Espandi menu

cerca
Il candidato

Regia di Michael Ritchie vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 154
  • Post -
  • Recensioni 2312
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Il candidato

di jonas
8 stelle

Bill McKay, giovane avvocato barricadero figlio dell’ex governatore della California, viene convinto a sfidare Crocker Jarmon, vecchio politicante repubblicano, per un seggio al Senato. Un piccolo grande classico del cinema civile hollywoodiano anni ’70, che si lega all’attualità (per un’incredibile coincidenza uscì nel giugno 1972, gli stessi giorni in cui esplose il Watergate) ma non dimentica la lezione dei padri (Lo stato dell’unione di Capra) e potrebbe adattarsi benissimo al mondo d’oggi. Il regista Michael Ritchie non è certo un maestro, ma orchestra benissimo la storia (niente scene madri, solo un confuso bailamme inquadrato con montaggio frammentario) e riesce a indurre un senso di malessere anche se alla fine vincono i nostri (anzi, proprio perché alla fine vincono i nostri). La politica è un frullatore impazzito fatto di majorette, spin doctor, cene di beneficenza, comizi, capibastone, strette di mano, sondaggi, dibattiti televisivi: si entra candidati e si esce senatori senza neanche rendersi conto di come è successo. E, pur senza aver rinnegato sé stessi né tradito apertamente le proprie idee, tuttavia a furia di smussare angoli, attenuare toni, accettare compromessi, non ci si riconosce più e ci si ritrova svuotati a chiedersi cosa fare.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati