Espandi menu
cerca
Il cinema può condizionare la storia?
di fixer ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 7 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

fixer

fixer

Iscritto dal 17 febbraio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 48
  • Post 43
  • Recensioni 90
  • Playlist 47
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Il cinema può condizionare la storia?

Sergio Romano, sul Corriere di domenica 20.12, rispondeva a una domanda di un lettore che citava un saggio del 1967 "Cultura di massa e comportamento politico" di G.Galli e F.Rositi, in cui si sosteneva che l'America superò la crisi degli anni Venti e Trenta con il New Deal, mentre la Germania, in una crisi simile, si consegnò al nazismo pur essendo una nazione di più alta civiltà politica e culturale. La differenza, secondo il saggio, la fece il cinema che in Germania fu veicolo tenebroso di pessimismo e paura, mentre in America alimentò l'ottimismo e il coraggio soprattutto grazie al cinema di Frank Capra. Romano  si dichiara d'accordo con questa tesi, però aggiunge che questo confronto fra USA e Germania  non tiene conto delle drammatiche esperienze subite dalla nazione tedesca:la guerra perduta, le rivoluzioni, il terrorismo politico e l'inflazione galoppante.
A mio modesto avviso, ci siamo spinti troppo in là. Il cinema non cambia la storia: al massimo, "fissa" dei comportamenti, degli atteggiamenti o un modo di pensare. E' specchio della realtà, ma non la muta. Tutt'al più, si introducono comportamenti ed idee, appannaggio di certe fasce sociali o culturali, nell'intento, forse, di imporle nella società (Ricordate il caso del divorzio?). Ma, più che il cinema, intervengono al riguardo la Tv e i giornali. Il cinema oggi è meno condizionante.
Negli Anni Tenta, la tv non esisteva e il cinema era un fenomeno già di massa, ma anche allora non mi pare che condizionasse addirittura una linea storica o politica. In realtà rifletteva due realtà diverse: un'America che vedeva la fine del tunnel e una Germania che non riusciva a vedere nessuna luce e che, per questo motivo, assumeva una visione del mondo cupa e pessimista. Il cinema si fece veicolo di queste due visioni diverse, ma non le condizionò.

Playlist film

M, il mostro di Düsseldorf

  • Drammatico
  • Germania
  • durata 99'

Titolo originale M - Eine Stadt sucht einen Mörder

Regia di Fritz Lang

Con Peter Lorre, Ellen Widmann, Inge Landgut, Otto Wernicke, Theodor Loos, Gustaf Gründgens

M, il mostro di Düsseldorf
altre VISIONI

In streaming su Indiecinema

vs. L'impareggiabile Godfrey (G.La Cava)

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati