Espandi menu
cerca
Teatro alla Scala. Il tempio delle meraviglie

Regia di Luca Lucini, Silvia Corbetta, Piero Maranghi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 236
  • Post 80
  • Recensioni 6309
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Teatro alla Scala. Il tempio delle meraviglie

di FilmTv Rivista
7 stelle

Il fischiettìo del Va’ pensiero sancisce l’inizio del conto alla rovescia per la prima del 7 dicembre 2014, quando Fidelio inaugura la nuova stagione della Scala di Milano, mentre la voce narrante di Sandro Lombardi ci accompagna nella storia e negli spazi del teatro più famoso del pianeta. Dietro le porte e le finestre sempre chiuse ai passanti si scopre un mondo brulicante di vita. La macchina da presa segue i ferventi preparativi non solo sul palcoscenico, ma anche dietro le quinte, dove le maestranze lavorano senza sosta per uno spettacolo che sarà trasmesso in mondovisione. Alla cronaca si avvicenda il racconto di un’istituzione culturale che ha un forte legame sia con la città che la ospita sia con l’Italia e l’intero globo. Le testimonianze dei collaboratori sono alternate a quelle dei talenti che hanno contribuito al suo lustro, come Carla Fracci e Roberto Bolle, a materiali video e fotografici dove i grandi del passato, come Claudio Abbado e Renata Tebaldi, aiutano a comprendere meglio quanto lavoro e quanta storia ci sia dietro ogni rappresentazione. La solennità del racconto è smorzata da sette messinscene in cui attori interpretano personaggi realmente esistiti e poco conosciuti che hanno avuto a che fare con il teatro. Alcune, purtroppo, ricordano cattivi esempi di fiction di produzione nazionale, ma fortunatamente non riescono a intaccare la rilevanza di un’opera coinvolgente e di grande valore culturale.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 46 del 2015

Autore: Elisa Bonazza

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati