Espandi menu
cerca
Giungla d'asfalto

Regia di John Huston vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Baliverna

Baliverna

Iscritto dal 10 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 90
  • Post 4
  • Recensioni 1801
  • Playlist 26
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Giungla d'asfalto

di Baliverna
10 stelle

Decisamente un grande film, di quelli che si possono guardare una volta ogni tanto con immutato piacere, anzi, che è necessario farlo per coglierne tutti i pregi. La galleria di personaggi che la pellicola offre sono ben definiti, nonostante con pochi tratti, e tutti indimenticabili. Per dare un'idea dell'abilità di regista e sceneggiatore sotto questo aspetto, basta ricordare la scena in cui Sterlyng Hayden dice di voler tornare in campagna e farsi un bagno, vero e simbolico, perché la città insudicia chi vi vive. La ragazza che ospita in casa a quel punto cade in grande disagio e imbarazzo, non davanti a lui, ma davanti a se stessa. Ha sentito un morso della coscienza. Non viene detto o mostrato altro, ma con questo solo tratto si racconta la storia della ragazza innocente venuta dalla campagna e poi caduta nel giro della prostituzione del locale per cui lavorava... Ma memorabili sono tutti: il professore, il biscazziere, l'avvocato, lo scassinatore con famiglia, il barista.... Nessuno di loro è un criminale spietato o un personaggio completamente disprezzabile, perché ognuno, accanto alle sue colpe, ha avuto dalla vita le sue prove e ha le sue debolezze. Gli unici veramente antipatici sono forse l'avvocato col suo tirapiedi. La polizia è messa su un piano morale non molto diverso da quello dei malviventi, anche perché essa stessa ha i suoi corrotti e i suoi opportunisti, accanto ai poliziotti onesti. Splendida è anche la fotografia in bianco e nero, che serve bene un'azione che si svolge tutta al chiuso, fuori ma di notte, o al massimo con la luce livida dell'alba. Dal canto suo Huston ha la mano fermissima e dirige con precisione e disinvoltura numerosi attori, e domina bene una vicenda corale che non ha un singolo protagonista. La giovane Marilyn già stupisce per la sua bellezza (e bravura), qui più semplice e meno appariscente che in seguito.
Un'altra cosa: è un film pessimista ma non cinico, e mai sgradevole o troppo crudo e violento. Non si può dire lo stesso di quello che viene considerato il suo corrispondente europeo, cioè Rififì.

Secondo me questo capolavoro è uno di quei film perfetti, forse anche umili, riusciti così bene quasi per caso, senza cioè l'intenzione del regista di girarne uno. Forse per questo vale ancora di più.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati