Espandi menu
cerca
Heartstone

Regia di Gudmundur Arnar Gudmundsson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 274
  • Post 179
  • Recensioni 4387
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Heartstone

di alan smithee
7 stelle

Thor e Christopher: coetanei tredicenni, bambino nel fisico ma adulto nella maturazione il primo, tutto il contrario il secondo. Quando l'amicizia pura vira inconsapevolmente ed inevitabilmente verso sfumature più sessuali. Tra sfondi incontaminati e scenari naturali superbi, il dramma della maturità che arriva a cacciare l'adolescenza.

Baldur Einarsson, Blær Hinriksson

Heartstone (2016): Baldur Einarsson, Blær Hinriksson

VENEZIA 73 - GIORNATE DEGLI AUTORI - QUEER LION

"Christian smettila di comportarti in modo strano, e vedrai che tutto andrà bene." Questo dice il piccolo Thor al suo miglior amico Christopher, preoccupato per le attenzioni stravaganti e spesso cammuffate come atti goliardici che quest'ultimo sempre più gli riserva.

L'età di mezzo tra l'adolescenza e la pubertà spesso comporta in chi la vive scombussolamenti ed insicurezze legate ad una mutazione repentina che porta il bambino a raggiungere con una rapida successione, lo sviluppo e la maturità del corpo, ma non ancora la medesima consaapevolezza psicologica relaativa alla straordinaria mutazione in atto.

Due amici tredicenni islandesi, il piccolo e minuto ma maturo Thor, e lo sviluppato e fisicamente già uomo Christian, ma insicuro caratterialmente, che vivono in un ameno centro rurale sperduto tra una natura rigogliosa e sovrana, trascorrono l'estate tra esperienze affettive e complicità in piccole ed ancora innocenti avventure con coetanee che rimangono attanagliate dalla bellezza prorompente e da giovane vichingo di Christopher. Più difficile per Thor trovare una adeguata corrispondenza amorosa, pur se i propri gusti sessuali sono ben più definiti ed omologati rispetto a quelli dell'amico, decisamente confuso e visibilmente attratto dal suo amico da un sentimento non solo affettivo.

Blær Hinriksson, Baldur Einarsson

Heartstone (2016): Blær Hinriksson, Baldur Einarsson

Diljá Valsdóttir

Heartstone (2016): Diljá Valsdóttir

Una serie di circostanze morbose e moleste faranno sì che la cosiddetta "anomalia" in capo al bel Christopher porti ad una svolta drammatica che romperà la tranquillità apparente di quel controverso fine dell'estate. E l'arrivo della prima neve indurrà chi ancora ha la lucidità per pensare di correggere i propri pregiudizi, a maturare opinioni più mirate e lucide.

Al suo esordio nel lungometraggio, l'islandese Gudmundsson gira un film forte e profondamente centrato sulle figure adolescenziali, riprese ad aprirsi in atteggiamenti intimi che denotano un approfondimento accurato che tuttavia non sconfina mai nel morboso fine a se stesso.

Blær Hinriksson

Heartstone (2016): Blær Hinriksson

La scoperta del proprio corpo in mutazione, la ricerca affannosa di un'esperienza che dia sfogo a sentimenti repressi da convenzioni e timori inculcati e coltivati da una società piuttosto chiusa e retrograda, sono messi in risalto con tenacia e sensibilità, evitando eccessivi ricorsi a inutili spunti melodrammatici: i giovani risultano insieme crudeli (con gli animali, con i loro coetanei) e teneri, bisognosi di tastare con i propri sensi le emozioni combatture e contraddittorie che li turbano e li rendono instabili e caratterialmente turbolenti.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati