Espandi menu
cerca
La vita futura nel 2000 guerra o pace

Regia di William Cameron Menzies vedi scheda film

Recensioni

L'autore

pippus

pippus

Iscritto dal 25 novembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 120
  • Post 3
  • Recensioni 83
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La vita futura nel 2000 guerra o pace

di pippus
10 stelle

33 TFF

Un secolo in bianco e nero girato nella Londra del '36  per arrivare, attraverso una serie di eventi fino al futuro remoto del 2036.

In programma al TFF in lingua originale purtroppo non sottotitolata in alcune sequenze, rivela fin dalle prime battute la distopica profezia dello scoppio della seconda guerra mondiale mancata per un solo anno ( 1940 anziché '39). Ripreso dal libro di H. G. Wells, presenta il capovolgimento della situazione della borghesia benestante che nel corso del secondo conflitto mondiale, protrattosi fino al 1970, perderà tutto per ritrovarsi retrocessa all'epoca medievale con carcasse di automobili trainate da cavalli ed edifici mezzi distrutti e che tali resteranno. In questo sfacelo spadroneggia "il Capo" con la costante idea di assogettare il Popolo delle Colline per fruttarne alcuni giacimenti di petrolio che gli permetterebbero il carburante per far funzionare una manciata di vecchi aerei residui dell'ultra decennale conflitto. Nessuno si preoccupa di riparare né le abitazioni né qualsiasi altra cosa per tornare almeno alle condizioni pre-conflitto, sembra una società abulica, allo sbando nel totale sfacelo di usi e costumi. In questo contesto per di più scoppia una pandemia detta "sindrome del vagabondo errante" i cui contagiati percorrono barcollando le polverose strade in stato pseudo ipnotico. Quando, dopo un paio d'anni, la popolazione festeggia la sconfitta della malattia ( a colpi di fucile contro i malati), la pellicola vira verso un'utopistica e sorprendentemente profetica visione di un futuro dominato dalla tecnocrazia. La svolta arriverà a bordo di un innovativo velivolo inizialmente considerato ostile dal "Capo" ( infatti il pilota viene interrogato ed imprigionato) ma i compagni del forestiero volante, seguaci del progresso scientifico democraticamente perseguito per il benessere di quella che dovrà essere la società del futuro, arriveranno in forze a bordo di enormi aerei per liberare lui ed il resto della società dal tiranno ( che morirà accidentalmente) con quello che chiamano il "gas della pace", un gas che a differenza dei precedenti si limita ad avere un'azione soporifera. 

locandina

La vita futura nel 2000 guerra o pace (1936): locandina

La seconda parte è dedicata al futuro tecnologicamente avanzato,  indubbiamente la più interessante esteticamente con vere e proprie chicche di artigianato fantascientifico. Bellissime le costruzioni avveniristiche con veloci ascensori esterni e mini macchine volanti, anche i costumi sono un misto tra Star Trek e L'antica Grecia. Ora però,nei primi decenni del nuovo secolo al top di un opulento benessere gestito dalla tecnologia e ormai all'alba di un inaugurale viaggio spaziale effettuato a bordo di una specie di siluro sparato da un gigantesco cannone, si manifestano i primi vagiti di  una corrente di contestatori i quali, alienati da tale freddo stile di vita, ambiscono ad una più umana gestione della società in generale. Questa mini rivoluzione apporterà quei piccoli cambiamenti che permetteranno di ottimizzare la vita dell'uomo ormai sempre più indirizzata ad un benessere conseguito a fronte di lotte, guerre, epidemie che nel corso della storia ne hanno segnato purtroppo il percorso. 

Globalmente una vera perla del cinema d'antan, forse seconda solo al precedente "Metropolis", con effetti speciali sorprendenti per l'epoca, strane macchine in funzione per minuti e realizzate artigianalmente, alcune a grandezza naturale, altre in forma di modellini molto curati e tra questi la scala d'accesso del mega aereo realizzata in legno verniciato del quale si notano le venature.

Ulteriore ma non meno importante aspetto l'essere il primo ( o uno dei primi)  film dove le preoccupazioni e le devastazioni della guerra aerea vengono presentate in forma così profetica.  

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati