Trama

Siamo nel 1999. Claire sta tornando da Eugene, a Parigi. Dopo un incidente d'auto, due rapinatori le affidano una valigia piena di soldi; più tardi dà un passaggio a un uomo misterioso, Trevor, braccato da un killer e in possesso di un rivoluzionario strumento per la riproduzione dei ricordi... Ha inizio così un lungo inseguimento attraverso nove nazioni, dall'Europa all'Australia, alla ricerca di sé.

Note

Wim Wenders si butta a capofitto nella civiltà dell'immagine di un domani che è già oggi, per riemergerne con l'esortazione a un salutare ritorno alla parola scritta. Tra omaggi al cinema e alla pittura, un'opera densa e vertiginosa. Grande colonna musicale.

Commenti (1) vedi tutti

  • poesia visiva. come qualche altro film di wenders. mi viene in mente anche 'il cielo sopra berlino', mentre negli ultimi mi e' piaciuto decisamente meno.

    commento di pea
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

passo8mmridotto di passo8mmridotto
8 stelle

Quindici anni per vederlo realizzato, 23 milioni di dollari per finanziarlo, seicento persone di troupe, 20 attori, 8 città e quattro continenti per l'ambientazione: Venezia, Parigi, Berlino, Lisbona, Mosca, Tokio, Los Angeles e l'Australia. E non è detto che questo film di Wim Wenders sia un "capolavoro", forse non basta che una pellicola duri tre ore (delle 6 originarie della… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

"L'occhio non vede allo stesso modo del cuore." Until the end of the world può rappresentare il capitolo finale del primo percorso registico di Wenders, quello che è cominciato dai  lavori vicini alle tendenze un po’ disomogenee del nuovo cinema tedesco degli anni 70, per  approdare verso una graduale sopraffazione dell’immagine a scapito di ogni senso… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

hallorann di hallorann
4 stelle

Il cinema di Wim Wenders è stato sempre affascinato dalla comunicazione e dal viaggio intesi come sperimentazione, ricerca, sfida e dolore di sé. Nel 1991 arriva nelle sale FINO ALLA FINE DEL MONDO, ambientato in un futuro 1999 in cui oltre ai temi portanti citati prima, il regista tedesco parla di minacce sul pianeta da parte di un satellite nucleare, di un’invenzione che… leggi tutto

1 recensioni negative

2016
2016

Recensione

passo8mmridotto di passo8mmridotto
8 stelle

Quindici anni per vederlo realizzato, 23 milioni di dollari per finanziarlo, seicento persone di troupe, 20 attori, 8 città e quattro continenti per l'ambientazione: Venezia, Parigi, Berlino, Lisbona, Mosca, Tokio, Los Angeles e l'Australia. E non è detto che questo film di Wim Wenders sia un "capolavoro", forse non basta che una pellicola duri tre ore (delle 6 originarie della…

leggi tutto
2015
2015

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

"L'occhio non vede allo stesso modo del cuore." Until the end of the world può rappresentare il capitolo finale del primo percorso registico di Wenders, quello che è cominciato dai  lavori vicini alle tendenze un po’ disomogenee del nuovo cinema tedesco degli anni 70, per  approdare verso una graduale sopraffazione dell’immagine a scapito di ogni senso…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
2014
2014

Recensione

barabbovich di barabbovich
5 stelle

1999. Mentre sulla Terra incombe la minaccia della caduta di un meteorite, Claire (Solveig Dommartin), derubata da un rapinatore di banche (William Hurt) al quale ha dato un passaggio in auto, gira per mezzo mondo al seguito dell'uomo che porta con sé uno strano marchingegno costruito dal padre (Max Von Sydow) e che dovrebbe mettere la madre cieca (Jeanne Moreau) in condizioni di vedere,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2012
2012
2011
2011

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

VOTO : 6,5. E’ un lavoro ambizioso questo di Wim Wenders, pieno di difetti di varia natura, ma anche affascinante, un trip di spunti diversi, un assemble irrisolto, ma anche in grado di affascinare se ci si lascia trascinare e se non ci si ferma troppo a riflettere. Un professore (Max Von Sydow) ha messo a punto un sistema in grado di far vedere alle persone cieche delle immagini…

leggi tutto
2010
2010

Recensione

hallorann di hallorann
4 stelle

Il cinema di Wim Wenders è stato sempre affascinato dalla comunicazione e dal viaggio intesi come sperimentazione, ricerca, sfida e dolore di sé. Nel 1991 arriva nelle sale FINO ALLA FINE DEL MONDO, ambientato in un futuro 1999 in cui oltre ai temi portanti citati prima, il regista tedesco parla di minacce sul pianeta da parte di un satellite nucleare, di un’invenzione che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2009
2009

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Che Wenders abbia un'innata capacità suggestiva, ovverosia di incantare e stimolare lo spettatore, è un dato di fatto. Che i suoi film non siano mai banali, pur parlando di massimi sistemi o tematiche già ipersfruttate (pure qui: il ruolo dell'immagine nella nostra società, il futuro cui andiamo incontro, la vita come inganno dei sensi, etc.), è altrettanto…

leggi tutto
Recensione

Dormire, sognare forse...

Conf di Conf

Quando il film è così coinvolgente che a confronto il Tavor è come il Prozac. Come addormentarsi appena in sala si sono spente le luci e risvegliarsi due spettacoli dopo perchè stanno…

leggi tutto

Sogni

Redazione di Redazione

Della relazione tra cinema e sogno si è sempre parlato tantissimo: il rapporto è quasi destinale, forse anche perché la nostra memoria onirica è a tal punto immaginifica. Per molti registi poi riuscire a…

leggi tutto
Playlist

Cantanti

Redazione di Redazione

Ugole e celluloide. Biopic di grandi interpreti, camei, comparsate, attori che rivelano doti insperate (ma anche qualche latrato...). I performer che sono stati cooptati dal cinema e quelli cui il cinema ha reso…

leggi tutto
Playlist

Momenti sospesi

iosif di iosif

Ci sono, in alcuni film, momenti in cui la narrazione si sospende, oppure si concentra in attimi prevalentemente visivi e sonori, il cui valore va oltre la funzione immediatamente narrativa. Possono essere momenti…

leggi tutto

Treni

Redazione di Redazione

Da quando hanno iniziato a fischiare le loro "blue notes" nelle praterie americane, i treni si sono impressi nell'immaginario di Hollywood e del mondo intero. Difficile che il loro binari non corressero paralleli a…

leggi tutto
Playlist

Cecità

Redazione di Redazione

Non vedenti, a volte anche invisibili. Una moltitudine come in Cecità, il film di Mereilles tratto dal lavoro del premio nobel Saramago, o solitari e disperati come la protagonista di Dancer in the Dark, una…

leggi tutto
Playlist
2008
2008

Recensione

joe cavana di joe cavana
8 stelle

Dopo molti anni da quando ho visto la versione "tagliata" passata su RETE 4 in seconda serata, sono riuscito a comprare il cofanetto di 3 dvd di questo immenso, esagerato ma geniale film di Wenders e posso dire che ne vale la pena. Innanzitutto c'ha messo quasi 8 anni per realizzarlo tra scrivere la sceneggiatura, trovare i soldi e film girati in mezzo ("IL CIELO SOPRA BERLINO"), non ha caso il…

leggi tutto
Recensione

ISTRUZIONI PER L'USO

LAMPUR di LAMPUR

Ti faccio del male, e tu chiederai perchè, gridandolo nei vicoli ed al cielo. Ed avrai tra le mani un vaso ricolmo di gioia e dolore per scorgervi il tuo dio mimetizzato nell'assurdo di una sofferenza che è antica…

leggi tutto
Playlist
2006
2006

BREVE IMMAGINE FOTOGRAFICA N.8

Aquilant di Aquilant

LA DORMIENTE ERA PLACIDAMENTE RANNICCHIATA SUL LATO DESTRO, IN POSIZIONE FETALE, DENTRO UNA PICCOLA CAVITÀ DELLA ROCCIA, DEL TUTTO NONCURANTE DELLA RIGIDA TEMPERATURA INVERNALE TENDENTE QUASI AI ZERO GRADI. MI PARVE…

leggi tutto
Playlist
2005
2005

Recensione

Aquilant di Aquilant
8 stelle

Vivere la vita allo scopo di rimirare sé stessi immersi in una sorta di mondo incantato in grado di ricondurci alla nostra prima fanciullezza. Poter ammirare i propri sogni notturni durante l’arco completo della giornata per poi addormentarsi allo scopo di produrre nuovi sogni da contemplare il mattino dopo, nuovamente annegati nelle proprie fantasie notturne FINO ALLA FINE DEL…

leggi tutto
Recensione
2004
2004
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito