La croce di ferro

Regia di Sam Peckinpah

Con James Coburn, James Mason, Maximilian Schell, Senta Berger Vedi cast completo

Guardalo su
  • Chili
  • Chili
  • Chili
  • Chili
In STREAMING

Trama

Siamo nel 1943, sul fronte russo; i tedeschi tentano di resistere all'avanzata sovietica. Il capitano Stransky è un aristocratico, che vorrebbe ottenere la croce di ferro al valor militare senza meritarla. Il valoroso caporale Steiner ostacola i suoi tentativi e per questo viene abbandonato con la sua pattuglia di fronte all'offensiva nemica.

Note

Per Peckinpah gli eroi sono i perdenti, dunque i tedeschi, e il migliore di tutti ha il volto appuntito e l'andatura dinoccolata di James Coburn. La guerra è solo un inferno di carne a brandelli e di nessuna morale: tanto vale morire ridendoci sopra.

Commenti (8) vedi tutti

  • La guerra puzza di potere. Non c'è morale che tenga, solo un prestigio fasullo da appuntarsi sul petto. E il disincanto cresce, nelle trincee che ospitano carne umana votata al macello. Chi spara per primo può solo prolungare l'agonia. Si finisce per simpatizzare per un tedesco. Perché al mondo di carogne ce n'è sempre di peggiori. Grande Sam.

    commento di Peppe Comune
  • Molto istruttivo

    commento di FabriMarte
  • Gran brutto film, sgradevole, folle e mal congegnato. Cast sprecato. Più che un film di guerra è un film su pazzi sadici votati al massacro, come gli spettatori che si incaponiscono a guardarlo sino in fondo (esperienza autobiografica) perchè "è di Peckinpah". Bè, Peckinpah ha fatto dei bei film, ma western, non bellici, e non certo questo.

    leggi la recensione completa di genoano
  • Non avrei mai pensato di poter simpatizzare per i crucchi ...

    leggi la recensione completa di daniele64
  • "Non gioite della sua sconfitta, uomini. Perché anche se il mondo si è alzato e ha fermato il bastardo, la cagna che lo annoia è di nuovo in calore." Bertolt Brecht

    leggi la recensione completa di Brady
  • Formidabile l'Intro del Film con la commistione tra la canzoncina per bambini ( Enschen Klein ?) ,le Marce del terzo Reich è gli spari delle armi. Bella la scena dell'incubo di Steiner all'ospedale. Il Rallenty di Peckinpah è un marchio di fabbrica. I grandi attori Mason, Coburn , Schell con la faccia giusta per il 1943. Erano già nati.

    commento di blualberto1966
  • bellissimo film sulla seconda guerra mondiale doveper la prima volta i protagonisti sono i tedeschi, sempre visti come nemici. sicuramente è uno deimigliri titoli girati da Peckinpah.

    commento di Cipolla Colt
  • gran film di guerra con scene spettacolari e di impressionante realismo

    commento di wang yu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Immorale di Immorale
10 stelle

La guerra, secondo Peckinpah, è essenzialmente follia e sangue. La follia di rincorrere a qualsiasi costo una (inutile) onorificenza da appuntarsi sul petto per le sciocche sfilate ochesche di militari impettiti o per continuare la tradizione familiare e non sfigurare nel “Valhalla” eroico dei propri antenati germanici, scalando di conseguenza la gerarchia del Reich. E il… leggi tutto

21 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Criticatrutto di Criticatrutto
6 stelle

Discorsi un pò assurdi e difficili da capire, quando l'ufficiale in comando approfondisce i fatti del attacco russo respinto. Anche nel resto del film, spesso, non lesinano a discorsi quanto meno "curiosi" e, qualche volta, un pò ostici da capire... Azioni da Commando un pò troppo... silenziose... per essere realistiche... La figura di questo pseudo-eroe è alquanto… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

genoano di genoano
3 stelle

 Gran brutto film, sgradevole, folle e mal congegnato. Cast sprecato. Più che un film di guerra è un film su pazzi sadici votati al massacro, come gli spettatori che si incaponiscono a guardarlo sino in fondo (esperienza autobiografica) perchè "è di Peckinpah". Bè, Peckinpah ha fatto dei bei film, ma western, non bellici, e non certo questo. Per… leggi tutto

1 recensioni negative

2020
2020
Trasmesso il 18 giugno 2020 su Iris
Trasmesso il 27 febbraio 2020 su Iris

Recensione

axe di axe
9 stelle

Seconda Guerra Mondiale, anno 1943, Fronte Orientale, fortificazioni tedesche. Il capitano Stransky, palesemente inetto e pavido, giunge nella zona dei combattimenti con l'unico scopo di guadagnare la decorazione della "croce di ferro", che gli varrebbe il rispetto da parte dei familiari, di nobile origine. Coglie una buona occasione per avvicinarsi al suo scopo, al raggiungimento del quale si…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

giurista81 di giurista81
8 stelle

Violentissimo war movie siglato Peckinpah, tutto giocato sulle spettacolari scene d'azione e i dialoghi fulminanti di matrice eversiva. Peckinpah porta in scena una sceneggiatura scritta a sei mani, tratta da un romanzo del 1957 di Will Henrich, dotata di pochi sviluppi narrativi, ma assai ben costruita per quel che concerne la caratterizzazione dei personaggi. Protagonista…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso l'8 gennaio 2020 su Iris

Recensione

genoano di genoano
3 stelle

 Gran brutto film, sgradevole, folle e mal congegnato. Cast sprecato. Più che un film di guerra è un film su pazzi sadici votati al massacro, come gli spettatori che si incaponiscono a guardarlo sino in fondo (esperienza autobiografica) perchè "è di Peckinpah". Bè, Peckinpah ha fatto dei bei film, ma western, non bellici, e non certo questo. Per…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 7 gennaio 2020 su Iris
2019
2019

Recensione

Donapinto di Donapinto
7 stelle

Unica incursione del grande Sam Peckimpah nel war-movie, LA CROCE DI FERRO e' anche la seconda pellicola realizzata dal regista in Europa, dopo il controverso e discusso CANE DI PAGLIA. In questa seconda occasione gira in Jugoslavia una co-produzione tra Gran Bretagna e la all'ora Republica Federale Tedesca. Peckimpah si avvale di un cast prestigioso e da vita a un film bellico piuttosto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2018
2018

Recensione

Brady di Brady
8 stelle

Un bel film che alla fine si rivela essere contro un po' tutte le guerre, sempre folli ed insensate. Rimane comunque il monito di Bertolt Brecht: "Non gioite della sua sconfitta, uomini. Perché anche se il mondo si è alzato e ha fermato il bastardo, la cagna che lo annoia è di nuovo in calore."   Visto il numero spaventoso di conflitti 'democratici' che ci assediano…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 21 gennaio 2018 su Iris
Trasmesso l'11 gennaio 2018 su Iris
Trasmesso il 9 gennaio 2018 su Iris
2017
2017

Recensione

daniele64 di daniele64
8 stelle

Ci voleva proprio il vecchio Sam Peckinpah per farmi simpatizzare per i soldati dell'esercito tedesco ... Infatti , nonostante sia una produzione americana , questa pellicola manca di tutta la classica propaganda tipica dei war movie a stelle e strisce ( forse anche per questo è quasi scomparsa dalla circolazione ! ) . Si è praticamente costretti a schierarsi con questi umili…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Trasmesso il 9 febbraio 2017 su Rete 4
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016

L'incapacità di Comando

Immorale di Immorale

Conosco un detto, un adagio usato prettamente in ambito militare, spesso utilizzato quando si ha la sfortuna di aver per comandante un incapace: “per fortuna non siamo in guerra”. Ripetuto spesso come un…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito