Vi presento Toni Erdmann

play

Regia di Maren Ade

Con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Lucy Russell, Trystan Pütter, John Keogh, Hadewych Minis, Vlad Ivanov, Ingrid Bisu Vedi cast completo

In streaming
  • Infinity
  • Google Play
  • Wuaki
  • PS Store
In STREAMING

Trama

Senza preavviso, il sessantacinquenne Winfried si reca in visita dalla figlia Ines, che vive a Bucarest e lavora come consulente aziendale. Poiché si convince che Ines abbia perso il suo senso dell'umorismo, inizia a sorprenderla con una serie imprevista di scherzi e battute, a partire dalla sua totale trasformazione in Toni Erdmann. Presentandosi con un aspetto irriconoscibile e con un'offerta lavorativa che Ines non può rifiutare, tra i due nascerà un inaspettato legame: tanto più si tratteranno male quanto più si avvicineranno.

Approfondimento

VI PRESENTO TONI ERDMANN: I CONFLITTI TRA PADRE E FIGLIA

Diretto e scritto da Maren Ade, Vi presento Toni Erdmann racconta la storia di Winfried, insegnante di musica che non vede da molto tempo la figlia Ines, oberata dal lavoro, e che decide di raggiungerla per farle una sorpresa. Il suo gesto, però, si rivela azzardato: Ines sta lavorando a Bucarest a un importante progetto a cui dedica tempo, dedizione e serietà. Il cambiamento geografico, inoltre, non aiuta i due a relazionarsi come si dovrebbe. Winfried, vero burlone, ama infastidire la figlia con scherzi banali ma la giovane donna non ha tempo per qualcosa che esuli dalla sua routine lavorativa. Padre e figlia arrivano dunque a un punto di non ritorno e, seppur a malincuore, Winfried accetta di ritornarsene a casa in Germania. Poco dopo la sua partenza, nella vita di Ines fa la sua comparsa lo strambo Toni Erdmann, che altri non è che il padre Winfried sotto mentite spoglie. Con un cappello di cattivo gusto, una strana parrucca e curiosi denti finti, Toni irrompe nella vita professionale di Ines spacciandosi come il life coach della compagnia per cui lavora. Ha inizio così un audace tira e molla che permetterà a Ines di capire di dover trovare posto nella sua vita per l'eccentrico genitore.

Con la direzione della fotografia di Patrick Orth, le scenografie di Silke Fischer e i costumi di Gitti Fuchs, #Vi presento #Toni Erdmann viene così presentato dalla regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «Tutti i miei film hanno uno spunto di partenza autobiografico. Quando poi si parla di famiglia, è impossibile in fase di scrittura sfuggire alla propria esperienza: non c'è niente che si conosca meglio delle proprie origini. Si ha una sola famiglia e il rapporto tra genitori e figli è qualcosa che segna per tutta la vita e da cui non si può scappare. Ed è questo il fulcro di Vi presento Toni Erdmann#. Ines, la figlia, pensa che la famiglia in cui è cresciuta non abbia più rilevanza nella sua esistenza. Tutti sono intrappolati in ruoli già assegnati e le interazioni tra i componenti rispondono a rigidi modelli, quasi rituali, da cui nessuno può esimersi.

La trasformazione di Winfried in Toni non è altro che un coraggioso tentativo di rompere lo schema del rapporto padre-figlia. Toni è frutto della sua disperazione. L'umorismo spesso è la chiave per affrontare una situazione tragica e come tale è figlio del dolore: Winfried non è riuscito a ristabilire un contatto con la figlia e ha cercato invano di ridefinire il contatto con lei. Ha però perso e, mosso dal desiderio di starle vicino e dal risentimento che inevitabilmente prova nei suoi confronti, trova una curiosa via di uscita presentandosi sotto le mentite ed esuberanti spoglie di Toni. L'umorismo è l'unica arma a sua disposizione e vuole approfittarne. Ciò comporta la nascita di qualcosa di molto duro: Ines, del resto, è un osso duro ed egli è costretto a "parlare" l'unico linguaggio che la giovane donna capisce.

Ines lavora in un campo dominato dagli uomini e ciò rende i suoi conflitti prettamente contemporanei. Ha iniziato la sua carriera convinta che autodeterminazione e uguaglianza fossero caratteristiche tipiche della sua generazione, dando per scontato di non avere bisogno di far ricorso a idee femministe oramai obsolete. Non era mia intenzione criticare il mondo degli affari ma tale ambiente, dominato ancora dal sessismo, mi serviva per mostrare meglio la psicologia del personaggio.

Il conflitto tra padre e figlia ha anche valenza politica. Winfried ha combattuto tutta la vita per garantire alla figlia la fiducia e lo spirito indipendente di cui aveva bisogno per farsi strada nel mondo. Ines, invece, ha scelto di vivere un'esistenza molto lontana dagli ideali che il padre ha instillato in lei da bambina, optando per un campo lavorativo molto conservatore e orientato alle prestazioni. La libertà per cui la generazione di Winfried ha lottato ha spianato la strada a un capitalismo sfrenato in cui il profitto è lo scopo di tutto. Nonostante sembri ormai rassegnato al modo diverso di vedere le cose, Winfried lascia riaffiorare il suo vecchio essere ribelle nelle vesti di Toni».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (12) vedi tutti

  • Film solido e interessante, più dramma che commedia, originale e raffinato, anche se un tantino prolisso.

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • E' un film delizioso e spietato, che con passo leggero e profonda amarezza parla di ciò che conta realmente nella vita.

    commento di leoposner
  • Un bel film,lungo,che si dipana tra sbalzi d'umore uniti a una voracita' di vivere,due grandi interpreti,da non perdere assolutamente,voto 8.5.

    commento di ezio
  • Mai incisivo, mai emozionante. Glaciale e profondamente teutonico.

    leggi la recensione completa di starbook
  • Fare della propria vita una finta commedia surreale, basterà per sopravvivere? Più che qualche risata forzata Vi presento Toni Erdmann incupisce e fa riflettere sul tempo perduto. L’attualità corre troppo per essere fermata.

    leggi la recensione completa di Kurtisonic
  • Qualcuno ha accostato questo film all’irriverente scultura di Cattelan prospiciente il Palazzo della Borsa a Milano: un dito medio che protendendosi dal dorso di una mano sembra indicare la necessità che un’ ironia graffiante metta in forse il nuovo “Verbo”, ovvero il neo-liberismo che dell’economia finanziaria si serve senza scrupoli.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Entrambi vittime, Winfred e Ines, ed entrambi carnefici, Maren Ade è spietatamente lucida nel distribuire i ruoli. Fino al punto d’incontro, che arriva, va atteso con pazienza, spesso con irritazione.Ma arriva e, come tutto il film, non consola né dispera, come la vita, che è solo da vivere, senza però dimenticarsi di farlo.

    leggi la recensione completa di yume
  • Winfried è un tipo speciale,con i suoi scherzi e camuffamenti. Maestro di piano in pensione,i suoi pensieri vanno alla figlia Ines,lontana,in carriera come consulente aziendale,senza altri interessi.A sorpresa,la raggiunge a Bucarest e con le sue "strane" iniziative le mostra il vuoto della vita che conduce, perseguendo valori inesistenti.

    commento di bufera
  • Cosa deve fare un padre per far tornare la luce negli occhi appannati e offuscati dal senso del dovere e dall'arrivismo della figlia? Trasformarsi nell'eccentrico Toni Erdmann, dentatura spiovente e capello sciolto, ironico demolitore dei falsi miti della società di chi crede di contare- Un film spassoso ed esilarante che incolla allo schermo.

    leggi la recensione completa di alan smithee
  • Lui è uno sgradevole prodotto della fantasia. Ma è più umano ed autentico di tutti gli altri.

    leggi la recensione completa di OGM
  • commedia realistica a sfondo sociale (come l'avesse diretta un Edgar Reitz scanzonato e surreale) insolita e spiazzante, con due attori in stato di grazia. 162 minuti sono tantini e, nonostante la durata, alcune situazioni sono paradossalmente solo abbozzate, ma la sottile follia che pervade il film non può che rendercelo simpatico.

    commento di giovenosta
  • Un piacevole film dalla Germania, capace di toccare le corde dell'animo agendo per vie che non ti aspetteresti.

    leggi la recensione completa di RobocopXIII
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

yume di yume
8 stelle

La prima sequenza va guardata bene, e tenuta a mente, c’è già tutto il film. Retro di una casa di periferia, una qualsiasi del vecchio mondo dove i bidoni della raccolta differenziata sono protagonisti di primo piano. E un postino, o meglio, uno di quegli omini che ti piombano in casa quando meno te l’aspetti a consegnarti un pacco. E fortuna se ci sei. Questo… leggi tutto

10 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

Il nuovo cinema tedesco sembra avanzare a strappi. Nonostante il processo di riunificazione delle Germanie abbia occupato uno spazio di condivisione nell’immaginario comune con  quello onnipresente riguardante l’elaborazione dell’olocausto, sembra che la rappresentazione della società moderna non riesca a varcare i confini nazionali come se le tematiche presenti… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

starbook di starbook
4 stelle

L’anziano ma arzillo padre di una donna in carriera, dipendente di una influente società di consulenza internazionale, si ‘traveste da clown' e cambiando identità nell’istrionico Toni Erdmann proverà a recuperare il tempo perduto nel legame affettivo con la figlia giocando l’unica carta che gli rimane a disposizione, lo sberleffo! Tutt’altro… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

Winifried Conradi è un ex insegnante di musica, ormai in pensione, un sessantenne dotato di uno strano senso dell’umorismo, uno zuzzerellone, amante degli scherzi, dai modi piuttosto singolari, che passa le sue giornate coccolando il suo cane ormai cieco e facendo visita all’ anziana madre. Una sera va a trovare l'ex-moglie nella sua abitazione e incontra la figlia Ines, che…

leggi tutto
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

valeriemanifesta di valeriemanifesta
8 stelle

Stralunato, buffo, grottesco, surreale, assurdo, commovente. Uno dei film più riusciti dell'ultimo decennio. La regista regala all'attrice Sandra Hüller un ruolo che vale una carriera. L'oscar come miglior film straniero avrebbero dovuto assegnarlo a Toni Erdmann, non a quell'arabo. Si è trattata di una palese ingiustizia.

leggi tutto
Recensione
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

champagne1 di champagne1
7 stelle

Insegnante di pianoforte in pensione, Winfried vive la giornata con dei "lavoretti" con le scuole o dando lezioni private non particolarmente richieste, ma sempre mantenendo la predisposizione al buon umore, agli scherzi e al travestimento. Nella sua vita poche persone di riferimento: il fratello con cui bisticciare, l'ex-moglie con cui condividere qualche festicciola e una mamma anziana ancora…

leggi tutto
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

2018

YuzoAB di YuzoAB

Scrivi un testo introduttivo (potrai sempre editarlo in seguito)

leggi tutto
Playlist
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

LAMPUR di LAMPUR
4 stelle

      Celebrato nei salotti bene dell'intellighenzia mondiale, Toni Erdmann mi ha fatto specie già nei primi quindici secondi di nulla cosmico dinanzi la porta chiusa del presunto trasformista Erdmann. Lì avrei dovuto far tesoro della lezione e trasformare il mio biglietto di arena estiva in una coppa multicolore di fresco gelato. Ho voluto vedere dove si…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

starbook di starbook
4 stelle

L’anziano ma arzillo padre di una donna in carriera, dipendente di una influente società di consulenza internazionale, si ‘traveste da clown' e cambiando identità nell’istrionico Toni Erdmann proverà a recuperare il tempo perduto nel legame affettivo con la figlia giocando l’unica carta che gli rimane a disposizione, lo sberleffo! Tutt’altro…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 27 voti
vedi tutti

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

Il nuovo cinema tedesco sembra avanzare a strappi. Nonostante il processo di riunificazione delle Germanie abbia occupato uno spazio di condivisione nell’immaginario comune con  quello onnipresente riguardante l’elaborazione dell’olocausto, sembra che la rappresentazione della società moderna non riesca a varcare i confini nazionali come se le tematiche presenti…

leggi tutto

Recensione

Badu D Shinya Lynch di Badu D Shinya Lynch
8 stelle

  Toni (b)Erdmann, o (l'imprevedibile virtù di camuffarsi per ritrovare e (di)mostrare se stessi). Bisogna mascherarsi, travestirsi, recitare fino all'inverosimile, diventare personaggi paradossali, ridicolizzare il proprio sé attraverso una trasformazione slapstick, per far sì che la purezza di un risanatorio ricordo sepolto (ri)emerga e converga in…

leggi tutto

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

Qualcuno (perdonatemi se non ricordo chi) ha accostato questo film all’irriverente scultura di Cattelan prospiciente il Palazzo della Borsa a Milano: un dito medio che protendendosi dal dorso di una mano sembra indicare la necessità che un’ ironia graffiante metta in forse il nuovo “Verbo”, ovvero il neo-liberismo che…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito