1957, I cugini, 1958). Capisce prima degli altri registi che la chiave dell'indagine è racchiusa nel roman policier (A doppia mandata, 1959: Landru, 1963; Il tagliagole, 1969; Ucciderò un uomo, 1969) e persegue con questa chiave di lettura fino agli ultimi film. Non è casuale che quasi la metà dei suoi film siano ispirati ad autori 'popolari' (in Italia reperibili nei 'Gialli Mondadori' (Quando la bestia muore di Nicholas Blake, 1969; All’ombra del delitto di Charlotte Armstrong, 1970; Dieci incredibili giorni di Ellery Queen, 1971;Il buio nella mente di Ruth Rendell, 1991; Grazie per la cioccolata, ancora Charlotte Armstrong; La damigella d'onore, sempre di Ruth Rendell, 2004). Due suoi capolavori sono tratti da Georges Simenon (I fantasmi del cappellaio, 1982; Betty, 1992). Alla grande Patricia Highsmith si rifà Il grido del gufo del 1987; alle trame fulminanti dei racconti di Stanley Ellin (molto amato da Hitchcock, Ellin come Roald Dahl ha ispirato molti episodi della serie Hichcock Presents ) Leda del 1959. Non sono secondari i film ispirati a grandi autori anche se non del tutto riusciti (Sterminate gruppo zero, Jean-Patrick Manchette, 1974; Il sangue degli altri, Simone De Beauvoir, 1984; Giorni tranquilli a Clichy, Henry Miller, 1990; Madame Bovary, Gustave Flaubert, 1991).
Sarebbe piaciuto molto a Karl Marx questo disincantato, cinico, anarchico, irriverente ‘narratore di confine’, (nel senso di non-allineamento o cedimento alle mode correnti), ma i tempi di Claude Chabrol sono quelli della Comune di Parigi non quelli della rassegnazione imperante nella Francia di Sarkozy o nell’Italia letamaio di Berlusconi.
 
 
Au revoir monsieur le directeur
 
 
 

Playlist film

Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati