Espandi menu
cerca
Una sull'altra

Regia di Lucio Fulci vedi scheda film

Recensioni

L'autore

giurista81

giurista81

Iscritto dal 24 luglio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 28
  • Post -
  • Recensioni 1808
  • Playlist 109
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Una sull'altra

di giurista81
8 stelle

Grande giallo firmato dal maestro Lucio Fulci che funge da preludio agli splendidi gioielli che il regista romano regalerà negli anni successivi. In questo “Una sull’altra”, infatti, si assiste ad una serie di elementi che ritroveremo amplificati nelle opere successive come i continui zoom sugli occhi dei protagonisti, come la curatissima regia con riprese anche dall’interno di spazi chiusi come una casella postale (Fulci, come sapranno bene gli amanti di b-movies italiani, giungerà a riprendere scene anche dall’interno di una bara) o come il gusto per il macabro (vedi il volto putrefatto del cadavere riesumato) e per alcune magistrali bizzarrie visionarie (vedi le scene riprese con mdp posta dietro a dei filtri colorati o a contatto con dei contenitori di vetro che distorcono l’immagine finale). La sceneggiatura firmata dal regista, dal fido Roberto Gianviti (con il quale Fulci scriverà le sceneggiature di opere come “Non si sevizia un paperino”, “Sette note in nero” e “Una lucertola con la pelle di donna”) e dallo spagnolo José Luis Martinez Molla (“Apocalypse Domani”, “Una lucertola con la pelle di donna”) prende spunto dal capolavoro Hitchcockiano “La donna che visse due volte” per intessere un intelligente intrigo condito da un discreto tasso di erotismo (anche saffico e con frequenti nudi femminili) e da una implicita critica al sistema giudiziario americano. Non mancano colpi di scena e il tutto si svolge senza buchi narrativi e in modo sufficientemente credibile. Splendida Marisa Mell senza dubbio la migliore del cast, sufficiente Sorel e la Martinelli. Ottima la colonna sonora di Riz Ortolani e ovviamente, manco a dirlo, la dinamica regia di Fulci (voto: 9) che riesce a rendere interessante la visione anche quando non si verificano fatti particolarmente degni di nota. Imperdibile per gli amanti di spaghetti thriller per i quali la presenza del film in videoteca è un obbligo. Voto: 8.5

Sulla trama

Che regista che era. È davvero un peccato, anche per una questione personale, che sia stato spesso snobbato non ottenendo, quando era in vita, quel riconoscimento che avrebbe meritato. Un grande!

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati