Trama

Un triangolo d'amore tra un giornalista americano, una donna francese e uno studente di medicina, sullo sfondo degli ultimi giorni dell'impero ottomano e il genocidio armeno del 1915.

Approfondimento

THE PROMISE: UNA STORIA D'AMORE SULLO SFONDO DEL GENOCIDIO ARMENO

Diretto da Terry George e sceneggiato dallo stesso con Robin Swicord, The Promise prende avvio nell'anno 1914. Mentre la Grande Guerra si profila all'orizzonte, il potente Impero Ottomano si sgretola e Costantinopoli, una volta vivace capitale multiculturale sul Bosforo, è in procinto di annegare nel caos. In tale contesto, Michael Boghosian raggiunge il centro cosmopolita come studente, determinato a portare ancora una volta la medicina moderna a Siroun, il luogo nel sud della Turchia sua casa ancestrale, dove nei secoli hanno convissuto turchi musulmani e armeni cristiani. Il fotoreporter Chris Myers, invece, si trova lì per seguire l'evolversi della situazione geopolitica ma anche perché è affascinato da Ana, un'artista armena che ha accompagnato da Parigi dopo la morte improvvisa del padre. Quando Michael incontra Ana, le loro comuni origini armene danno vita a una reciproca attrazione che a sua volta sarà la causa di una rivalità tra il medico e il fotoreporter. Mentre la Turchia stringe un'alleanza strategica con la Germania e l'Impero inizia a usare la violenza contro le minoranze etniche, i tre dovranno rimandare a tempi migliori i loro contrasti per amore e unire le rispettive forze per sopravvivere. Alcune promesse verranno fatte mentre altre verranno disattese ma l'unica che deve essere mantenuta è una sola: sopravvivere a ciò che sta accadendo per poterlo raccontare.

Con la direzione della fotografia di Javier Aguirresaroba, le scenografie di Benjamin Fernández, i costumi di Pierre-Yves Gayraud e le musiche di Gabriel Yared, The Promise racconta il genocidio armeno, come sottolinea lo stesso regista: "Da spettatore, i film che amo maggiormente sono quelli che presentano importanti vicende umane, quelle pellicole che fanno immergere nella Storia in maniera viscerale ed emozionante. Penso a grandi film ispirati a storie vere come Schindler's ListUrla del silenzioRedsLa battaglia di Algeri. Ma anche a drammi storici come Un uomo per tutte le stagioniIl dottor ZivagoApocalypse Now. Nel corso di poche ore, tali titoli permettono di provare rabbia, paura, empatia, profonda tristezza e, talvolta, gioia immensa. Nessun altro genere di film riesce a commuovermi in maniera simile o a lasciarmi impressi personaggi e momenti che mai più dimenticherò.

Da regista, la mia sfida è quella di trovare storie e personaggi che riescano a colpire lo spettatore con eventi di cui sapevano poco o niente e a dimostrare come lo spirito umano possa sopravvivere o avere la meglio anche nelle circostanze più avverse. Questa è la spinta che ha mosso le mie precedenti storie: penso a Nel nome del padreThe BoxerUna scelta d'amore, scritte con Jim Sheridan, o a Hotel Rwanda. Quando ho avuto tra le mani la sceneggiatura di Robin Swicord, sono stato colpito dallo sfondo storico in cui si dipana: The Promise non è altro che una storia d'amore sullo sfondo del genocidio armeno, una delle più grandi e meno conosciute catastrofi del XX secolo. Questo tentativo di sradicamento di un'intera nazione è scomparso dai libri di storia per via del negazionismo collettivo e della convenienza politica: ecco perché ritengo che vada raccontato almeno in un film.

Ma come ottenere che gli spettatori si appassionino a eventi così orribili e remoti? Usando il romanticismo, come ha fatto David Lean per parlare della rivoluzione russa in Il dottor Zivago e della guerra d'indipendenza irlandese in La figlia di Ryan, o come ha fatto Warren Beatty per la rivoluzione russa in Reds. Entrambi hanno usato l'escamotage della storia d'amore per tenere gli spettatori incollati sulle sedie a seguire gli eventi epocali che nel frattempo si raccontavano. The Promise mi ha concesso la possibilità di lavorare con attori incredibili come Bale, Isaac e Le Bon, ma mi ha permesso in primo luogo di rendere omaggio alle disgrazie sofferte dal popolo armeno nel 1915, al suo coraggio, dolore e capacità di guardare avanti".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere The Promise è Terry George. Nato a Belfast nel 1952, George è noto per la sua attività di regista, produttore e sceneggiatore ma anche per il suo impegno politico, che già all'età di 18 anni gli ha causato più di un guaio con la giustizia. Trasferitosi a New York nel 1981 (non senza problemi per via… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

alan smithee di alan smithee
4 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Costantinopolis 1914: un giovane studente di medicina armeno (lo interpreta il lanciatissimo Oscar Isaac), di famiglia agiata, si reca nella capitale turca per completare gli studi di farmacia che lo avviino alla prosecuzione dell’attività commerciale di famiglia. Ma nell’aria i venti di guerra si avvertono già anche sullo stretto del Bosforo e lo… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
locandina
Foto
2018
2018
2017
2017

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Costantinopolis 1914: un giovane studente di medicina armeno (lo interpreta il lanciatissimo Oscar Isaac), di famiglia agiata, si reca nella capitale turca per completare gli studi di farmacia che lo avviino alla prosecuzione dell’attività commerciale di famiglia. Ma nell’aria i venti di guerra si avvertono già anche sullo stretto del Bosforo e lo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito