Espandi menu
cerca
Ascensore per il patibolo

Regia di Louis Malle vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 163
  • Post 6
  • Recensioni 812
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Ascensore per il patibolo

di bufera
10 stelle

Opera prima di Louis Malle ,un magnifico noir dalla trama intricata e impreziosito dalle musiche di Miles Davis,che sottolinea gli stati d'animo dei protagonisti e le atmosfere di una Parigi per lo più notturna.

locandina italiana 2016

Ascensore per il patibolo (1957): locandina italiana 2016

 

                                             

ASCENSORE PER IL PATIBOLO(Ascenseur pour l’echafaud) è un film noir del 1958, diretto da Louise Malle, tratto dal romanzo con   lo stesso titolo del1956 di Noel Calef. La sceneggiatura è dello stesso Malle insieme a Roger Nimier.

 

Parigi. Julien Tavernier( Maurice Ronet) e Florence Carala( Jeanne Moreau),sono amanti decisi ad eliminare il marito di lei, Simon,  ricco uomo d’affari che ha organizzato anche un traffico d’armi con i Paesi del Terzo Mondo. Julien, ex paracadutista reduce dalla guerra d’Indocina, è impiegato nella compagnia di Carala e ne simulerà il suicidio. All’inizio del film assistiamo alla telefonata dei due amanti che si ripetono i dettagli del loro piano, e lei, che lo aspetterà nel solito bar, gli testimonia il suo grande amore per lui.

 

Julien compie l’omicidio, come pianificato, alla fine dell’orario di lavoro, mette la pistola in mano alla vittima e sta per uscire, ma a causa della  dimenticanza di una corda con un gancio che era servita per calarsi nel balcone, deve tornare indietro e poi prendere l’ascensore, proprio quando il guardiano toglie la corrente ed esce chiudendo i cancelli degli uffici.

 

 Julien rimane così intrappolato nell’ascensore al buio e con gran sangue freddo tenta di trovare il modo per uscirne. Florence intanto aspetta invano il suo amante nel posto designato, ma visto che tarda molto, vaga disperata per una Parigi ormai notturna fotografata splendidamente nelle strade e nei locali.

 

Nel frattempo si inserisce un’altra storia dovuta a una coppia di giovani che rubano l’auto di Tavernier e corrono fuori della città fino a  giungere ad un motel, dove si registrano come Tavernier. Qui conoscono una coppia di turisti tedeschi, molto cordiali, che ben presto sospettano qualcosa di strano  e quando i due, a notte fonda, cercano di fuggire usando la loro auto, che era stata bloccata, si parano davanti  ai due giovani con una pistola per intimorirli, ma il ragazzo uccide ambedue. L’uso del nome Tavernier comincia a creare una mole di equivoci, accuse di omicidi a chi ne aveva fatto un altro, e così via......

 

Louis Malle è al suo primo film, usando uno stile che ne fa un precursore della Nouvelle Vague. L’opera  è pervasa da una struggente malinconia, un amor fou, perseguitato da un fato inesorabile e crudele. Il tutto è sottolineato dalla splendida musica di Miles Davis, di passaggio a Parigi, che Malle  interpellò per la colonna sonora. L’artista improvvisò le musiche durante la visione muta delle immagini del filmd, in una sola notte di registrazione, accompagnato da un sax,un piano,un contrabasso e una batteria in presenza del regista e degli attori. Maurice Ronet e Jeanne Moureau, in stato di grazia e anch’essi principianti, diventeranno famosi. La fotografia di Henri Decae avvolge in un magnicico chiaroscuro ambienti e persone. Si può dire che il film si svolge, quasi metaforicamente,in buona parte al buio.

 

Jeanne Moreau

Ascensore per il patibolo (1957): Jeanne Moreau

Maurice Ronet

Ascensore per il patibolo (1957): Maurice Ronet

Maurice Ronet, Jean Wall

Ascensore per il patibolo (1957): Maurice Ronet, Jean Wall

Maurice Ronet

Ascensore per il patibolo (1957): Maurice Ronet

Jeanne Moreau

Ascensore per il patibolo (1957): Jeanne Moreau

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati