Sieranevada

  • Sieranevada

  • Romania, Francia, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Macedonia,
  • Genere: Drammatico
  • durata 173'
play

Regia di Cristi Puiu

Con Mimi Branescu, Barbu Balasoiu, Judith State, Tatiana Lekel Vedi cast completo

In streaming
  • Wuaki
  • Wuaki
  • Chili
  • Chili
In STREAMING

Trama

Lary, un neurologo all'apice della carriera, va con la moglie a Bucarest per una riunione commemorativa in onore del padre, morto quaranta giorni prima. In attesa che giunga il prete, gli ospiti discutono di argomenti vari e in particolar modo degli eventi post 11 settembre. Le opinioni sono molto accese e Lary cerca di calmare gli animi ma, quando tutto sembra sistemarsi, la situazione prende una piega imprevista.

Approfondimento

SIERANEVADA: UNA COMMEMORAZIONE CHE RILEGGE LA STORIA

Scritto e diretto da Cristi Puiu, SieraNevada racconta la storia di Lary, medico quarantenne che, tre giorni dopo l'attentato contro Charlie Hebdo e quaranta giorni dopo la morte del padre, trascorre un sabato in famiglia, riunitasi in occasione della commemorazione dei defunti. L'evento, tuttavia, non va come previsto: le discussioni sono accese e le opinioni tra i familiari divergono. Costretto ad affrontare le proprie paure e il proprio passato e a riconsiderare il suo posto all'interno del nucleo familiare, Lary sarà costretto a rivelare la sua parte di verità.

Con la direzione della fotografia di Barbu Balasoiu, le scenografie di Cristina Barbu e i costumi di Maria Pitea e Doina Raducut, SieraNevada viene così descritto dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «SieraNevada trae vagamente ispirazione da qualcosa occorso nella mia vita. Nel 2007, mentre ero in giuria nella sezione Un certain regard al festival di Cannes, è morto mio padre. Sono rientrato subito a casa e la prima commemorazione, avvenuta poco dopo il funerale, si è rivelata molto strana. C'erano persone che non conoscevo, amici di mio padre e vicini con cui ho avuto qualche discussione. Ricordo anche di aver urlato con una collega di mia madre a proposito della storia del comunismo. La memoria è un elemento fondamentale per la storia del mio film. Con il tempo, ci si rende ad esempio conto già dall'età di 10 anni siamo stati istruiti sulla storia del nostro paese di appartenenza, vedendo le cose in maniera già segnata o decisa da altri. Ciò porta a uno stato di inerzia per cui accettiamo la verità imposta e chiudiamo gli occhi di fronte ad altre possibili spiegazioni: è il prezzo che si deve pagare per divenire parte integrante di una comunità ed evitare l'isolamento. Essere accettati dalla comunità è fondamentale, strutturale. Come le api e le formiche, gli esseri umani vivono in una comunità e, facendone parte, ne accettano ogni sfaccettatura. Quando qualcuno muore, la struttura della comunità viene rimessa in discussione e si genera una lotta di potere, in cui coloro che desiderano prendere il posto del defunto si mostrano con i loro discorsi come se fossero in campagna elettorale. Discorsi che possono evocare anche i principali fatti storici, come accade con il personaggio che in SieraNevada parla dell'11 settembre 2001, anche a sproposito (ciò mi ha permesso però di parlare del comunismo e di rivisitarne la storia, cercando di andare al di là delle approssimazioni).

I personaggi di SieraNevada hanno scambi di opinioni, discutono, inveiscono. Hanno anche molto interesse per il cibo: il pasto è un rito comune a molte culture e rappresenta uno di quei pochi momenti in cui si crea un falso senso di solidarietà. Si muovono anche all'interno di un unico luogo, un appartamento. Viviamo in un mondo di cui conosciamo il limite e l'appartamento può essere concepito come un mondo a sé, geograficamente limitato: lo spazio della casa non è altro che un riflesso dello specchio del mondo in scala ridotta. Il poco spazio a disposizione mi ha convinto poi a scegliere di usare la cinepresa ad altezza d'uomo. La camera in tal modo è diventata un personaggio invisibile attraverso cui lo spettatore può osservare da vicino i personaggi. Se vogliamo, è lo stesso padre defunto che, silenziosamente, osserva la famiglia: del resto, nella tradizione ortodossa, l'anima dei morti vaga in libertà per quaranta giorni».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (3) vedi tutti

  • Le tre ore del film volano, tanto è vicino anche a noi il racconto del nonsenso di quelle vite, e l’inquietudine per quella crisi.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Ritratto di famiglia (rumena, ma anche no) in un interno, l’abilità registica è eccezionale nel padroneggiare il flusso complesso dei temi che emergono e dei registri linguistici che si sovrappongono.

    leggi la recensione completa di yume
  • Vita di tutti i giorni e morte, privata e non solo, si incontrano e incrociano durante una riunione di famiglia organizzata a scopo commemorativo. Sullo sfondo un'Europa in guerra che subisce ferite a tradimento che lasciano il segno.Lunghissimi piani sequenza, dialoghi che rispecchiano la quotidianità per un cinema d'autore che sfida tempo e ritmo

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
7 stelle

Da quando nel 2005 realizzò La morte del signor Lazarescu, Cristi Puiu è uno tra i più gettonati autori della nuova ondata del cinema rumeno e Sieranevada è un titolo monstre, in un certo senso ambizioso, a cominciare dalla sua durata, quasi tre ore, passando per un impasto di osservazioni, frutto di punti di vista tra i più disparati. Recapitata al… leggi tutto

7 recensioni positive

2017
2017

I 24 film del 2017

Decks di Decks

Ci siamo. Un altro anno è passato con le sue gioie e i suoi dolori, con le sue esperienze e tanto altro, ma soprattutto, per noi frequentatori di FilmTV sono trascorsi altri 365 giorni di uscite al cinema, home…

leggi tutto
Playlist
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

omero sala di omero sala
8 stelle

Un film senza trama, che impiega tre ore per raccontare il nulla. I personaggi fanno tutti parte di un ristretto nucleo familiare riunito in un angusto appartamento di Bucarest per una cerimonia funebre: e come in tutte le occasioni che vedono parenti forzatamente riuniti, si chiacchiera a vuoto, si rispolverano ricordi senza troppa convinzione, riaffiorano incomprensioni. (Viene in mente…

leggi tutto

Recensione

Tetsuo35 di Tetsuo35
8 stelle

Puiu ci piazza all'interno di un ricevimento commemorativo per la morte del capo famiglia, chiudendoci dentro a un appartamento insieme a parenti carichi di rancori e piccolezze e ci lascia lì nel bel mezzo della scena con i numerosi personaggi a ruotarci letteralmente attorno (spesso ci troviamo nel corridoio centrale a sbirciare dalle varie porte, con una sensazione che richiama…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

laulilla di laulilla
9 stelle

Il curioso titolo di questo film non allude in alcun modo al suo contenuto, che non è, infatti, né il remake di un western famoso, né un documentario sui monti  spagnoli, per parlare dei quali non si è forse badato troppo all’ortografia. È, invece, un significante senza significato, perché così ha voluto il regista, il rumeno Cristi…

leggi tutto

Recensione

yume di yume
9 stelle

“ Tutta la vita appare come un formidabile equivoco di cui non bisognerebbe mai smettere di ridere” Guido Gozzano   Una risata chiude il film, contagiosa, irresistibile, di quelle che non sai perché ma ridi, e l’ultimo arrivato non sa cosa succede e chiede ma che succede?, ma poi ride anche lui, risucchiato dalla risata, perché è quel che ci vuole…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti

Recensione

nickoftime di nickoftime
8 stelle

Non è la prima volta e crediamo non sarà l’ultima che il cinema romeno racconta il suo paese attraverso l’esistenza di vite ordinarie, e che nel farlo, trasforma le liturgie del quotidiano in una specie di thriller esistenziale in cui i gesti e le azioni si caricano di un senso che oltrepassa quello a cui siamo normalmente abituati. A sorprende in un film come…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Uscito nelle sale italiane il 5 giugno 2017
locandina
Foto
2016
2016

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Da quando nel 2005 realizzò La morte del signor Lazarescu, Cristi Puiu è uno tra i più gettonati autori della nuova ondata del cinema rumeno e Sieranevada è un titolo monstre, in un certo senso ambizioso, a cominciare dalla sua durata, quasi tre ore, passando per un impasto di osservazioni, frutto di punti di vista tra i più disparati. Recapitata al…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

FESTIVAL DI CANNES 2016 - CONCORSO  Nella splendida locandina del film una serie di palazzi grigi in riva al mare si staglia da lontano come la catena montuosa del titolo, interrompendo il deserto circostante. In realtà l'azione (si fa per dire) si svolge a Bucarest, dove un brillante neuropsichiatra è appena tornato dopo un viaggio da Parigi, proprio nel periodo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
locandina
Foto
2015
2015
scena
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito