Trama

Sono passati due anni da quando Leo Barnes si è fermato dal portare a termine una deplorevole vendetta durante la Notte del giudizio. A capo della sicurezza per la senatrice Charlie Roan, Leo ha come compito quello di proteggerla nella sua corsa alla presidenza. Quando però un tradimento li costringe a stare per le strade di Washington durante l'annuale notte rituale in cui poveri e innocenti diventano vittime privilegiate, Leo e Charlie dovranno cercare di rimanere in vita fino all'alba.

Approfondimento

LA NOTTE DEL GIUDIZIO - ELECTION YEAR: UNA COSPIRAZIONE POLITICA

Diretto e sceneggiato da James DeMonaco, La notte del giudizio - Election Year porta per la terza volta sullo schermo l'idea provocatoria di una notte all'anno in cui vengono considerati legali tutti i crimini commessi, favoriti addirittura dal governo. Le 12 ore di illegalità annuale questa volta coincidono con un'appassionata battaglia elettorale che vede l'intera nazione profondamente divisa tra coloro che sostengono la notte del giudizio e coloro che la rifiutano. Guidato dai Nuovi Padri Fondatori d'America (NFFA), il governo ha autorizzato la notte per garantire che il tasso di criminalità nel resto dell'anno rimanga al di sotto dell'1% ma i contestatori sono convinti che tale scelta non sia altro che una strategia delle istituzioni per eliminare i poveri e i deboli permettendo in tal modo alle élite di prosperare. Sul punto di rivelare la cospirazione, cinque eroi capiranno a proprie spese fino a dove saranno in grado di spingersi per proteggere ciò in cui credono e le persone che amano.

Con la direzione della fotografia di Jacques Jouffret, le scenografie di Sharon Lomofsky, i costumi di Elisabeth Vastola e le musiche di Nathan Whitehead, La notte del giudizio - Election Year combina elementi da diversi generi cinematografici (azione, horror, sci-fi, futuro distopico e utopico) e propone un forte messaggio politico. Esplora infatti le difficoltà della società contemporanea nel vivere un contesto in cui un governo corrotto incoraggia la gente a farsi giustizia rendendo i più poveri vittime sacrificali, approfondendo le dinamiche che si instaurano quando i cittadini si fanno forza per contrastare questo fenomeno.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Sono due anni che Leo Barnes, interpretato da Frank Grillo, è riuscito a fermarsi in tempo da una deplorevole vendetta (nella conclusione di Anarchia - La notte del giudizio). Ora, Leo è impegnato a guidare la sicurezza della senatrice Charlie Roan, portata in scena da Elizabeth Mitchell: la sua missione è diventata la protezione di questa donna durante la controversa e contestata corsa per la presidenza.

Come Leo, la senatrice Roan ha subito delle tremende perdite nella propria vita: oggi è l'unico membro della propria famiglia a essere sopravvissuta a una Notte del Giudizio di tanti anni prima e ha dedicato la propria vita e campagna presidenziale per abolire un rituale che colpisce i poveri e gli innocenti. Proprio questa posizione l'ha resa sempre più popolare con il grande pubblico ma l'ha anche trasformata in un obiettivo sensibile per i suoi avversari. Nell'area di D.C. sono pochi i politici a preoccuparsi del destino dei cittadini, a meno che non ci sia l'opportunità di scattare una foto elettorale.

Joe, impersonato da Mykelti Williamson, possiede un negozio che è un punto di riferimento per tutto il quartiere. Poche ore prima della Notte del Giudizio scopre che il costo dell'assicurazione che lo protegge dai danni è schizzato alle stelle e non è più in grado di pagare per proteggere le proprie proprietà. Senza soldi e mezzi, Joe si trova obbligato ad affrontare le crudeli strade di D.C., rischiando la vita per difendere i propri beni e i propri compagni di vita.

Dopo esser fuggito da un paese lacerato dalla guerra, Marcos, supportato da Joseph Julian Soria, è un collaboratore di Joe da tanti che è riuscito a guadagnarsi un pezzo del sogno americano, grazie anche all'aiuto del suo titolare. Marcos è al fianco del proprio boss per proteggere il negozio e con l'avanzare della notte e del caos, i crimini che Marcos è stato forzato a commettere nel paese di provenienza si rivelano fondamentali per la loro sopravvivenza.

Laney, ritratta da Betty Gabriel, è una ragazza tosta dal passato ancora più duro, colpita durante gli anni dell‘adolescenza dalla violenza espressa durante la Notte del Giudizio. È riuscita a cambiare la propria vita grazie all'aiuto di Joe - che vede come una figura paterna allo stesso modo di Marcos – e cerca di espiare i propri peccati guidando un furgone durante la notte per salvare le vittime di violenza. Tutto ciò che la preoccupa è garantire salvezza agli innocenti.

Quando un tradimento nella squadra che protegge la senatrice Roan la costringe ad affrontare le strade di Washington senza alcun aiuto, Joe, Laney e Marcos si uniscono a Leo per salvarla dal tentativo di ucciderla dei NFFA: se riusciranno a proteggere la senatrice fino all'alba, potranno anche mantenere in vita l'unica speranza di eliminare la Notte del Giudizio e a trovare la pace che tanto hanno cercato.

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (6) vedi tutti

  • La serie funziona bene al botteghino, questo terzo episodio è come gli altri, niente di che ma guardabile.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Dialoghi che non vanno da nessuna parte,sangue a tutto spiano ,violenza e un casino pazzesco....a ridatece il primo episodio,questo potete tenervelo voi...poi ognuno ha i suoi gusti, ovviamente.Voto 4.

    commento di ezio
  • Non abbiamo compreso il film,in alcun momento.Cattivo ma disturbante,mal recitato,finto,irrisolto. Non abbiamo altre parole,ma questo 'sfogo' legalizzato ci ha fatto letteramente orrore!

    commento di rosario
  • James DeMonaco giunge alla conclusione del proprio pensiero, dirigendo il capitolo più angosciante e politico della trilogia.

    leggi la recensione completa di AlbertoBellini
  • Decente realizzazione,ma solita americanata che è condizionamento psicologico del pubblico a violenza, retorica americana e a scenari futuri poco edificanti.Guardare le realtà odierne delle città già ci irrita, perché industriarsi allora a fare film (e videogiochi) che prospettano devastazioni ancora peggiori? Preferisco un cinema ispiratore.

    commento di scafoide
  • DeMonaco non molla le redini del progetto The Purge, che mantiene smalto, nonostante qualche ingenuità di situazioni e dialoghi, nonostante troppi buoni e cattivi risultino a volte afflitti da schematismo comportamentale, e si dimostra, arricchito del contesto elettorale, probabilmente come il capitolo migliore e più storicamente connotato.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

amandagriss di amandagriss
7 stelle

  Sfogatevi e purificatevi   Questo il motto, ripetuto all’infinito come un mantra, dai nuovi padri fondatori d’America, élite di privilegiati, classe politica conservatrice e reazionaria, che da ben 25 anni sostiene e difende la pratica dello sfogo, usanza oramai consolidata nella tradizione culturale del nuovo continente, che asseconda ed incoraggia con vivace… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

LoSqualoSiciliano di LoSqualoSiciliano
6 stelle

La Notte del Giudizio - Election Year è il terzo film della trilogia della Notte del giudizio che comprende appunto il primo capitolo La Notte del Giudizio e il secondo capitolo Anarchia - La Notte del Giudizio , questa trilogia rivoluzionaria nel genere e stata diretta ed ideata da James DeMonaco regista che a trovato fortuna grazie a questa sua idea che in un intervista  ha detto… leggi tutto

7 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Piace91 di Piace91
4 stelle

Vado al cinema carico di aspettative. Leggo più volte di "miglior capitolo della trilogia" e sento pareri entusiasti di fonti da me ritenute estremamente autorevoli. Esco dalla sala facendo a gara coi miei amici a quale sia la scena più ridicola del film. Qualcosa non è andato come speravo e non so nemmeno da dove cominciare.    Comincio col dire che questo… leggi tutto

4 recensioni negative

Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
6 stelle

Essendo a conoscenza dell’uscita al cinema del prequel della trilogia de La notte del giudizio, si è creata in me la smaniosa curiosità di recuperare le tre pellicole in questione; visione rimandata da tempo e che ultimamente era casualmente circolata nei miei pensieri, conseguentemente ad alcuni discorsi con colleghi d’ufficio.   L’adrenalinica…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

tobanis di tobanis
7 stelle

Terzo film della serie. Negli USA di un prossimo futuro sono riusciti a fare crollare la delinquenza, questo tramite una giornata all’anno in cui, dalla sera al tramonto, ogni delitto è concesso e polizia, croce rossa, pompieri non intervengono. Come visto nel secondo film, questo sistema è perfetto per la cricca al potere per liberarsi della parte più debole della…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

champagne1 di champagne1
4 stelle

Nel 2040 la notte dello "Sfogo" vede l'impennata del fenomeno dei turisti "purgers": persone che arrivano da altri Paesi a compiere crimini nella notte in cui tutto è consentito. Il movimento di opinione contrario all'omicidio legalizzato sta crescendo e con a capo la senatrice Roan, che concorre alle elezioni presidenziali, minaccia l'establishment. Ma i Nuovi Padri Fondatori hanno…

leggi tutto
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 22 maggio 2018 su Italia 1
Il meglio del 2017
2017

Recensione

barabbovich di barabbovich
6 stelle

In un futuro distopico non così lontano, i "nuovi padri fondatori" a stelle e strisce hanno architettato un sistema per contenere la delinquenza: lasciare che, una volta all'anno, la popolazione si sfoghi, brandendo armi e avendo piena libertà di omicidio: 12 ore di legalità totalmente sospesa. Lo chiamano "lo sfogo" (ma nel titolo originale è The purge) e, in una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2016
2016

Box Office Italia 12-14 agosto 2016

supadany di supadany

Mentre nel secondo week end americano comincia già a perdere parecchio terreno - seguendo una linea del tutto simile al precedente Dc Comics Batman v Superman: Dawn of justice - Suicide squad esordisce in Italia…

leggi tutto
Playlist

Recensione

amandagriss di amandagriss
7 stelle

  Sfogatevi e purificatevi   Questo il motto, ripetuto all’infinito come un mantra, dai nuovi padri fondatori d’America, élite di privilegiati, classe politica conservatrice e reazionaria, che da ben 25 anni sostiene e difende la pratica dello sfogo, usanza oramai consolidata nella tradizione culturale del nuovo continente, che asseconda ed incoraggia con vivace…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 25 luglio 2016
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito