Espandi menu
cerca
Charlot

Regia di Richard Attenborough vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ethan

ethan

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 150
  • Post -
  • Recensioni 1542
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Charlot

di ethan
8 stelle

Richard Attenborough, dieci anni dopo il kolossal 'Gandhi', riprova con il film biografico: 'Charlot' è un film che dovrebbe esser visto da ogni amante della settima arte in quanto racconta, pur con qualche difetto, le gesta del sommo Charles Chaplin, dagli albori fino al suo ritiro a vita privata in Svizzera ed al fugace e trionfale ritorno a Hollywood per un Oscar onorario nel 1972.

Si va dagli inizi a Londra nella compagnia di Fred Karno all'arrivo negli USA alla corte di Mack Sennett per le prime comiche per poi spiccare il volo con la fondazione della United Artists e la creazione di capolavori del muto come 'Il monello', 'Luci della città', 'Tempi moderni'; la ritrosia verso l'avvento del sonoro con 'Tempi moderni', l'irrompere della parola con 'Il grande dittatore'.

Di pari passo con il Chaplin conosciuto attraverso i suoi personaggi sullo schermo, vediamo un giovane attore alle prese con le tante e tumultuose relazioni sentimentali, i quattro matrimoni, l'accusa di comunismo ed il divieto di rientro negli Stati Uniti ed il definitivo 'esilio' a Vevey.

Una vita così ricca di avvenimenti ha comportato il taglio per gli sceneggiatori di molti fatti e personaggi importanti; il processo creativo dell'artista è stato così ridotto ad un paio di aneddoti, riguardanti l'ispirazione per due famose sequenze: quella della danza delle scarpe in 'La febbre dell'oro' e quella del pallone ne 'Il grande dittatore'.

Lo stile del regista è di stampo classico, con l'eccezione di una grande sequenza, girata con la tecnica delle prime comiche del muto, a metà film e di quella finale, con chiusura a iris sulla figura del vagabondo. Due omaggi all'interno di un film-omaggio.

Capitolo a parte merita la mimetica prova di Robert Downey Jr, qui nel ruolo di una vita: i panni del comico londinese, grazie anche a una certa rassomiglianza, gli calzano a pennello e lui recita con grande partecipazione.

Un buon film, imperfetto ma non freddo come ritenuto da molti.

Voto: 8.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati