Espandi menu
cerca
Ossessione

Regia di Luchino Visconti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Albus96

Albus96

Iscritto dal 26 marzo 2018 Vai al suo profilo
  • Seguaci 4
  • Post -
  • Recensioni 146
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Ossessione

di Albus96
7 stelle

Gino, un vagabondo, arriva allo spaccio di Bragana, uomo rozzo sposato con Giovanna. Fra Gino e Giovanna nasce qualcosa sino a che non diventano amanti. Gino cerca di "ravvedersi", allontanandosi. Vaga di paese in paese, ma poi incontra di nuovo i coniugi e la relazione riprende. Giovanna, che ormai odia il marito, istiga Gino ad ucciderlo. Lui ne è sconvolto, ma la donna è molto persuasiva e alla fine lo convince. Bragana viene ucciso. Gino si instaura ormai come compagno ufficiale, anche di fronte alla gente, ma il rimorso e la paura degli amanti sono insopportabili, la vita è un incubo. Decidono di fuggire quando si sentono braccati dalla polizia. In macchina hanno un incidente. Lei muore e lui viene arrestato.

 

Manifesto

Ossessione (1943): Manifesto

Giovanna, Bragana e Gino

 

Tratto dal romanzo Il postino suona sempre due volte di James Cain, Ossessione è la prima opera di Visconti, da molti ritenuta la sua più importante e una delle maggiori del cinema italiano.

Il film è bello, gli attori Clara Calamai e Massimo Girotti splendidi. Mi è piaciuto molto anche Elio Marcuzzo.

Di negativo c'è la lunghezza e il fatto che pur essendoci tensione non si respira mai vera suspense.

Oltre a questo mi aspettavo i sentir parlare con accento marcatmente ferrarese. Solo i giocatori di bocce hanno un accento marcato, per gli altri personaggi non solo non lo ho percepito ma in un paio di casi ho notato un vago accento meridionale.

 

Voto: 7/10 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati