Espandi menu
cerca
Fenomeni paranormali incontrollabili

Regia di Mark L. Lester vedi scheda film

Recensioni

L'autore

will kane

will kane

Iscritto dal 24 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 83
  • Post 6
  • Recensioni 4131
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Fenomeni paranormali incontrollabili

di will kane
4 stelle

La piccola "Charlie" è figlia di un uomo e una donna sottoposti a esperimenti, che ne hanno sviluppato una capacità telepatica tale da arrivare a far perdere la conoscenza, e anche la vita alle persone, e la bambina ha il potere di appiccare il fuoco con la mente. Membri governativi hanno effettuato l'esperimento, e vogliono mettere le mani sulla ragazzina, che vive in fuga, assieme al padre, dopo che la mamma è stata ritrovata uccisa, per mano degli uomini di "The Shop", il laboratorio in cui si conducono questi rischiosi test. Prodotto da Dino De Laurentiis, non nella sua miglior fase, "Firestarter" non è tra i peggiori, nella cinematografia desunta dai romanzi di Stephen King: ha nel cast tre attori da Oscar, come George C. Scott, Art Carney e Louise Fletcher ( questi ultimi due usati poco e non benissimo), un cattivo dalle tonalità ambigue e mefistofeliche come Scott, e una discreta narrazione, con effetti speciali, per l'epoca, abbastanza buoni. Però il film è una lettura piuttosto superficiale di uno dei romanzi più politici dell'autore di "Cujo", di cui mette in risalto solo la caccia alla piccola "fenomena" da parte dei creatori, e gioca soprattutto sul piano della tensione fino al teso conflitto conclusivo. Nel romanzo, il raffronto tra gli idealismi del '68 e l'affermarsi del reaganismo erano un elemento decisivo e, a conti fatti, il vero tema della storia: cosa che nel film viene a mancare del tutto, in pratica. Certo, Mark L. Lester, che diresse questo titolo tra i suoi due maggiori successi, "Classe 1984", e "Commando", non è stato certo un fine regista, e  non era quello più adatto per un racconto del genere: ma all'epoca King era considerato da Hollywood una potenziale macchina da soldi, e non molto di più.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati