Espandi menu
cerca
La croce di ferro

Regia di Sam Peckinpah vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 96
  • Post 64
  • Recensioni 4480
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La croce di ferro

di sasso67
10 stelle

Secondo me affermare - come fa per esempio Mereghetti - che qui l'uso del ralenti denuncia un atteggiamento compiaciuto nei confronti della guerra significa dire una grossa baggianata, figlia con ogni probabilità di una lettura superficiale del film. Ha ragione, invece, Valerio Caprara, quando parla (nel Castoro su Peckimpah) dei personaggi della Croce di ferro «come immersi in un trip allucinogeno» ed è, questo, un modo legittimo di descrivere la guerra, secondo un andamento originale che verrà ripreso in seguito da alcuni film, in particolare sulla guerra del Vietnam. L'occhio di Peckimpah è indubbiamente nuovo, anche se, tutto sommato, si può ben guardare alla sua opera bellica (questa) come ad un western crepuscolare ambientato fra le trincee ed i cavalli di Frisia della Seconda Guerra Mondiale. Il regista del Mucchio selvaggio mette in scena il Nemico (anzi i Nemici per anotonomasia: i Tedeschi, nemici di guerra, ed i Russi, nemici del dopoguerra), identidicandosi con esso ed usanfo la sua disillusione di sconfitto per pronunciare una condanna senza appello della guerra e delle idee - probabilmente tutte - che vi hanno condotto e della retorica che le sta attorno. Questi aspiranti eroi nel "mondo delle idee", ma antieroi nel fango dei campi di battaglia, sono destinati a soccombere, senza nemmeno la consolazione del tramonto che salutava il mucchio selvaggio: una risata, amarissima, li seppellirà.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati