Espandi menu
cerca
Arrival

Regia di Denis Villeneuve vedi scheda film

Recensioni

L'autore

gaiart

gaiart

Iscritto dal 30 luglio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 25
  • Post 6
  • Recensioni 325
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Arrival

di gaiart
7 stelle

“A volte penso che il segno più certo dell'esistenza di vita intelligente in qualche parte dell'universo sia il fatto che nessuno di loro abbia cercato di contattarci.” Bill Watterson

01 settembre 2016

 

 

ARRIVAL

di

Denis Villeneuve

 

Venezia 73 - Concorso

 

 

“A volte penso che il segno più certo dell'esistenza di vita intelligente in qualche parte dell'universo sia il fatto che nessuno di loro abbia cercato di contattarci.”

Bill Watterson

 

Una spruzzata d’inchiostro che sfocia in una scrittura sismografica, fatta di segni tipo quelli dell’elettrocardiogramma che si arrotondano in cerchi più simili a un modello frattale di Jackson Pollock o a delle opere di Kounellis, è come si fanno vivi con noi gli alieni, secondo l’idea tratta dal breve racconto di Ted Chang, elegantemente reinterpretata da Villeneuve.

Così comunicano due giganti ectapodi, ironicamente soprannominati Gianni e Pinotto, arrivati sulla terra con uova giganti che hanno colonizzato il pianeta in dodici centri nevralgici.

A che scopo? Tenta di capirlo la studiosa, Louise Banks, esperta linguista, (bravissima e glaciale Amy Adams, presente anche nel film di Tom Ford, Nocturnal Animals, sempre a Venezia), che viene arruolata dal governo americano per cercare un dialogo con gli extraterrestri, cioè i due polipotti giganti.

 

Visivamente maestoso, elegantissimo nella forma, con toni colori e inquadrature di grandissima potenza e originalità tanto da farne ogni volta un piccolo grande quadro a se stante, Arrival, se da un lato sciocca e ipnotizza per le modalità di presentazione, non convince del tutto per la sostanza.

Vero è che sull’imprinting fantascientifica si innestano altri temi tesi a far riflettere sul significato di segno, di linguaggio, sull’importanza delle relazioni, anche verbali, intese proprio come primo elemento per stare in pace con gli altri, da qualsiasi mondo essi arrivino.Ahimè la sceneggiatura, fatta di flash e fast forward o backward non regge del tutto, aprendo un buco nero, non solo di fisica quantistica, ma anche nella falla d’interpretazione e comprensione, che lascia lo spettatore un po’ confuso o miracolato. A seconda dei punti di vista.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati