Espandi menu
cerca
John Wick - Capitolo 2

Regia di Chad Stahelski vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Marco Poggi

Marco Poggi

Iscritto dal 5 settembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post 6
  • Recensioni 1122
  • Playlist 114
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su John Wick - Capitolo 2

di Marco Poggi
7 stelle

Costretto dal super-boss Riccardo Scamarcio (sigh), che gli fa saltare la casa, il killer John Wick parte per Roma per uccidere Claudia Gerini (in un ruolo più convincente e di potere, rispetto a quello di quello di Monica Bellucci in Spectre). Visto che il primo film ha funzionato, Keanu Reeves rincara la dose e trasforma il prodotto in francise.

Il killer John Wick e,costretto, dal super-boss Riccardo Scamarcio (sigh), che gli fa saltare la casa,  a partire per Roma per uccidere Claudia Gerini (in un ruolo più convincente e di potere, rispetto a quello di quello di Monica Bellucci in "007 - SPECTRE"). Visto che il primo film ha funzionato, Keanu Reeves (che nel frattempo si è fatto un altro cane da compagnia, per rimpiazzare quello che i cattivi russi gli hanno fatto fuori nel film precedente)  rincara la dose dell'esagerazione, trasformando questa seconda parte in un vero e proprio franchise e aprendo le porte a vecchi amici provenienti da "MATRIX", come Laurence Fishburne (che interrpreta, con graffiante ironia il re del sottobosco di New York, che comada dei mendicanti, che sono  in realtà killer e spie sotto copertura), e rendendo più pericolosi i personaggi del Continental Hotel, introdotti nel primo film (chissà perché qui ha davvero importanza una catena di hotel, che serve solo ad armare, vestire e suggerire i luoghi più sicuri per scappare ai killer, dopo aver eseguito il contratto). Avvincente il doppio scontro fisico fra Keanu Reeves e Common, brillante la comparsata di Franco Nero, che, praticamente, è il personaggio di Ian McShane trasferitro a Roma. Capitolo italiano della saga che ricorda un pò sia i vecchi che i nuovi James Bond, solo che negli anni'60 al posto del belloccio Scamarcio c'era il grande Adolfo Celi, mentre spreca una brava Claudia Gerini che si sarebbe meritata qualche scena in più (e, magari, uno scontro corpo a corpo con Keanu, essendo una cintura nera di karate),.visto che l'attore  si deve accontentre di azzuffarsi con la killer muta impersonata da Ruby Rose (la Batwoman della prima stagione dell'ominima serie tv CW), che, praticamente, è un maschiaccio. Brillante l'idea dei killer che si scontrano a sangue, ma  che poi smettono di farlo se entrano, anche con violenza in uno dei "Continental Hotel", perché è territorio neutrale  e quindi, al massimo, i due assassini si possono offrirsi a vicebda qualcosa da bere al bar, per parlare (ecco dettagli che fanno della saga di John Wick qualcosa di più riuscito di "MATRIX", che mostrava la corda già dal  secondfo capitolo),. Finale con cliffhanger, perché ormai Hollywood ha trovato l'ennesima gallina delle uova d'oro da spremere,

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati