Espandi menu
cerca
Miss Sloane - Giochi di potere

Regia di John Madden vedi scheda film

Commenti brevi
  • peccato che Alan S abbia puntato più sugli aspetti convenzionali, che pure ci sono, che non sul livello tecnico e di scrittura che è alto, sempre nel suo genere usa, ma alto, specialmente per una sera obbligata a casa da coronav: da vedere

    commento di carloz5
  • Giudizio più che positivo. Tuttavia, pur essendo tecnicamente ben fatto, pecca di un elemento pressochè indispensabile per un'opera cinematografica: l'aspetto visivo. Le parole e i virtuosismi interpretativi della protagonista sommergono tutto.

    commento di fra_paga
  • Un gran filmone (per la prima metà incomprensibile nel linguaggio ed insopportabile nei ritmi), che rivela quanto sia improbabile una modifica della legge USA sulle armi: il sistema di potere affonda le radici nei valori del Capitale (dove in Europa sono invece i valori religiosi). Brava e bellissima la Chastain. Finale scoppiettante. Voto 8.

    commento di ezzo24
  • Sara' anche ben Recitato,Diretto e altro ancora ma questa Protagonista mi e' risultata assai antipatica e troppo "io qua io la' " !!! voto.5.

    commento di chribio1
  • Interessante, ben girato e recitato

    commento di paolofefe
  • Una storia sul lobbismo insolita e coinvolgente. Interpretazioni e regia rimarchevoli. Consigliato.

    leggi la recensione completa di ottodue
  • molto ritmo, ma deludente nel racconto ,poco approfondimento sui metodi di raccolta fondi e coinvolgimento politico con un finale poco chiaro.

    commento di 39borgogesso
  • Una lobbysta di successo deve saper prevedere e anticipare le mosse dell'avversario ....

    leggi la recensione completa di champagne1
  • La celebrazione della donna in carriera e con le palle, in un film soffocante costruito su una storia prolissa e verbosa che vede coinvolto un cast di un certo livello che si impegna il minimo sindacale nell'affrontare personaggi piuttosto piatti e prevedibili. Splendida la Chastain odiosa, meglio certo di quando si pente e si duole.

    leggi la recensione completa di alan smithee