Espandi menu
cerca
Ninotchka

Regia di Ernst Lubitsch vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 211
  • Post 21
  • Recensioni 1428
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Ninotchka

di steno79
9 stelle

Forse il migliore film interpretato da Greta Garbo resta "Ninotchka", così come la sua migliore interpretazione resta quella in "Margherita Gauthier". Il film di Lubitsch è una satira del comunismo ancora molto godibile e spassosa, una commedia romantica che vuole mostrare ciò che si nasconde a livello umano dietro la facciata delle ideologie, condotta con mano da maestro come ci si poteva aspettare dal regista tedesco naturalizzato americano. Magari tra gli spettatori italiani che lo videro nel primo dopoguerra quelli di genuina fede comunista è normale che si risentirono, ma oggi è molto più facile valutarlo con distacco, apprezzare una regia di Lubitsch più dinamica e meno legata alla struttura teatrale di altri suoi film dove l'immagine assume massima evidenza soprattutto nelle scene di confronto tra Ninotchka e Gastone; ovviamente anche per merito del talento degli interpreti, una Garbo molto credibile nel rendere la trasformazione del suo personaggio da donna frigida e legata unicamente ai diktat del partito a persona in grado di valorizzare i sentimenti, così come un Melvyn Douglas solo in apparenza frivolo ma ben calibrato sul personaggio. Il dialogo scritto da Billy Wilder e Charles Brackett è scintillante di arguzia e pieno di battute memorabili, anche se poi è un peccato che negli ultimi venti minuti ambientati in Russia il film ceda un po' troppo agli stereotipi che trasformano anche i tre "inviati speciali" in macchiette un po' scontate, facile preda di una satira che finisce per perdere il suo mordente e arriva ad un lieto fine un po' artificioso anche se ovviamente gradito allo spettatore occidentale. Resta comunque un ottimo film, quasi al livello dei capolavori come "Vogliamo vivere" e "Scrivimi fermo posta", un ennesimo saggio di intelligenza registica da parte di un maestro assoluto della commedia che riuscì a mettere a proprio agio in un ruolo brillante perfino un'attrice come Greta Garbo che aveva interpretato solo ruoli drammatici. In una singola scena appare l'ex conte Dracula Bela Lugosi, già sul viale del tramonto. 

Voto 9/10

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati