Trama

In una cittadina tedesca poco dopo la Prima guerra mondiale, Anna si reca tutti i giorni sulla tomba del fidanzato Frantz, ucciso in Francia. Un giorno Adrien, un misterioso ragazzo francese, porta dei fiori alla tomba e la sua presenza susciterà delle reazioni imprevedibili in un ambiente segnato dalla sconfitta tedesca.

Approfondimento

FRANTZ: UNA MENZOGNA DI GUERRA ISPIRATA A LUBITSCH

Diretto e sceneggiato da François Ozon, Frantz racconta la storia di Anna che, al termine della Prima guerra mondiale, in una cittadina tedesca, si reca tutti i giorni sulla tomba del fidanzato Frantz, morto al fronte in Francia. Qui, Anna un giorno incontra Adrien, un giovane francese anche lui andato a raccogliersi sulla tomba dell'amico tedesco. La presenza dello straniero nella cittadina tedesca susciterà reazioni sociali molto forti e sentimenti estremi.

Con la direzione di Pascal Marti, le scenografie di Michel Barthélémy, i costumi di Pascaline Chavanne e le musiche di Philippe Rombi, Frantz si ispira liberamente a L'uomo che ho ucciso di Ernst Lubitsch. A spiegare meglio le origini del progetto, interpretato da Pierre Niney e Paula Beer, sono le parole dello stesso regista in occasione della presentazione del film in concorso al Festival di Venezia 2016: «In un'epoca ossessionata dalla verità e dalla trasparenza, desideravo da tempo fare un film sulla menzogna.

Come allievo e ammiratore di Eric Rohmer, ho sempre trovato le bugie molto eccitanti da raccontare e da filmare. Riflettevo proprio su questo quando un amico mi ha parlato di uno spettacolo teatrale di Maurice Rostand, scritto subito dopo la Prima guerra mondiale.

Facendo delle ricerche, ho poi scoperto che lo spettacolo era già stato adattato per il cinema da Lubitsch nel 1931 con il titolo L'uomo che ho ucciso. La mia prima reazione è stata quella di lasciare perdere. Come potevo competere con Lubitsch?!

Vedere il film di Lubitsch mi ha rassicurato, perché è molto simile allo spettacolo teatrale e adotta lo stesso punto di vista, quello del giovane francese. Il mio desiderio invece era di adottare il punto di vista della ragazza che, così come lo spettatore, non sa perché quel giovane francese si reca sulla tomba del suo fidanzato.

A teatro e nel film di Lubitsch conosciamo fin dall'inizio il suo segreto, dopo una lunga confessione col prete. Alla fine, più del senso di colpa, ciò che mi interessava era la menzogna.

Il film di Lubitsch è magnifico, da rivedere nel contesto pacifista e idealista del dopo guerra. Ho tenuto infatti alcune scene che ha creato adattando lo spettacolo teatrale. È il suo film meno conosciuto, il suo unico film drammatico, e anche il suo fallimento più grande. La sua messinscena è impeccabile come sempre e piena di inventiva ma allo stesso tempo, è il film di un cineasta americano, di origine tedesca, che non sa che una seconda guerra mondiale si sta profilando all'orizzonte e che vuole fare un film ottimista, di riconciliazione. La guerra del 14-18 era stato un tale massacro che tante voci politiche e artistiche, sia in Francia sia in Germania, si erano alzate per difendere l'ideale pacifista: "mai più". Il mio punto di vista da francese che non ha conosciuto nessuna delle due guerre invece era per forza diverso.

Nello spettacolo teatrale e nel film di Lubitsch, la menzogna non viene svelata ai genitori, il francese è ben accetto nella famiglia tedesca, prende il posto del figlio, suona il violino per loro e tutto finisce bene.

Nel mio film, Adrien prova a integrarsi nella famiglia ma ad un certo punto la menzogna e il senso di colpa sono troppo pesanti e racconta tutto ad Anna. Contrariamente al film di Lubitsch, Anna lo può accettare solo dopo un lungo percorso iniziatico.

La seconda parte si apre sulla partenza di Adrien e la depressione di Anna. Al contrario dei melodrammi classici, Adrien non si innamora di Anna o comunque non è pronto ad accettarlo.

Anna e Adrien condividono la morte di Frantz, ma devono per questo condividere sentimenti amorosi? Pensa sia inevitabile all'inizio, poi di fronte alla verità, qualsiasi sentimento nei confronti di Adrien le sembra impossibile. Alla fine ci crede di nuovo, finché non si trova di fronte a un'altra realtà, in Francia.

Ciò che è bello in Anna è il suo accecamento, sa cosa ha fatto Adrien ma la sua reale sofferenza è di non accettare il suo desiderio per lui e quando finalmente lo va a raggiungere in Francia è perché vuole credere nel loro amore, malgrado tutto. Adrien invece non sa dove cercare il suo desiderio. Avevo voglia di giocare sulle tematiche classiche del melodramma, il senso di colpa e il perdono, per poi deviare su una de-sincronizzazione dei sentimenti.

La sceneggiatura del film è costruita come un Bildungsroman, come un romanzo di formazione. Non ci conduce in un mondo di sogni o di evasione ma segue l'educazione sentimentale di Anna, le sue disillusioni riguardo alla realtà, alla bugia, al desiderio, alla maniera di un racconto iniziatico. Anna era destinata a Frantz, era un amore romantico, di giovinezza, forse di convenienza, sicuramente mai consumato. Ma quello slancio è stato spezzato. E un altro principe azzurro arriva per miracolo, più passionale. Non è ancora la persona giusta, ma grazie a lui inizierà a conoscere i grandi eventi dell’esistenza (la morte, l'amore, l'odio, l'alterità).

Lavorare in bianco e nero per la prima volta è stata una sfida eccitante, ma allo stesso tempo un colpo al cuore, perché per mia inclinazione naturale, ho sempre scelto il colore e il technicolor. Mi sembrava quindi difficile rinunciarci per alcuni luoghi e alcune scene, specialmente per la sequenza della passeggiata nella natura, che faceva riferimento alla pittura romantica di Caspar David Friedrich. Ho quindi deciso di utilizzare il colore come un elemento di messinscena e di integrarlo alle scene di flashback, di bugie o di felicità, come se la vita tornasse all'improvviso in questo periodo di lutto; come il sangue che scorre nelle vene, il colore sarebbe venuto a irrigare i piani in bianco e nero del film».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (9) vedi tutti

  • Melodramma di rara bellezza, riconcilia con il cinema, di cui è degno esponente.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Bel film. Poetico e struggente. Delicato e raffinato

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Semplicemente un capolavoro! Le immagini in bianco e nero ci riportano ad atmosfere degne del pathos di Hitchcock . Le immagini in bianco e nero ci riportano ad atmosfere degne del pathos di Hitchcock. Non c'è un fotogramma di troppo. La storia ruota attorno all'amore ideale e alla malattia di vivere o sopravvivere. Chapeau!

    commento di almodovariana
  • L’esatto opposto di Orizzonti di Gloria di S. K. L’umanità della prima guerra mondiale raccontata dal punto di vista di chi sopravvive. Un film sul senso di colpa, sul detto e non detto, sull’ amore non corrisposto. In bianco e nero, quando l’anima soffre. A colori, quando il cuore di apre al futuro. Intenso, ispirato da Truffaut... voto 7,5.

    commento di Vellocet
  • film calcolato e calligrafico, Frantz mette in mostra tutto il mestiere di Ozon, dal quale però ci si aspetta qualche colpo d'ala in più. rimane una Domanda: ma Frantz e Adrien, se si fossero incontrati in vita, si sarebbero amati? le sembianze iper-androgine del protagonista sembrebbero suggerirlo.

    commento di giovenosta
  • Ammalia ma non 'ferisce' questo dramma cupo magistralmente diretto ma privo di 'affondi' decisivi...

    leggi la recensione completa di starbook
  • una ridicola melensaggine

    commento di antimes
  • È un film che affascina, che rimane nella mente e negli occhi per molte ore, con la convinzione di aver assistito ad un’opera che ha il sapore del drammatico e del thriller mentale, tra il desiderato e il reale, tra i ricordi che si trascinano nella vita e le speranze di un futuro migliore.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Una mancata vedova scorge un coetaneo "nemico" al cospetto della tomba del suo fidanzato morto in trincea. Cosa c'era tra di loro? L'evoluzione di un amore che travalica le persone e sfida le incognite del destino. Commovente e riuscito melodramma antibellico di un grande Ozon.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

Utente rimosso (Cantagallo) di Utente rimosso (Cantagallo)
6 stelle

Quello a cui Ozon dà vita con Frantz si potrebbe definire un racconto esemplare, ispirato ad uno scritto di Maurice Rostand e concepito, anche nella trasposizione su pellicola, più nello spirito dell'apologo antimilitarista che non in quello del dramma storico, memento di come qualunque conflitto finisca col tradire gli uomini che credono di poterlo governare, gettando vittime e… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

EightAndHalf di EightAndHalf
8 stelle

Il rimbalzo delle consapevolezze.   Broken Lullaby è uno dei film più sconosciuti di Ernst Lubitsch. 1934, in un primo dopoguerra già maturo il regista tedesco, ormai in America, gira uno dei drammi per eccellenza sulle vittime fisiche e morali della Grande Guerra, tanto più bello quanto più riusciva ad abolire quei conflitti aprioristici e… leggi tutto

14 recensioni positive

2019
2019
Trasmesso il 3 giugno 2019 su Rsi La1

Recensione

tobanis di tobanis
9 stelle

Melodramma in bianco e nero, ambientato subito dopo la fine della Prima guerra mondiale, con questo misterioso ragazzo francese che va in Germania sulla tomba di un soldato caduto a piangere. Poi conoscerà i genitori di lui e la promessa sposa, e ci sarà una sequela ininterrotta di verità e menzogne. Il film è splendido; è un po’ l’essenza stessa…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

In Germania,nel  1919, Anna è una giovane tedesca,rimasta sola,dopo che ha perso il futuro sposo, morto al fronte durante la Prima Guerra Mondiale. La ragazza vive con i genitori del suo fidanzato defunto, i quali la trattano e la amano come una figlia. Un giorno sulla tomba del suo amato Frantz,dove abitualmente depone i fiori, Anna scorge un ragazzo in lacrime,…

leggi tutto
2018
2018
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

leporello di leporello
7 stelle

   Film intenso e profondo, specie là dove esplora, sbugiardandoli, le ragioni e il senso dei conflitti armati: il protagonista Adriene è il Piero della Guerra di De Andrè, e corre qualche brivido pensare che l’Europa del 1919, così ben fotografata da Ozon ancora ferita nei corpi e nello spirito, avrebbe ripetuto lo stesso errore di lì a pochi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017

Venezia 73

obyone di obyone

Tra un giro per il Lido in passeggino col mio Matteo di quasi 2 anni, qualche sortita in spiaggia ed il turnover in sala con mia moglie mi sono goduto questa mia prima volta alla Mostra del Cinema di Venezia. 18 film…

leggi tutto
Playlist
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

Theophilus di Theophilus
10 stelle

FRANTZ   Film sui temi dell’illusione, dell’incomprensione e del fraintendimento. Grande rilievo hanno la simulazione, il nascondimento come pietas e come forma necessaria e benefica per la sopravvivenza. Vi albergano, sempre, il dolore, il bisogno di espiazione che contrasta l’anelito al perdono, la speranza e la disillusione. L’orrore e la stupidità…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

barabbovich di barabbovich
5 stelle

Chi è stato a uccidere Frantz (von Lucke), ragazzo poco più che ventenne, sacrificato da padri miopi in una guerra assurda e fratricida come il primo conflitto mondiale? Se lo domanda insistentemente Hans Hoffmeister (Stötzner), genitore tedesco con enormi sensi di colpa, avverso a qualsiasi francese che potrebbe essere il potenziale assassino di suo figlio. Quando a casa sua…

leggi tutto

Recensione

starbook di starbook
5 stelle

Anna, giovane dall'aspetto perennemente emaciato, vive in una cittadina tedesca e trascorre molto del suo tempo presso la tomba del fidanzato Frantz, caduto in battaglia poco più  che ventenne durante la 'grande' guerra per mano delle truppe francesi. Adrien, giovane francese segaligno, frequenta furtivamente il cimitero posando fiori sul…

leggi tutto

Recensione

Malpaso di Malpaso
8 stelle

François Ozon dirige con mestiere un melodramma che, partendo dall'Europa divisa e profondamente ferita del post Prima guerra mondiale, parla dell'impossibilità della comunicazione e del peso tragico della verità, che può essere deviato o ignorato, ma non estinto. Un film in cui i colori della vita sono fuggenti attimi di spensieratezza in campagna, in composizioni…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
2016
2016

I migliori film del 2016

port cros di port cros

Come ogni anno, ecco la classifica di quanto meglio visto in sala nel corso dell'anno che sia avvia a conclusione (escluse ovviamente le riproposizioni di pellicole del passato). Ad ogni titolo è associata la…

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito