Espandi menu
cerca
A Very Murray Christmas

Regia di Sofia Coppola vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 270
  • Post 174
  • Recensioni 4134
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su A Very Murray Christmas

di alan smithee
6 stelle

Che Bill Murray fosse ormai una vera e propria istituzione, tanto da potersi spendere tempo e denaro per fare film sulla sua persona, od almeno in cui la star appaia nei panni di se stessa (era già successo ad esempio nell'esilarante horror-demenziale Benvenuti a Zombieland nel 2009), era cosa nota e piuttosto coerente con la celebrità e la simpatia di cui gode la star ormai da decenni.

Troviamo Murray bloccato in un lussuoso hotel newyorkese a causa di una tempesta di neve che manda in tilt l'intera metropoli, costringendo l'attore a restare nel suo dorato carcere di lusso, anziché raggiungere gli studios ove è ormai tempo di registrare lo show natalizio da mandare in onda durante l'imminente prosssimo Natale.

Rissoso e un pò intrattabile come realmente appare nei personaggi che interpreta, Murray da sempre è restio ad avvalersi di manager, preferendo gestre di persona la sua immagine: per questo decide di fare di testa sua e, improvvisando duetti con altre celebrità accorse al Carlyle Hotel (Chris Rock, stonato ma simpaticissimo), o convocate per l'occasione per dar vita comunque allo spettacolo nelle sale eleganti dell'hotel, Bill Murray darà vita ad uno show scintillante in cui emergerà il gran timbro vocale (a volte pare Sinatra!) di cui è dotato, duettando con giovani cantanti come Miley Cyrus, o improvvisando pezzi con altri ospiti dell'hotel (tra questi Jason Schwartzman, un aficionados di casa Coppola, bravissimo alla batteria, un pò meno al canto) e avvalendosi della presenza straodinaria di George Clooney.

Con l'elegante supervisione di Sofia Coppola, A Very Murray Christmas è un gioioso e delicato mediometraggio (prodotto da Netflix) che pare riportarci alle atmosfere disincantate, talvolta ingenue, talvolta al contrario maliziose, delle commedie sentimentali anni '50, magari quelle con Doris Day, al posto di quel simpatico, rissoso, irascibile, carissimo B.....ill Murray canterino.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati