Trama

Risposatosi dopo il suicidio della moglie Silvia, il pescatore veneziano Felice Della Pietà scopre che si è trattato di una finta e che lei vive con un altro a Milano, circondata dal lusso cui ha sempre ambito. Un tentativo di ricucire fallisce: la donna lo ama, ma è incapace di rinunciare alla ricchezza; perciò lo abbandona nuovamente, portandosi via la figlia. Felice ottiene una cospicua somma in cambio della piccola, ma è una ben magra consolazione.

Note

Con una storia amarognola, ma anche con canzoni e balletti, Celentano - che ha il pregio di non prendersi (ancora) troppo sul serio - si interroga sul denaro e sulla felicità. L'insieme è scombinato ma simpatico.

Commenti (4) vedi tutti

  • Film unico.Celentano geniale

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Sarà anche un bel film (non l'ho ancora visto), ma finchè il DVD viene messo in vendita insieme al CD a quasi trenta euro saranno in pochi a vederlo.

    commento di mosez
  • Ho provato a riguardarlo ma non ce l'ho proprio fatta…in ogni caso Celentano almeno ai tempi era divertente.

    commento di Tex Murphy
  • Visionarietà pop colorata e fotograficamente azzardata. Il meglio e il peggio degli anni 70. Prendere o lasciare.

    commento di lohengrin
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Furetto60 di Furetto60
8 stelle

In questo originalissimo film c'è tutto Celentano a 360 gradi.C'è il cantante strepitoso, l'attore dinoccolato,il regista astrattista e dadaista, in senso molto lato.L'anarchico e al contempo il  reazionario,sempre a cavallo di questa eterna dicotomia, nessuno ha mai capito quanto fosse rivoluzionario e quanto conservatore, in perenne sul crinale di questa distinzione,ma forse… leggi tutto

11 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

kerouac di kerouac
6 stelle

Il paradiso può attendere, almeno in Italia. Il paese delle morti bianche e delle vie Gluck asfaltate si è dimenticato di crescere da più di trent’anni . E Yuppi Du esiste per ricordarcelo. Il film di Celentano sembra una profezia, un promemoria vitale, impulsivo, kitsch ma anche estremamente lucido: dopo La dolce vita e Salvatore Giuliano, quante altre volte il cinema… leggi tutto

7 recensioni sufficienti

Recensioni
Il meglio del 2017
2017

Recensione

Furetto60 di Furetto60
8 stelle

In questo originalissimo film c'è tutto Celentano a 360 gradi.C'è il cantante strepitoso, l'attore dinoccolato,il regista astrattista e dadaista, in senso molto lato.L'anarchico e al contempo il  reazionario,sempre a cavallo di questa eterna dicotomia, nessuno ha mai capito quanto fosse rivoluzionario e quanto conservatore, in perenne sul crinale di questa distinzione,ma forse…

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2015
2015
Il meglio del 2014
2014

Recensione

Donganagungatulaganacongo di Donganagungatulaganacongo
8 stelle

La trama è semplice: un barcaiolo purazzo si crede vedovo della madre della sua bambina e si risposa, ma lei torna, alché tutto cambia.  Film diretto, prodotto, interpretato, montato, sceneggiato e musicato da Celentano, con in mezzo moglie e figlia. La regia è psichedelica, perfetta per gli anni '70, con movimenti di macchina e zoom da capogiro, ma comunque sempre…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2012
2012

ToxYCitY

mck di mck

------------------------------------------------------------------------------------- ToxYCitY  -  part 1  :  nu  pannocchie supposte carburanti …

leggi tutto
Il meglio del 2010
2010

Recensione

kerouac di kerouac
6 stelle

Il paradiso può attendere, almeno in Italia. Il paese delle morti bianche e delle vie Gluck asfaltate si è dimenticato di crescere da più di trent’anni . E Yuppi Du esiste per ricordarcelo. Il film di Celentano sembra una profezia, un promemoria vitale, impulsivo, kitsch ma anche estremamente lucido: dopo La dolce vita e Salvatore Giuliano, quante altre volte il cinema…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2009
2009

Milano

Redazione di Redazione

Povera e miracolata tanto tempo fa, poi operaia, oggi soprattutto grassa, borghese e annoiata (ma non solo e non sempre...). La cosiddetta "capitale morale" - come tante altre città del mondo - si specchia nel cinema…

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2008
2008

Recensione

Dying Theatre di Dying Theatre
8 stelle

La destrutturazione fatta pellicola; lo scher(n)o strappato, e ricucito male, con le toppe. Ovunque. E per questo non si sa dove guardare, e SE guardare; ma soprattutto ci si abitua a non-sentire. Perchè se il montatore d'immagini Celentano mostra d'avere indubbio talento, lo sceneggiatore medesimo annaspa, da sempre, in salmastri acquitrini fatti di Illuminazioni (e) smentite; fonemi lavici…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2007
2007
Il meglio del 2006
2006
Il meglio del 2003
2003
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito