Espandi menu
cerca
Ricatto

Regia di Alfred Hitchcock vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ethan

ethan

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 148
  • Post -
  • Recensioni 1542
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Ricatto

di ethan
7 stelle

Alice (Anny Ondra) litiga con il proprio ragazzo, Frank (John Londgen), un poliziotto e, per ripicca, si unisce a un pittore (Cyril Ritchard) che l'accompagna a casa sua per fargli ammirare i suoi lavori ma, a seguito delle sue avances, gli eventi precipitano...

'Ricatto' è un film dove ci sono molte prime volte: pensato in origine come muto, fu poi sonorizzato, costituendo, al tempo stesso, il primo lavoro sonoro di Hitchcock e del cinema britannico e anche il primo lungometraggio dove l'autore londinese introduce il gag di una sua comparsa in una scena, quella su una carrozza  della metro alle prese con un bambino che lo fa ammattire.

Sul piano contenutistico, il film è incentrato chiaramente su un omicidio preterintenzionale e tutta ciò che ad esso ruota attorno: il senso di colpa di chi ha commesso il reato, le indagini della polizia e i comportamenti, non sempre deontologicamente impeccabili, delle varie parti in campo, nonché l'inseguimento finale.

Qualche impaccio nel passaggio dal muto al sonoro, con attori decorosi alle prese con il parlato, ma una dimostrazione palese della bravura del cineasta nella costruzione del suspense, nella scena dell'omicidio, in cui la tensione si accumula con la dilatazione dei tempi e nella risoluzione elegante del crimine, non mostrato e celato dietro una tenda ma poi evidente nelle sue 'conseguenze' sul volto di chi l'ha commesso e poi nel suo vagare senza meta per le strade di una Londra spettrale e notturna: la mano protesa nel vuoto di Alice è un gesto che vedremo reiterato in film del calibro de 'Il delitto perfetto' e di 'Psyco'. Anche l'uso del sonoro, seppur alle prime armi, è già ricercato e non serve soltanto per proferire dialoghi ma veicola disagio e terrore, come nella scena dove la ragazza, in cucina, al sentire continuamente ripetuta la parola coltello, ha una reazione inconsulta. Altro pezzo di bravura è la magistrale sequenza dell'inseguimento del (presunto) colpevole nel British Museum: anch'essa diverrà un marchio di fabbrica dell'universo hitchcockiano.

Una prova generale perturbante e fantasiosa, che vale davvero la pena riscoprire.

Voto: 7+ (v.o. su YouTube).

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati